Ducati Multistrada

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Ducati Multistrada
Ducati Multistrada 1000DS vs the 1100DS-S.jpg
In primo piano una Ducati Multistrada 1100S DS e più indietro una 1000 DS
CostruttoreItalia Ducati
Tipoenduro stradale
Produzionedal 2003
Stessa famigliaDucati Hypermotard
Modelli similiBMW R1200 GS
Honda Transalp
Yamaha Superténéré 1200
Honda Crosstourer

La Ducati Multistrada è una moto di categoria on/off prodotta da Ducati a partire dal 2003 e giunta alla quarta generazione.

Descrizione[modifica | modifica wikitesto]

Prima serie (2003-2009)[modifica | modifica wikitesto]

Al momento della presentazione era disponibile un'unica versione con motore Desmodue DS da 1000 cm³ e 92 CV con frizione a secco, tipica delle Ducati dell'epoca. Nel 2005 sono state introdotte due nuove versioni: la 1000S DS e la 620 dotata del Desmodue da 620 cm³ e 63 CV. La versione S si differenzia dalla base nel reparto sospensioni e in alcuni dettagli della carenatura realizzati in fibra di carbonio. Le sospensioni della versione S sono prodotte dalla Öhlins.

Una Ducati Multistrada 620 ha partecipato alla spedizione Overland 11 "La grande sfida", in compagnia della vecchia Itala e degli altri mezzi di Overland. Vestita di una livrea rigorosamente arancione, la Ducati ha affrontato non solo i 14.000 km da Parigi a Pechino, ma anche intemperie, fango e tante altre difficoltà, riuscendo egregiamente a raggiungere l'obiettivo.

Con l'aggiornamento 2007 cambiano le motorizzazioni della Multistrada: i nuovi modelli sono la 1100 e la 1100 S che resteranno in produzione fino al 2009.

Entrambe montano un motore bicilindrico a L di 1078 cm³ da 95 CV catalizzato della famiglia Desmodue DS. Lo stesso motore equipaggiava la Ducati Hypermotard, ma per la Multistrada si è preferito passare ad una più silenziosa frizione a bagno d'olio. La versione base è disponibile solo nella colorazione rossa ed è equipaggiata con sospensioni Marzocchi e Sachs, mentre per la versione S (che mantiene le sospensioni Öhlins) esistono anche le colorazioni nera e bianco perla.

Le sue caratteristiche principali sono l'agilità e la facilità di guida che ne fanno una "regina dei tornanti", le strade di montagna sono il suo ambiente naturale tanto che per promuoverla Ducati ha inventato la Centopassi, sorta di raduno itinerante che per due o tre giorni porta su e giù per le Alpi i partecipanti.

Seconda serie (2010-2014)[modifica | modifica wikitesto]

Una Ducati Multistrada 1200 II serie

Nel 2010 è stata presentata la seconda serie, con un design completamente rivisto e il nuovo motore Testastretta 11° da 1198 cm³ con raffreddamento a liquido e quattro valvole per cilindro derivato dalla Ducati 1198 stradale.

Le migliorie apportate sono state diverse: il motore, derivato dai modelli sportivi, è stato rivisto nell'angolo di apertura delle valvole per fornire un'erogazione e una potenza più gestibile, fornisce ora una potenza di 110,3 kW (150 CV) a 9250 giri con una coppia di 118,7 Nm (12,1 Kgm) a 7500 giri. Tra le principali innovazioni c'è anche l'equipaggiamento di una centralina sofisticata, capace di selezionare 4 modi di funzionamento differenti: permette di selezionare le configurazioni "Sport", "Touring", "Urban" ed "Enduro" intervenendo sulle sospensioni, sulla sensibilità dell'ABS, del controllo di trazione e sull'erogazione della potenza del motore, dove, nel caso della configurazione Enduro e Urban, la potenza viene ad esempio ridotta a 100 CV. Tutte queste configurazioni sono attivabili con una semplice pressione su un tasto del manubrio.

Sono disponibili inoltre svariati accessori, come le borse laterali (nella versione Touring) per permettere lunghi viaggi, anche in coppia. Si tratta anche dell'unica Ducati che prevede il tagliando ogni 12000 km ed il controllo gioco valvole ogni 24000, ad indicare il livello di affidabilità raggiunta. La sua diretta concorrente, seppur molto meno potente e sportiva, rimane la BMW R1200 GS, moto storica per affrontare viaggi e di indiscussa affidabilità. La trasmissione nel caso della moto tedesca è a cardano, quella della Ducati a catena; inoltre, seppur affidandosi entrambe ad un motore bicilindrico, ne usano due tipologie completamente diverse, il classico motore boxer per la BMW e la disposizione ad L con distribuzione desmodromica per la Ducati.

Con la versione 2013 la Multistrada riceve un aggiornamento di motore, montando il Testastretta 11° DS da 1198 cm³ caratterizzato nuovamente dall'accensione dual spark e da migliorie nei sistemi di iniezione e alimentazione. Queste modifiche consentono di ridurre i consumi mantenendo la stessa potenza di 150 CV a 9250 giri, e migliorando il valore di coppia massima che raggiunge i 124,5 Nm (12,7 Kgm). Viene inoltre lanciata una versione sportiva denominata Pikes Peak, dotata di particolari in fibra di carbonio, silenziatore Termignoni e cerchi forgiati a tre razze.

Terza serie (2015-)[modifica | modifica wikitesto]

Una Ducati Multistrada 1200 S III serie

All'EICMA 2014 viene presentata la nuova versione della Multistrada, caratterizzata dall'innovativo propulsore Testastretta DVT (Desmodromic Variable Timing) da 1198,4 cm³ dotato di fasatura variabile continua sia all'aspirazione che allo scarico, il quale consente di raggiungere la potenza massima di 152 CV a 9500 giri e una coppia massima di 128 Nm a 7500 giri, riducendo emissioni (rispetta la normativa Euro 4) e consumi. Inoltre, l'introduzione di questo nuovo motore prevede il tagliando ogni 15.000km e il controllo gioco valvole a 30.000km. Il telaio in traliccio di tubi è stato ridisegnato, aumentando la luce a terra ma al contempo riducendo l'altezza della sella che ora è regolabile su due posizioni (825mm e 845mm); il forcellone è di tipo monobraccio pressofuso in alluminio.[1]

Sul fronte dell'elettronica viene introdotta la piattaforma inerziale a 4 assi IMU (Inertial Measurement Unit) in grado di misurare dinamicamente gli angoli di rollio, imbardata e beccheggio, nonché la velocità delle relative variazioni di assetto. L'impianto ABS diventa così di tipo cornering (Bosch-Brembo ME9.1), cioè capace di controllare la frenata anche in curva, con la moto in piega. La nuova Multistrada è inoltre dotata di un Ducati Traction Control (controllo di trazione) più evoluto e del Ducati Wheelie Control (controllo anti-impennata) derivato dalla 1199 Panigale. Sulla Multistrada S è inoltre presente il sistema di sospensioni Sachs semi-attive DSS (Ducati Skyhook Suspension) che adegua l'assetto alle condizioni del fondo stradale, i fari full LED con funzione cornering, la strumentazione TFT LCD a colori a matrice attiva ed un impianto frenante maggiorato con dischi Brembo da 330mm abbinati a pinze Brembo M50.[2]

Durante l'EICMA 2015 viene lanciata la variante Enduro, pensata anche per l'utilizzo in fuoristrada e caratterizzata con escursione delle sospensioni anteriore e posteriore di 200mm, forcellone bibraccio, serbatoio maggiorato da 30 litri e cerchi a raggi con anteriore da 19 pollici. Viene inoltre riproposta la variante Pikes Peak, già vista nella seconda serie, dotata di componentistica di ispirazione racing, quali le sospensioni meccaniche Öhlins completamente regolabili, con forcella NiX30 all'anteriore e mono ammortizzatore TTX36 al posteriore entrambe con escursioni di 170mm, dettagli in fibra di carbonio e scarico Termignoni omologato anch'esso in carbonio.[3][4]

Nel novembre 2016 viene presentata all'EICMA di Milano la versione Multistrada 950, equipaggiata col Testastretta 11° da 937 cm³ capace di erogare 113 CV a 9000 giri e omologato Euro 4. Questo modello adotta diverse soluzioni della 1200 Enduro, come la ruota anteriore da 19 pollici e il forcellone bibraccio.[5]

La gamma 2018 porta un'ulteriore novità: la Multistrada 1260 sostituisce le precedenti 1200 DVT e viene dotata anch'essa del Testastretta DVT con cilindrata aumentata a 1262 cm³ per una potenza massima di 158 CV a 9500 giri ed una coppia massima di 129,5 Nm a 7500 giri. Telaio e forcellone subiscono aggiornamenti volti ad incrementare l'interasse (1.585mm contro i 1529mm della precedente1200DVT) per una maggiore stabilità e precisione di guida. La versione S è inoltre dotata di sospensioni Sachs semi-attive, gestite dal DSS (Ducati Skyhook Suspension) Evo, e del cambio DQS (Ducati Quick Shift)che consente al pilota di cambiare marcia, senza l'ausilio della leva della frizione, sia in salita che in scalata. Come per la 1200DVT, la 1260 in versione Pikes Peak è anch'essa dotata di sospensioni meccaniche Öhlins completamente regolabili con forcella NiX30 all'anteriore e mono ammortizzatore TTX36 al posteriore entrambi con escursioni di 170mm, scarico Termignoni omologato in carbonio e componentistica volta all'alleggerimento tra cui cerchi forgiati Marchesini (6 kg in meno rispetto alla 1260 S).[6]

Per il 2019 anche la versione Enduro riceve il motore 1260[7], ma con una riduzione dell'escursione delle sospensioni anteriore e posteriore che passa dai 200mm della precedente 1200 a 185mm, mentre la 950 viene aggiornata con l'adozione della piattaforma inerziale, carenature simili alla sorella maggiore e alleggerimenti su cerchi e forcellone. Debutta inoltre la 950 S equipaggiata con sospensioni Sachs semi-attive DSS, cambio DQS Up&Down e proiettore full led.[8]

La gamma 2020 vede l'introduzione della Multistrada 1260 S Grand Tour, studiata per i lunghi viaggi. E' equipaggiata di serie con borse laterali, cavalletto centrale, manopole riscaldabili, sella dedicata, faretti fendinebbia, tappo carburante ad apertura elettronica senza chiave e sensore di pressione degli pneumatici.[9]

Per il 2021, le versioni 1260 vengono sostituite dalla nuova generazione V4; rimangono in produzione le 950 con propulsore aggiornato per rispondere alla normativa Euro 5.

Quarta serie (2021-)[modifica | modifica wikitesto]

La gamma 2021 porta al debutto la quarta generazione, caratterizzata da importanti novità. La più evidente riguarda il nuovo propulsore V4 Granturismo da 1158 cm³ e 170 CV a 10500 giri: si tratta di un quattro cilindri che abbandona la storica distribuzione desmodromica per un più classico ritorno a molle delle valvole. Anche il telaio viene rivoluzionato: dal traliccio in tubi d'acciaio si passa al monoscocca in alluminio. Come già visto sui precedenti modelli Enduro e 950, vengono adottati il forcellone bibraccio e la ruota anteriore da 19" su tutta la gamma. Sulla V4 le sospensioni sono Marzocchi meccaniche completamente regolabili, mentre la V4 S è dotata di sospensioni semi-attive Ducati Skyhook Suspension Evolution con funzione auto-leveling per la regolazione automatica dell'altezza da terra. Un'anteprima assoluta è costituita dal sistema ARAS caratterizzato da radar anteriore e posteriore, mediante il quale è possibile l'implementazione del cruise control adattivo e del blind spot detection.[10]

Modelli[modifica | modifica wikitesto]

Ducati Multistrada 1260 Pikes Peak
Serie Modello Anni Motore
Prima 1000 DS 2003-2006 Desmodue DS 992 cm³
1000S DS 2005-2006
620 2005-2006 Desmodue 618 cm³
620 Dark 2005-2006
1100 2007-2009 Desmodue DS 1078 cm³
1100S 2007-2009
Seconda 1200 2010-2012 Testastretta 11° 1198 cm³
1200S Sport 2010-2012
1200S Touring 2010-2012
1200S Pikes Peak 2012
1200 2013-2014 Testastretta 11° DS 1198 cm³
1200S Touring 2013-2014
1200S Pikes Peak 2013-2014
1200S Granturismo 2013-2014
1200S D-air 2014
Terza 1200 2015-2017 Testastretta DVT 1198 cm³
1200S 2015-2017
1200S D-Air 2015-2017
1200 Enduro 2016-2018
1200 Pikes Peak 2016-2017
950 2017- Testastretta 11° 937 cm³
950S 2019-
1260 2018-2020 Testastretta DVT 1262 cm³
1260S 2018-2020
1260S D-Air 2018-2020
1260 Pikes Peak 2018-2020
1260 Enduro 2019-
1260S Grand Tour 2020
Quarta V4 2021- V4 Granturismo 1158 cm³
V4 S 2021-
V4 S Sport 2021-

Dati tecnici[modifica | modifica wikitesto]

Caratteristiche tecniche - Ducati Multistrada 620
Ducati Multistrada 620 Dark.jpg
Dimensioni e pesi
Altezze Sella: 830 mm
Interasse: 1459 mm Massa a vuoto: 183 kg Serbatoio: 15 l (Riserva 4 l)
Meccanica
Tipo motore: Bicilindrico a L 4 tempi Raffreddamento: ad aria
Cilindrata 618 cm³ (Alesaggio 80,0 x Corsa 61,5 mm)
Distribuzione: Desmodromica a due valvole per cilindro comandate da quattro bilancieri e da un albero di distribuzione in testa. Alimentazione: Iniezione elettronica indiretta a corpi farfallati da 45 mm
Potenza: 63 CV (46,4 kW) a 9.500 giri/min Coppia: 5,7 kg·m a 6.750 giri/min Rapporto di compressione: 10,5:1
Frizione: APTC multidisco in bagno d'olio con comando idraulico Cambio: a 6 rapporti

1° 13/32 (2,461) 2° 18/30 (1,666) 3° 21/28 (1,333) 4° 23/26 (1,130) 5° 22/22 (1,000) 6° 26/24 (0,923)

Accensione elettronica
Trasmissione Primaria a ingranaggi a denti dritti (rapporto di riduzione 1,85:1), secondaria a catena 15/48 (3,200:1)
Avviamento Elettrico
Ciclistica
Telaio Traliccio in acciaio
Sospensioni Anteriore: a forcella Marzocchi a steli rovesciati da 43 mm / Posteriore: monobraccio oscillante e monoammortizzatore Sachs (regolabile nel precarico e nella compressione)
Freni Anteriore: a doppio disco semiflottante forato da 300 mm / Posteriore: a disco forato da 245 mm
Pneumatici radiale tubeless anteriore da 120/60 17" su cerchio con canale da 3,5"; posteriore da 160/60 17" su cerchio con canale da 4,5"
Altro
Normativa Antinquinamento Euro 2
Fonte dei dati: [1]
Caratteristiche tecniche - Ducati Multistrada 1000
Ducati Multistrada 1000s DS.jpg
Dimensioni e pesi
Altezze Sella: 850 mm
Interasse: 1462 mm Massa a vuoto: 196 kg Serbatoio: 20 l (Riserva 6,5 l)
Meccanica
Tipo motore: Bicilindrico a L 4 tempi Raffreddamento: ad aria
Cilindrata 992 cm³ (Alesaggio 94,0 x Corsa 71,5 mm)
Distribuzione: Desmodromica a due valvole per cilindro comandate da quattro bilancieri e da un albero di distribuzione in testa. Alimentazione: Iniezione elettronica indiretta a corpi farfallati da 45 mm
Potenza: 92 CV (67,7 kW) a 8.000 giri/min Coppia: 9,4 kg·m a 5.000 giri/min Rapporto di compressione: 10:1
Frizione: multidisco a secco con comando idraulico Cambio: a 6 rapporti

1° 15/37 (2,466) 2° 17/30 (1,765) 3° 20/27 (1,350) 4° 22/24 (1,091) 5° 24/23 (0,958) 6° 28/24 (0,857)

Accensione elettronica
Trasmissione Primaria a ingranaggi a denti dritti (rapporto di riduzione 1,84:1), secondaria a catena 15/42 (2,800:1)
Avviamento Elettrico
Ciclistica
Telaio Traliccio in acciaio
Sospensioni Anteriore: a forcella Showa a steli rovesciati da 43 mm (completamente regolabile) / Posteriore: monobraccio oscillante e monoammortizzatore Showa (completamente regolabile)
Freni Anteriore: a doppio disco semiflottante forato da 320 mm / Posteriore: a disco forato da 245 mm
Pneumatici radiale tubeless anteriore da 120/70 17" su cerchio con canale da 3,5"; posteriore da 180/55 17" su cerchio con canale da 5,5"
Altro
Normativa Antinquinamento Euro 2
Fonte dei dati: [2]
Caratteristiche tecniche - Ducati Multistrada 1100
Ducati DS1100 - Flickr - exfordy.jpg
Dimensioni e pesi
Ingombri (lungh.×largh.×alt.) 2130 × ? × 1340 mm
Altezze Sella: 850 mm - Minima da terra: 186 mm - Pedane: 341 mm
Interasse: 1462 mm Massa a vuoto: 196 kg Serbatoio: 20 l (Riserva 6,5 l)
Meccanica
Tipo motore: Bicilindrico a L 4 tempi Raffreddamento: ad aria
Cilindrata 1078 cm³ (Alesaggio 98,0 x Corsa 71,5 mm)
Distribuzione: Desmodromica a due valvole per cilindro comandate da quattro bilancieri e da un albero di distribuzione in testa. Alimentazione: Iniezione elettronica indiretta a corpi farfallati da 45 mm
Potenza: 95 CV (70 kW) a 7.750 giri/min Coppia: 102,9 N·m - 10,5 kgm a 4.750 giri/min Rapporto di compressione:
Frizione: multidisco in bagno d'olio con comando idraulico Cambio: a 6 rapporti
Accensione elettronica
Trasmissione Primaria a ingranaggi a denti dritti, secondaria a catena 15/42 (2,800:1)
Avviamento Elettrico
Ciclistica
Telaio traliccio in acciaio
Sospensioni Anteriore: a forcella oleodinamica a steli rovesciati Marzocchi da 43 mm (completamente regolabile precarico, freno in compressione, freno in estensione) / Posteriore: monobraccio oscillante e monoammortizzatore Sachs (completamente regolabile)
Freni Anteriore: a doppio disco semiflottante forato da 320 mm / Posteriore: a disco forato da 245 mm
Pneumatici radiale tubeless anteriore da 120/70 e posteriore da 180/55
Prestazioni dichiarate
Velocità massima oltre 200 km/h
Consumo 22 km/l
Altro
Normativa Antinquinamento Euro 3
Fonte dei dati: [senza fonte]
Caratteristiche tecniche - Ducati Multistrada 1200
Ducati Multistrada-red.jpg
Dimensioni e pesi
Altezze Sella: 850 mm
Interasse: 1530 mm Massa a vuoto: 189 kg Serbatoio: 20 l
Meccanica
Tipo motore: Bicilindrico a L 4 tempi Raffreddamento: a liquido
Cilindrata 1198,4 cm³ (Alesaggio 106,0 x Corsa 67,9 mm)
Distribuzione: Desmodromica a 4 valvole per cilindro comandate da quattro bilancieri e da un albero di distribuzione in testa. Alimentazione: Iniezione elettronica indiretta Mitsubishi a corpi farfallati ellittici
Potenza: 150 CV (110,3 kW) a 9.250 giri/min Coppia: 118,7 N·m a 7.500 giri/min Rapporto di compressione: 11,2:1
Frizione: multidisco in bagno d'olio con comando idraulico, con sistema d'asservimento e antisaltellamento Cambio: a 6 rapporti

1° 15/37 (2,466) 2° 17/30 (1,765) 3° 20/27 (1,350) 4° 22/24 (1,091) 5° 24/23 (0,958) 6° 25/22 (0,880)

Accensione elettronica
Trasmissione Primaria a ingranaggi a denti dritti (rapporto di riduzione 1,84:1), secondaria a catena 15/40 (2,667:1)
Avviamento Elettrico
Ciclistica
Telaio traliccio in acciaio
Sospensioni Anteriore: a forcella a steli rovesciati Marzocchi da 50 mm (completamente regolabile precarico, freno in compressione, freno in estensione) / Posteriore: monobraccio oscillante e monoammortizzatore (completamente regolabile)
Freni Anteriore: a doppio disco semiflottante forato da 320 mm / Posteriore: a disco forato da 245 mm
Pneumatici radiale tubeless anteriore da 120/70 17" su cerchio con canale da 3,5"; posteriore da 190/55 17" su cerchio con canale da 6"
Altro
Normativa Antinquinamento Euro 3
Fonte dei dati: [3]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Ducati Multistrada 1200 MY 2015: ecco dove vederla dal vivo, su Motoblog.it. URL consultato l'8 luglio 2016.
  2. ^ EICMA 2014 - Nuova Ducati Multistrada, nuova dentro e fuori, su insella.it. URL consultato l'8 luglio 2016.
  3. ^ Ducati Multistrada 1200 Enduro 2016, su Motoblog.it. URL consultato l'8 luglio 2016.
  4. ^ Ducati Multistrada 1200 Enduro: 160 CV per l’off-road, su dueruote.it. URL consultato l'8 luglio 2016.
  5. ^ Ducati Multistrada 950 ad EICMA 2016: foto e dati, su moto.it. URL consultato il 7 novembre 2016.
  6. ^ EICMA 2017 - Ducati Multistrada 1260, cresce e migliora, su insella.it. URL consultato il 5 novembre 2018.
  7. ^ La nuova Ducati Multistrada 1260 Enduro, su motociclismo.it. URL consultato il 5 novembre 2018.
  8. ^ Nuova Multistrada 950: iniezione di tecnologia, anche in versione S, su motociclismo.it. URL consultato il 5 novembre 2018.
  9. ^ La nuova Ducati Multistrada 1260 S Grand Tour, su motociclismo.it. URL consultato il 5 novembre 2010.
  10. ^ Ducati Multistrada V4 2021: foto e scheda tecnica, su moto.it. URL consultato il 5 novembre 2020.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]