Dipartimento per le politiche della famiglia

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Dipartimento per le politiche della famiglia
Gov-politichefamiglia.jpg
PCM via della Mercede 9.jpg
Sede del Dipartimento
StatoItalia Italia
TipoDipartimento della Presidenza del Consiglio dei ministri
Capo del DipartimentoErmenegilda Siniscalchi
SedeRoma
IndirizzoVia della Mercede, 9 -
00187 Roma
Sito web

Il Dipartimento per le politiche della famiglia della Presidenza del Consiglio dei ministri è la struttura di supporto per la promozione e il raccordo delle azioni di Governo volte ad assicurare l'attuazione delle politiche in favore della famiglia in ogni ambito e a garantire la tutela dei diritti della famiglia in tutte le sue componenti e le sue problematiche generazionali.

Competenze[modifica | modifica wikitesto]

Il Dipartimento svolge le seguenti funzioni:

  • cura, avvalendosi dell'Osservatorio nazionale sulla famiglia ed attraverso la redazione del Piano nazionale per la famiglia, l'elaborazione e il coordinamento delle politiche nazionali, regionali e locali per la famiglia e ne assicura il monitoraggio e la valutazione;
  • concorre, mediante la gestione delle risorse afferenti al Fondo per le politiche della famiglia, al finanziamento delle medesime politiche;
  • promuove e coordina le azioni del Governo dirette a contrastare la crisi demografica e a sostenere la maternità e la paternità;
  • promuove intese in sede di Conferenza unificata relative, tra l'altro, allo sviluppo del sistema territoriale dei servizi socio-educativi, alla riorganizzazione dei consultori familiari, alla qualificazione del lavoro delle assistenti familiari, alla riduzione del costo dei servizi per le famiglie numerose;
  • promuove, incentiva e finanzia le iniziative di conciliazione dei tempi di lavoro e dei tempi di cura della famiglia;
  • promuove e coordina le azioni del Governo in materia di relazioni giuridiche familiari e di adozioni nazionali ed internazionali;
  • cura l'attività di informazione e di comunicazione istituzionale in materia di politiche per la famiglia;
  • assicura la presenza del Governo negli organismi nazionali, europei e internazionali competenti in materia di tutela della famiglia;
  • fornisce supporto, unitamente alle altre amministrazioni centrali dello Stato competenti, all'attività dell'Osservatorio nazionale per l'infanzia e l'adolescenza e del Centro di documentazione e di analisi per l'infanzia e l'adolescenza.[1]

Organizzazione[modifica | modifica wikitesto]

Il dipartimento è retto dal Capo del Dipartimento e si articola nelle seguenti strutture:

  • Ufficio I - Interventi per la conciliazione, comunicazione e gestione
    • Servizio I - Interventi per la conciliazione
    • Servizio II - Comunicazione, affari generali, personale e bilancio
  • Ufficio II - Politiche per la famiglia
    • Servizio I - Promozione e monitoraggio delle politiche per la famiglia
    • Servizio II - Promozione dei servizi per la famiglia, relazioni internazionali e comunitarie[2]

Note[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]