Corrado Ocone

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Corrado Ocone

Corrado Ocone (Benevento, 5 marzo 1963) è un filosofo e saggista italiano.

Si occupa soprattutto di temi concernenti il neoidealismo italiano e la teoria del liberalismo.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Allievo di Raffaello Franchini, è borsista dell'Istituto Italiano per gli Studi Storici di Napoli negli anni 1993-1994[1]. Qui ha l'opportunità di lavorare direttamente nella biblioteca personale di Benedetto Croce e con l'aiuto di Alda Croce, figlia del filosofo, raccoglie e analizza il materiale scritto nel mondo su di lui. Un frutto parziale e selezionato del suo lavoro vede la luce nel 1993 nel volume Bibliografia ragionata degli studi su Benedetto Croce pubblicata dalla ESI (Edizioni Scientifiche Italiane) di Napoli, che vince l'anno successivo la prima edizione[2] del "Premio nazionale di saggistica Benedetto Croce", istituito dall'Istituto Nazionale Studi Crociani.

È stato direttore scientifico della Fondazione Luigi Einaudi di Roma,[3] dalla quale è stato successivamente allontanato per le sue posizioni nazionaliste[3][4]. Successivamente è entrato a far parte della Fondazione Giuseppe Tatarella[5] ed è diventato Direttore Scientifico di Nazione Futura[6].

È anche membro del Comitato Scientifico della Fondazione Cortese di Napoli[7], del Comitato Storico Scientifico della Fondazione Bettino Craxi[8], del Comitato Scientifico dell'Istituto Internazionale Jacques Maritain[9] e del Comitato Scientifico della Fondazione Farefuturo[10].

Attività e pensiero[modifica | modifica wikitesto]

Nel 1995 fonda a Napoli, con un piccolo gruppo di laureati e laureandi della Federico II, cittadini sanniti e napoletani, il trimestrale "CroceVia" edito dalla ESI (Edizioni Scientifiche Italiane), che si propone di rinnovare il messaggio crociano e che entra in poco tempo nel dibattito culturale nazionale. Nel 2008 i suoi studi crociani prendono corpo nel volume Benedetto Croce, Il liberalismo come concezione della vita, pubblicato dall'editore Rubbettino nella collana “Maestri liberali” della Fondazione Luigi Einaudi di Roma[11]. Il volume, presentando l'immagine originale di un Croce partecipe del processo europeo di distruzione delle categorie epistemiche, ha numerose recensioni[12][13][14]. A partire dalla sua interpretazione di Croce, Ocone elabora la prospettiva di un liberalismo senza teoria, cioè storicistico e non fondazionistico. Il suo progetto filosofico può essere così formulato: riconquistare il liberalismo alla filosofia; ritornare in filosofia all'idealismo; ricongiungere il liberalismo con l'idealismo (si vedano, a tal proposito, gli interventi di Ocone nella polemica fra neorealisti e postmodernisti).[15] In quest'ordine di discorso, Ocone ritiene che la critica rivolta a Croce di essere un liberale anomalo, in quanto nel suo pensiero il concetto di individuo sarebbe sacrificato, vada ribaltato: l'individualismo non è affatto consustanziale al liberalismo, ma si è legato ad esso solo in una sua prima fase di sviluppo (all'inizio della modernità). Quello di Ocone è un liberalismo che non prescinde né dal senso storico né dal realismo politico. Successivamente il pensiero di Ocone ha assunto molti caratteri propri dello scetticismo politico di Michael Oakeshott[16], in particolare della sua critica del razionalismo, del perfezionismo e del paternalismo. Egli ha pertanto insistito sul carattere “anticonformistico” e “eretico” del liberalismo, sulla priorità in esso del momento “negativo” o della contraddizione. La critica delle ideologie, e in particolare del “politicamente corretto”, diviene in quest'ottica il correlato pratico degli approdi antimetafisici della filosofia contemporanea. E filosofia e liberalismo finiscono per coincidere[17]

Da ultimo, la sua riflessione ha messo a tema il significato teorico e storico dell’affermarsi dei cosiddetti “populismi” e “sovranismi”. Essi, prima di essere ostracizzati, vanno per Ocone capiti: pur in modo confuso e contraddittorio, lungi dall'essere un “incidente di percorso” incorso al processo di globalizzazione in atto, essi ne segnalano la definitiva crisi dell’ideologia portante: il globalismo[18]. Questa ideologia può essere considerata una radicalizzazione coerente della mentalità illuministica e progressista, cioè da una parte del processo di secolarizzazione e razionalizzazione e dall'altra dello speculare e connesso relativismo e nichilismo[19][20]. I “populismi” sono perciò per Ocone movimenti di reazione ai meccanismi di spoliticizzazione (e connesso “disciplinamento” in senso foucaultiano) propri della globalizzazione, che aveva definito la sua ideologia all’incrocio fra le idee di due “deviazioni” dell’autentico liberalismo: il neoliberismo, sul versante economico, e la cultura liberal sul versante di un diritto globale fortemente eticizzato.

Ocone ha scritto su diverse riviste scientifiche e culturali e sui maggiori organi di stampa nazionali. Attualmente è nella redazione della rivista “LeSfide”[21], edita dalla Fondazione Craxi, e nel Comitato editoriale dell quotidiano online “L’Occidentale”[22]. Collaboratore de “Il Giornale” e de “Il Riformista”, è opinionista politico di “formiche.net”, “Huffpost” e “nicolaporro.it”. Molto seguita è la sua rubrica domenicale di riflessione politico-culturale “Ocone’s Corner” sulla rivista online “startmagazine”.

Curiosità[modifica | modifica wikitesto]

Un estratto di un suo articolo (Intervista a Remo Bodei, in Corrado Ocone, Prendiamola con filosofia, Il Mattino, 30/12/2003) è stato utilizzato dal Ministero dell'Istruzione, dell'Università e della Ricerca come documento per la stesura della traccia della prova scritta di Italiano negli esami di Stato conclusivi dei corsi di studio di istruzione secondaria superiore a.s. 2003/2004 (Tipologia B - Redazione di un saggio breve o di un articolo di giornale - 2. Ambito socio-economico - Argomento: La riscoperta della necessità di «pensare»)[23].

Nella sezione Dal dopoguerra ai giorni nostri, Percorso 9f Il dibattito delle idee - Dall'“impegno” al postmoderno, del volume 6 (Dal periodo tra le due guerre ai giorni nostri) dell'antologia "Il piacere dei testi"[24], editore Paravia, è contenuto il suo saggio "Né neorealisti né postmodernisti" da "qdR"[25].

Opere[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Cfr. Archivio borsisti in Istituto Italiano per gli Studi Storici
  2. ^ Premio Benedetto Croce, su mediamuseum.it. URL consultato il 13 luglio 2017 (archiviato dall'url originale il 24 giugno 2017).
  3. ^ a b Comitato Scientifico, su fondazioneluigieinaudi.it.
  4. ^ Riccardo Ficara, La Fondazione Einaudi allontana Corrado Ocone perché "filo-sovranista", su Secolo Trentino, 17 marzo 2019. URL consultato il 6 maggio 2019 (archiviato dall'url originale il 6 maggio 2019).
  5. ^ La Fondazione, su fondazionegiuseppetatarella.it.
  6. ^ Organigramma, su nazionefutura.it.
  7. ^ Fondazione Cortese di Napoli in http://www.fondazionecortese.it/
  8. ^ Fondazione Craxi, su fondazionecraxi.org. URL consultato il 18 settembre 2015 (archiviato dall'url originale il 6 marzo 2016).
  9. ^ Comitato Scientifico dell'Istituto Internazionale Jacques Maritain, su istituto.maritain.net.
  10. ^ Comitato Scientifico e di indirizzo, su farefuturofondazione.it.
  11. ^ Copia archiviata (PDF), su rubbettino.it. URL consultato il 5 dicembre 2010 (archiviato dall'url originale il 10 ottobre 2007).
  12. ^ Gianni Vattimo - Pubblicazioni - La recensione Archiviato il 16 febbraio 2006 in Internet Archive.
  13. ^ Caffe' Europa, su caffeeuropa.it.
  14. ^ Duccio Trombadori, Questo don Benedetto somiglia a Nietzsche, su ilgiornale.it, 28 dicembre 2005.
  15. ^ Il blog di GIANNI VATTIMO: Corrado Ocone e la filosofia classica tedesca, su giannivattimo.blogspot.com.
  16. ^ La filosofia politica è una pseudo-scienza. Parola di filosofo. E che filosofo!, su reset.it.
  17. ^ Corrado Ocone, Attualità di Benedetto Croce / Corrado Ocone, su opac.sbn.it, 22 giugno 2020.
  18. ^ a b Corrado Ocone, Europa : l'Unione che ha fallito / Corrado Ocone ; prefazione di Francesco Giubilei, su opac.sbn.it, 22 giugno 2020.
  19. ^ Corrado Ocone, La natura del potere svelata dal coronavirus, su ilgiornale.it, 5 aprile 2020.
  20. ^ CORONAVIRUS: FINE DELLA GLOBALIZZAZIONE – DI MARCO GERVASONI E CORRADO OCONE - Store ilGiornale, su store.ilgiornale.it.
  21. ^ N°7: FINE DI UNA STORIA. IL RITORNO DELLA POLITICA?, su lesfide.org.
  22. ^ Chi Siamo, su loccidentale.it.
  23. ^ MIUR Traccia della prova scritta di Italiano per gli esami di Stato conclusivi dei corsi di studio di istruzione secondaria superiore - anno scolastico 2003/2004 (PDF), su archivio.pubblica.istruzione.it.
  24. ^ Il piacere dei testi
  25. ^ QDR Magazine - Qualcosa da Raccontare, su qdrmagazine.it.
  26. ^ Corrado Ocone, La chiave del secolo : interpretazioni del Novecento / Corrado Ocone, su opac.sbn.it, 22 giugno 2020.
  27. ^ Corrado Ocone, La cultura liberale : breviario per il nuovo secolo / Corrado Ocone, su opac.sbn.it, 22 giugno 2020.
  28. ^ Corrado Ocone, Attualità di Benedetto Croce / Corrado Ocone, su opac.sbn.it, 22 giugno 2020.
  29. ^ Corrado Ocone, Il liberalismo nel Novecento : da Croce a Berlin / Corrado Ocone, su opac.sbn.it, 22 giugno 2020.
  30. ^ Il liberale che non c'è : manifesto per l'Italia che vorremmo / a cura di Corrado Ocone, su opac.sbn.it, 22 giugno 2020.
  31. ^ I grandi maestri del pensiero laico / introduzione di Massimo L. Salvatori, su opac.sbn.it, 22 giugno 2020.
  32. ^ Robin George Collingwood, Autobiografia / R. G. Collingwood ; prefazione di Corrado Ocone, su opac.sbn.it, 22 giugno 2020.
  33. ^ Il nuovo realismo è un populismo / a cura di Donatella Di Cesare, Corrado Ocone, Simone Regazzoni, su opac.sbn.it, 22 giugno 2020.
  34. ^ Pietro Reichlin, Pensare la sinistra : tra equità e libertà / Pietro Reichlin, Aldo Rustichini, su opac.sbn.it, 22 giugno 2020.
  35. ^ Corrado Ocone, Liberalismo senza teoria / Corrado Ocone, su opac.sbn.it, 22 giugno 2020.
  36. ^ Corrado Ocone, Liberali d'Italia / Corrado Ocone, Dario Antiseri ; prefazione di Giulio Giorello, su opac.sbn.it, 22 giugno 2020.
  37. ^ Le parole del tempo / M. Barberis...[et al.] ; a cura di Pierfranco Pellizzetti, su opac.sbn.it, 22 giugno 2020.
  38. ^ Spettri di Derrida / a cura di Carola Barbero, Simone Regazzoni, Amelia Valtolina, su opac.sbn.it, 22 giugno 2020.
  39. ^ Corrado Ocone, Profili riformisti : 15 pensatori liberal per le nostre sfide / Corrado Ocone ; prefazione di Emanuele Macaluso, su opac.sbn.it, 22 giugno 2020.
  40. ^ Corrado Ocone, Karl Marx : teoria del capitale / [visto da Corrado Ocone], su opac.sbn.it, 22 giugno 2020.
  41. ^ La liberta e i suoi limiti : antologia del pensiero liberale da Filangieri a Bobbio / a cura di Corrado Ocone e Nadia Urbinati, su opac.sbn.it, 22 giugno 2020.
  42. ^ Corrado Ocone, Benedetto Croce : il liberalismo come concezione della vita / Corrado Ocone ; prefazione di Valerio Zanone, su opac.sbn.it, 22 giugno 2020.
  43. ^ Bobbio ad uso di amici e nemici / a cura della redazione di Reset e di Corrado Ocone ; postfazione di Giuliano Amato, su opac.sbn.it, 22 giugno 2020.
  44. ^ Manifesto laico / a cura di Enzo Marzo e Corrado Ocone ; contributi di Sergio Lariccia ... \et al.! ; con un intervento di Norberto Bobbio, su opac.sbn.it, 22 giugno 2020.
  45. ^ Lessico repubblicano : Torino, novembre 1996 / a cura di Maurizio Viroli, su opac.sbn.it, 22 giugno 2020.
  46. ^ Corrado Ocone, Bibliografia ragionata degli scritti su Benedetto Croce / Corrado Ocone ; prefazione di Vittorio Stella, su opac.sbn.it, 22 giugno 2020.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN9071129 · ISNI (EN0000 0000 5555 2006 · LCCN (ENn94024290 · BNF (FRcb129821410 (data) · WorldCat Identities (ENlccn-n94024290
Biografie Portale Biografie: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di biografie