Classe Settembrini

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Classe Settembrini
Ruggiero Settimo.JPG
Il Ruggiero Settimo
Descrizione generale
Flag of Italy (1861-1946) crowned.svg
Tiposommergibile oceanico
Numero unità5
ProprietàRegia Marina
CantiereTosi di Taranto[1]
Caratteristiche generali
Dislocamento953 t in superficie, 1.153 t in immersione[1]
Lunghezza67,50[1] m
Larghezza6,60[1] m
Pescaggio4[1] m
Profondità operativa100[1] m
Propulsione2 motori diesel Tosi da 1.500 Hp
due motori elettrici Ansaldo da 700 hp ciascuno.[1]
Velocità in immersione 8 nodi
Velocità in emersione 17,5 nodi
Autonomiain superficie 5.500 n.mi. a 8 nodi
in immersione 100 n.mi. a 3 nodi[1]
Equipaggio5 ufficiali e 51 sottoufficiali e marinai[1]
Armamento
Artiglieria1 cannone da 102/35 Mod. 1914;
2 mitragliere antiaeree singole Breda Mod. 31 da 13,2 mm[1]
Siluri8 lanciasiluri da 533 mm (4 a prua e 4 a poppa); 12 siluri in dotazione.[1]

dati tratti da Almanacco dei sommergibili, Tomo II[1]

voci di classi di sommergibili presenti su Wikipedia

La classe Settembrini di sommergibili italiani era costituita da due battelli costruiti per la Regia Marina (cui se ne aggiunsero tre per l'Argentina), progettati dall'ingegnere navale Cavallini.

Questa classe operò durante tutta la seconda guerra mondiale, anche dopo l'armistizio.[1]

Caratteristiche[modifica | modifica wikitesto]

Appartenevano alla tipologia «Cavallini»[2]. Derivati dalla classe Mameli, avevano maggiori velocità ed autonomia ed un armamento.[2] In una lunga crociera svoltasi in Mar Rosso nel 1933 si dimostrarono adatti ad operare anche in acque di mari caldi[2].

Unità[modifica | modifica wikitesto]

Le unità della classe erano le seguenti:

Luigi Settembrini[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: Luigi Settembrini (sommergibile).

Il Luigi Settembrini (patriota e scrittore risorgimentale) fu inviato in Spagna al fianco dei franchisti e il 3 settembre 1937 affondò, sotto il comando del tenente di vascello P. Manca, il mercantile sovietico Blagoev.[1]

Durante la seconda guerra mondiale effettuò numerose missioni senza riportare affondamenti. Dopo l'armistizio fu inviato negli Stati Uniti ma, durante il trasferimento si scontrò accidentalmente con il cacciatorpediniere Frament della marina degli Stati Uniti, affondando. Solo otto uomini furono recuperati.[1]

Ruggiero Settimo[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: Ruggiero Settimo (sommergibile).

Dopo la partecipazione alla Guerra civile spagnola, senza affondamenti registrati, fu utilizzato intensamente in Mediterraneo sempre senza riportare affondamenti. Durante il marzo del 1943 fu inviato a Pola presso la scuola Sommergibili. Fu radiato il 1º febbraio 1948.[1]

I tre sommergibili per la Marina argentina[modifica | modifica wikitesto]

Molto simili alla classe Settembrini furono i tre sommergibili Salta, Santa Fé e Santiago del Estero, costruiti per la Marina argentina; furono disarmati fra il 1957 ed il 1960[3].

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c d e f g h i j k l m n o p Turrini 2003, p.165-166
  2. ^ a b c Giorgerini 1994, p.124
  3. ^ Giorgerini 1994, p.133

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Giorgio Giorgerini, Uomini sul fondo. Storia del sommergibilismo italiano dalle origini a oggi, Milano, A. Mondadori Editore, 1994.
  • nomeAlessandro Turrini, Almanacco dei sommergibili, Tomo II, Roma, Rivista Marittima, 2003.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Marina Portale Marina: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di marina