Dipartimento per la trasformazione digitale

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Dipartimento per la trasformazione digitale
SiglaDTD
StatoItalia Italia
TipoDipartimento della Presidenza del Consiglio dei ministri
Istituito19 giugno 2019
daGoverno Conte I
PredecessoreDipartimento per l'innovazione e le tecnologie (1983-2012)
Commissario straordinario del Governo per l'attuazione dell'Agenda digitale (2017-2019)
MinistroPaola Pisano
Capo dipartimentoLuca Attias
Sito webinnovazione.gov.it

Il Dipartimento per la trasformazione digitale è un dipartimento della Presidenza del Consiglio dei ministri preposto alla definizione delle politiche per la modernizzazione del Paese con le tecnologie digitali e al coordinamento e all'attuazione dei programmi di trasformazione digitale.

La struttura, istituita con DPCM 19 giugno 2019[1], nasce per proseguire il lavoro del Commissario straordinario del Governo per l’attuazione dell’Agenda digitale (2017-2019) e ha competenze analoghe al fu Dipartimento per l'innovazione e le tecnologie (DIT) soppresso nel 2012.

Il dipartimento rientra nelle deleghe del ministro senza portafoglio Paola Pisano, in carica dal 5 settembre 2019.

Il capo dipartimento è Luca Attias, in carica dal 1º gennaio 2020.

Note[modifica | modifica wikitesto]

Diritto Portale Diritto: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di diritto