Cosmic Music

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Cosmic Music
Artista John Coltrane, Alice Coltrane
Tipo album Studio
Pubblicazione 1968
Dischi 1
Tracce 4
Genere Free jazz
Jazz
Etichetta Coltrane Records
CRC-5000
Impulse! Records
AS-9148
Produttore Bob Thiele
Registrazione 2 febbraio 1966, San Francisco
29 gennaio 1968, New York
John Coltrane - cronologia
Album precedente
(1968)

Cosmic Music è un album discografico del musicista jazz John Coltrane e della moglie Alice Coltrane. Il disco venne originariamente pubblicato postumo nel 1968 dalla Coltrane Records dopo la morte di John Coltrane, per poi essere ripubblicato nel febbraio 1969 dalla Impulse! Records.[1]

Nell'album, John Coltrane è presente effettivamente solo in due brani: Manifestation e Reverend King risalenti a sessioni in studio del 1966. Lord, Help Me To Be e The Sun furono incisi da Alice Coltrane nel 1968, dopo la morte del marito. Successivamente, queste ultime due tracce furono anche inserite come bonus tracks nella ristampa in CD dell'album di Alice Coltrane A Monastic Trio.

Il disco[modifica | modifica wikitesto]

Origine e storia[modifica | modifica wikitesto]

Per la prima uscita di un album dell'etichetta personale di John Coltrane, la Coltrane Records che ebbe vita brevissima, la moglie del defunto sassofonista, Alice Coltrane, decise di mettere mano a delle registrazioni del marito originariamente effettuate in una seduta in studio nel 1966 con la partecipazione di Pharoah Sanders, Jimmy Garrison, Rashied Ali, e della stessa Alice. In quella session erano stati incisi quattro brani: Manifestation, Reverend King, Peace on Earth, e Leo. Per due anni i nastri rimasero in un cassetto nella casa dei Coltrane a Long Island. All'inizio del 1968, Alice decise di affiancare due sue composizioni a Manifestation e Reverend King. I nuovi brani della Coltrane, Lord, Help Me To Be e The Sun (che contiene all'inizio la sovraincisione di un'invocazione in forma di preghiera cantata da John Coltrane e Sanders nel '66), erano il frutto di una sessione del gennaio precedente con Sanders, Garrison, e il batterista Ben Riley.[2]

Pubblicazione[modifica | modifica wikitesto]

La prima edizione dell'LP venne pubblicata nel 1968 dalla Coltrane Records (n. di cat. CRC-5000)[3] con una copertina che recava i nomi di Alice e John Coltrane sullo sfondo di un disegno in bianco e nero attribuito al sassofonista. L'etichetta storica di Coltrane, la Impulse! Records rimase spiazzata dalla pubblicazione dell'album.[2] Anche se Coltrane era morto, la casa discografica conservava ancora un contratto di esclusiva sui diritti di pubblicazione della musica dell'artista. Non volendo intentare una causa legale contro la vedova Coltrane, la Impulse! le propose un vantaggioso accordo: Alice avrebbe avuto l'ultima parola sulla scelta del materiale ancora inedito del marito da pubblicare in futuro, ma della distribuzione, grafica e produzione degli album si sarebbe occupata l'etichetta. La Coltrane accettò la proposta e l'album uscì una seconda volta nel febbraio '69 questa volta ufficialmente per la Impulse! (n° cat. AS-9148) e con una copertina differente raffigurante il volto di John Coltrane fotografato da Jim Marshall sovrapposto ad una immagine della Luna.[2]

Tracce[modifica | modifica wikitesto]

  1. Manifestation (John Coltrane) - 11:44
  2. Lord, Help Me To Be (Alice Coltrane) -
  3. Reverend King (John Coltrane) - 10:45
  4. The Sun (Alice Coltrane) -

Le tracce sono state pubblicate anche sotto altro nome:

  1. Manifestation - 11:44
  2. Reverend King (Written in the Honor of Reverend Martin Luther King Jr.) - 10:45
  3. Peace on Earth - 9:03
  4. Leo - 10:08

Musicisti[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Kahn, Ashley. The House that Trane Built - la storia della Impulse Records, Il Saggiatore, Milano, 2007, pag. 186-187, ISBN 978-88-4281309-5
  2. ^ a b c Kahn, Ashley. The House that Trane Built - la storia della Impulse Records, Il Saggiatore, Milano, 2007, pag. 187, ISBN 978-88-4281309-5
  3. ^ Kahn, Ashley. The House that Trane Built - la storia della Impulse Records, Il Saggiatore, Milano, 2007, pag. 184, ISBN 978-88-4281309-5
Jazz Portale Jazz: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di jazz