Ducato di Kleve

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Ducato di Kleve
Ducato di Kleve - Stemma
Locator Duchy of Cleves (1560).svg
Dati amministrativi
Nome ufficialeHerzogtum Kleve
Lingue parlatetedesco
CapitaleCleves
Dipendente daSacro Romano Impero
Politica
Forma di governomonarchia
Nascita1092
CausaFondazione del ducato
Fine1795
CausaAnnessione alla Francia
Territorio e popolazione
Economia
Valutatallero di Kleve
Commerci conSacro Romano Impero
Religione e società
Classi socialipatrizi, clero, cittadini, popolo
Evoluzione storica
Preceduto daBassa Lorena
Succeduto daFrancia Regno di Francia

Il ducato di Kleve (in tedesco: Herzogtum Kleve; in francese: Duché de Clèves; in nederlandese: Hertogdom Kleef) fu uno stato del Sacro Romano Impero, diviso tra l'attuale Germania (parte della Renania Settentrionale-Vestfalia) e i Paesi Bassi (parti del Limburgo, del Brabante Settentrionale e della Gheldria). Il suo territorio comprendeva entrambe le rive del Reno, attorno alla capitale, Kleve, comprendente gli attuali distretti di Kleve, Wesel e della città di Duisburg.

La lingua del territorio, oggi parlata dagli anziani, è il Kleverlands, un dialetto del basso francone[1].

Storia[modifica | modifica wikitesto]

La contea di Kleve (Grafschaft Kleve) viene menzionata per la prima volta nell'XI sec. Nel 1417, la contea venne elevata a ducato. La sua storia è strettamente legata a quella dei paesi vicini: i ducati di Jülich, Berg e Gheldria e la Contea di Mark. Nel 1368, Kleve e Mark vennero unite. Nel 1521 Jülich, Berg, Kleve e Mark formarono il ducato unitario di Jülich-Kleve-Berg. Anna di Kleve (1515-1557), regina consorte d'Inghilterra nel 1540 e moglie di Enrico VIII, era figlia di Giovanni III di Kleve.

Quando l'ultimo duca di Kleve morì senza eredi, nel 1609, si originò la guerra di successione di Jülich. Il ducato venne quindi diviso tra il Palatinato-Neuburg (Jülich e Berg) ed il Margraviato di Brandeburgo (Kleve e Mark), con il Trattato di Xanten (1614). Ad ogni modo, gran parte del Ducato di Kleve venne occupata dalle Province Unite sino al 1672. Parte del Regno di Prussia dopo il 1701, Kleve venne occupata dalla Francia durante la Guerra dei sette anni (1757-1762).

Nel 1795 la parte ad ovest del Ducato di Kleve venne occupata dal direttorio francese e divenne parte del dipartimento francese di Roer. Le parti restanti del ducato vennero occupate tra il 1803 ed il 1805, divenendo parte del dipartimento di Yssel-Supérieur e quindi stato vassallo del Granducato di Berg (dopo il 1811, parte del dipartimento di Lippe). Nel 1815, alla sconfitta di Napoleone, il ducato divenne parte della provincia prussiana di Jülich-Kleve-Berg (dopo il 1822, la provincia prussiana del Reno), eccetto le città di Gennep, Zevenaar e Huissen che divennero parte del Regno dei Paesi Bassi.

Reggitori di Kleve[modifica | modifica wikitesto]

Conti di Kleve[modifica | modifica wikitesto]

Conti di Kleve-Mark[modifica | modifica wikitesto]

Duchi di Kleve-Mark-Jülich-Berg-Ravensberg[modifica | modifica wikitesto]

Espressioni celebri[modifica | modifica wikitesto]

Divenne celebre il brocardo «Dux Cliviae imperator est in ducatu suo», o «Dux Cliviae papa est in ducatu suo» («Il duca di Kleve è imperatore nel suo ducato», o «Il duca di Kleve è papa nel suo ducato») per indicare che, una volta diminuita l'autorità imperiale, anche un duca di un ducato non molto importante, di fatto era pienamente sovrano[2].

La principessa di Clèves[modifica | modifica wikitesto]

La principessa di Clèves è un romanzo di Madame de La Fayette

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (NE) J.M. van der Horst - J.A. van Leuvensteijn - W. Pijnenburg - M.C. van den Toorn (a cura di), Laatmiddelnederlands (circa 1350-1550), in Geschiedenis van de Nederlandse taal, Amsterdam, Amsterdam University Press, 1997, p. 157, ISBN 9053562346. URL consultato l'8 febbraio 2018.
  2. ^ (DE) J.M. van der Horst - J.A. van Leuvensteijn - W. Pijnenburg - M.C. van den Toorn (a cura di), Dux Cliviae imperator est in ducatu suo/Dux Cliviae papa est in ducatu suo, su Lexexakt.de - Rechtslexikon, Marburg, Loscher. URL consultato l'8 febbraio 2018.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

  • Fritz Baumgart, KLEVE, in Enciclopedia Italiana, Roma, Istituto dell'Enciclopedia italiana, 1933. URL consultato l'8 febbraio 2018.
Controllo di autoritàVIAF (EN315526186