Wesel

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Vai alla navigazione Vai alla ricerca
Wesel
Grande città di circondario
Wesel – Stemma
Wesel – Bandiera
Wesel – Veduta
Wesel – Veduta
Localizzazione
StatoBandiera della Germania Germania
Land Renania Settentrionale-Vestfalia
DistrettoDüsseldorf
CircondarioWesel
Territorio
Coordinate51°39′31″N 6°37′04″E / 51.658611°N 6.617778°E51.658611; 6.617778 (Wesel)
Altitudine23 e 29 m s.l.m.
Superficie122,6 km²
Abitanti60 688[1] (31-12-2021)
Densità495,01 ab./km²
Altre informazioni
Cod. postale46483, 46485, 46487
Prefisso(+49) 02803, 0281, 02859
Fuso orarioUTC+1
Codice Destatis05 1 70 048
TargaWES, DIN, MO
Cartografia
Mappa di localizzazione: Germania
Wesel
Wesel
Sito istituzionale

Wesel è una città di 60 688 abitanti[1] della Renania Settentrionale-Vestfalia, in Germania.

Appartiene al distretto governativo (Regierungsbezirk) di Düsseldorf ed è capoluogo del circondario (Kreis) omonimo (targa WES).

Wesel si fregia del titolo di "Grande città di circondario" (Große kreisangehörige Stadt).

Il duomo di S.Willibrordi

Storia[modifica | modifica wikitesto]

La località viene menzionata per la prima volta nell'VIII secolo come Wesele, in un documento del monastero di Echternach. Nel Basso Medioevo si sviluppò come città, e agli inizi del XII secolo divenne possesso dei conti di Kleve, che la tennero per lungo tempo; durante il loro dominio Wesel ottenne però una serie di privilegi, e la crescita della città culminò con l'adesione alla Lega Anseatica nel 1407.

Nel secolo successivo aderì alla riforma protestante, che a differenza di vaste zone della Renania e della Vestfalia rimaste cattoliche, si diffuse qui abbastanza rapidamente. Nel 1609, con l'intero territorio del Ducato di Kleve (nel frattempo elevato da contea), Wesel passò al Brandeburgo, e da allora seguì le sorti del nascente stato prussiano.

Durante la seconda guerra mondiale la città fu tra le più devastate della Germania, venendo pressoché totalmente distrutta in una serie di bombardamenti alleati, trovandosi nell'area più esposta lungo il fronte occidentale, in seguito allo sbarco in Normandia. Pochissimi edifici storici rimangono visibili, di cui i principali sono il duomo medievale di S.Willibrordi, gravemente danneggiato e restaurato nel dopoguerra, e la facciata dello storico Municipio, eretta alla metà del XV secolo in stile tardogotico fiammingo, pressoché unico in Germania; quest'ultima, integralmente distrutta, è stata riedificata nel 2011 nell'aspetto originario, anche per la grande importanza artistica dovuta alla rarità in questa zona dello stile rappresentato.

Veduta parziale della facciata ricostruita del Municipio di Wesel

Note[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN139031556 · SBN BVEL003692 · GND (DE4065697-4 · J9U (ENHE987007309345905171 · WorldCat Identities (ENviaf-139031556
  Portale Germania: accedi alle voci di Wikipedia che parlano della Germania