Prussia Occidentale

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Prussia Occidentale
Coat of Arms of West Prussia.svg Flagge Preußen - Provinz Westpreußen.svg
Prussia Occidentale
Mappa della Prussia Occidentale (in rosso), all'interno dell'Impero tedesco, in bianco il Regno di Prussia.
Informazioni generali
Nome ufficiale Provinz Westpreußen
Nome completo Provincia della Prussia Occidentale
Capoluogo Marienwerder (1773–1793, 1806–1813)
Danzica (1793–1806, 1813–1919)
Superficie 25.534 km² (1890)
Popolazione 1 433 681 (1890)
Evoluzione storica
Inizio 1773
Fine 1922
Causa Applicazione del Trattato di Versailles
Preceduto da Succeduto da
Flag of Prussia (1466-1772) Lob.svg Prussia reale Flagge Preußen - Grenzmark Posen-Westpreußen.svg Posen-Prussia Occidentale
Flagge Preußen - Provinz Ostpreußen.svg Marienwerder
Flag of the Free City of Danzig.svg Città Libera di Danzica
Polonia Voivodato di Pomerania

La Prussia Occidentale (in tedesco: Westpreußen, in polacco: Prusy Zachodnie) fu una provincia del Regno di Prussia dal 1773 al 1824 e dal 1878 al 1918.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Nella guerra dei tredici anni (1454-1466), le città della Pomerelia e della Prussia Occidentale si ribellarono all'Ordine Teutonico e cercarono l'aiuto del Re Casimiro IV di Polonia. Con il Trattato di Toruń del 1466 la Pomerelia e la Prussia Occidentale divennero le province polacche della Prussia Reale, con diritti speciali, specialmente a Danzica, mentre la Prussia Orientale rimase ai Cavalieri Teutonici, ridotti a vassalli della Polonia. La Prussia Reale divenne parte della Confederazione Polacco-Lituana nel 1569.

Gran parte della Prussia Reale fu annessa dal Regno di Prussia con la prima spartizione della Polonia del 1772, e divenne la provincia della Prussia Occidentale l'anno seguente, ad eccezione della Varmia che fu unita al Ducato di Prussia per formare la Prussia Orientale. Nel 1793, con la seconda spartizione della Polonia, la città anseatica di Danzica (Gdańsk), non più in grado di difendersi da sé, fu annessa al Regno di Prussia e aggiunta alla Prussia occidentale. Alcune zone della Grande Polonia annesse nel 1772 che formavano il Distretto di Netze furono aggiunte alla Prussia Occidentale nel 1793.

Nel 1806, con le guerre napoleoniche, le parti meridionali della Prussia Occidentale furono assegnate al Ducato di Varsavia. Dal 1824 al 1878 la Prussia Occidentale fu unita alla Prussia Orientale per formare la Provincia della Prussia, ma dopo il 1878 furono ristabilite come province separate.

Dopo il Trattato di Versailles del 1919, gran parte della Prussia Occidentale fu assegnata alla Seconda Repubblica di Polonia, mentre piccole parti a est e ad ovest della provincia rimasero alla Germania. La parte restante a ovest formò la Marca di Poznań-Prussia Occidentale nel 1922, mentre la parte orientale divenne parte del Distretto della Prussia Occidentale all'interno della Prussia Orientale. Con la Conferenza di Potsdam del 1945, dopo la seconda guerra mondiale, tutta l'ex Prussia Occidentale fu posta sotto l'amministrazione della Polonia e nei decenni successivi fu riconosciuta come parte dello stato polacco anche dalla Germania Est e Ovest. La Landsmannschaft Westpreußen (espressione tedesca che significa "Associazione etnica della Prussia Occidentale") è un'organizzazione non a scopo di lucro formata nel 1948 da rifugiati tedeschi nella Germania Ovest, scacciati dalle loro case nella Prussia Occidentale durante l'occupazione sovietica e durante le espulsioni dei tedeschi dopo la seconda guerra mondiale.

Mappa della Provincia della Prussia Occidentale

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: (EN127854681 · GND: (DE42406-7