Angelo Borrelli

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Angelo Borrelli
Angelo Borrelli 2018 crop.jpg

Capo del Dipartimento della Protezione Civile
In carica
Inizio mandato 8 agosto 2017
Predecessore Fabrizio Curcio

Vice Capo del Dipartimento della Protezione Civile
Durata mandato 2011 –
7 agosto 2017
Successore Agostino Miozzo

Dati generali
Titolo di studio Laurea in Economia e Commercio
Università Università degli Studi di Cassino e del Lazio Meridionale
Professione Revisore dei conti, commercialista

Angelo Borrelli (Santi Cosma e Damiano, 18 novembre 1964) è un funzionario italiano, dall'8 agosto 2017 capo del Dipartimento della Protezione Civile.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Studi e inizi[modifica | modifica wikitesto]

Nato nel 1964 in provincia di Latina, si è laureato in Economia e Commercio all'Università degli Studi di Cassino, diventando revisore dei conti e commercialista.[1]

Carriera[modifica | modifica wikitesto]

Nel 2000 entra nell'Ufficio Nazionale per il Servizio Civile della Presidenza del Consiglio. Nel 2002 è dirigente del Dipartimento della Protezione Civile della Presidenza del Consiglio, in cui scala in pochi anni tutti i ruoli dal basso fino alla carica nel 2008 di Coordinatore dell'Ufficio Amministrazione e Bilancio.

Borrelli ha partecipato alle fasi più drammatiche dei terremoti italiani che si sono succeduti negli ultimi anni: prima nel 2009 in Abruzzo, poi nel 2012 in Emilia e per finire nel sisma verificatosi nel 2016 in Centro-Italia.[2]

Nel 2010 diviene vice-capo dell'Area Tecnica del Dipartimento. Dal 2011 è stato vice-capo della Protezione civile.[3]

In seguito all'abbandono dell'incarico per motivi personali di Fabrizio Curcio di cui era il vice, l'8 agosto 2017 Borrelli diviene capo del Dipartimento della Protezione Civile della Presidenza del consiglio.[2]

Controversie[modifica | modifica wikitesto]

Nel 2009 è stato indagato dalla Corte dei conti, con Guido Bertolaso, riguardo a contratti legati al trasferimento del summit del G8 a L'Aquila, con l'accusa di aver cagionato un danno erariale di 5 milioni di euro.[4] Nel 2014, per un errore procedurale, l’accusa è decaduta.[5]

Onorificenze[modifica | modifica wikitesto]

Commendatore dell'Ordine al merito della Repubblica italiana - nastrino per uniforme ordinaria Commendatore dell'Ordine al merito della Repubblica italiana
— 21 dicembre 2017[6]

Note[modifica | modifica wikitesto]

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Predecessore Capo del Dipartimento della Protezione Civile Successore Dipartimento della Protezione Civile.svg
Fabrizio Curcio 8 agosto 2017 - in carica
Biografie Portale Biografie: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di biografie