Dipartimento per la trasformazione digitale

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Dipartimento per la trasformazione digitale
Trevi - l go P di Brazzà - Dataria P1030822.JPG
Palazzo Maccarani, sede del Dipartimento
SiglaDTD
StatoItalia Italia
TipoDipartimento della Presidenza del Consiglio dei ministri
Istituito19 giugno 2019
daGoverno Conte II
PredecessoreDipartimento per l'innovazione e le tecnologie (1983-2012)
Commissario straordinario del Governo per l'attuazione dell'Agenda digitale (2017-2019)
MinistroVittorio Colao
Sottosegretario di StatoAssuntela Messina
IndirizzoLargo Pietro di Brazzà, 86 — 00187 Roma
Sito webinnovazione.gov.it

Il Dipartimento per la trasformazione digitale (DTD) è un dipartimento della Presidenza del Consiglio dei Ministri preposto alla definizione delle politiche per la modernizzazione del Paese con le tecnologie digitali e al coordinamento e all'attuazione dei programmi di trasformazione digitale.

La struttura, istituita con DPCM 19 giugno 2019[1], nasce per proseguire il lavoro del commissario straordinario del governo per l’attuazione dell’agenda digitale (2017-2019) ed ha competenze analoghe al fu Dipartimento per l'innovazione e le tecnologie (DIT), soppresso nel 2012.

Le materie trattate dal dipartimento rientrano nelle deleghe dei ministri per l'innovazione tecnologica e la digitalizzazione (carica di ministro senza portafoglio all'interno della Presidenza del Consiglio dei Ministri).

I capi dipartimento che si sono susseguiti sono:

  • Mauro Minenna, 4/2021 - in carica
  • Luca Attias, 1/2020 - 3/2021

Note[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Diritto Portale Diritto: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di diritto