Classe Ariete

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Classe Ariete
Torpediniera Ariete.jpg
La torpediniera Ariete
Descrizione generale
Flag of Italy (1861-1946) crowned.svg
War Ensign of Germany (1938-1945).svg
Naval Ensign of SFR Yugoslavia.svg
Tipo torpediniera
Numero unità 16
Caratteristiche generali
Dislocamento a pieno carico 1110
Lunghezza 83,5 m
Larghezza 8,62 m
Pescaggio 3,15 m
Propulsione 2 caldaie
2 gruppi di turbine a vapore su 2 assi
Potenza 22.000 hp
Velocità 31 nodi (57 km/h)
Equipaggio 158
Armamento
Armamento alla costruzione:

[senza fonte]

voci di navi presenti su Wikipedia

La Classe Ariete fu un gruppo di torpediniere costruite per la Regia Marina durante la seconda guerra mondiale nei cantieri di Ansaldo di Genova, del Quarnaro di Fiume e CRDA di Trieste.

Servizio[modifica | modifica wikitesto]

Solamente una unità venne completata prima dell'armistizio, la capoclasse Ariete, costruita nei cantieri Ansaldo di Sestri Ponente dove il suo scafo venne impostato il 15 luglio 1942. L'unità varata il 6 marzo 1943 ed entrata in servizio il successivo 5 agosto, al termine della guerra in base alle clausole del trattato di pace venne ceduta alla Yugoslavia il 30 aprile 1949 in conto riparazione danni di guerra e ribattezzata Durmitor.

La torpediniera Ariete a Genova nel 1943 con i colori mimetici

Torpedoboote Ausland[modifica | modifica wikitesto]

Le altre unità vennero catturate dai tedeschi che le completarono incorporandole nella Kriegsmarine come Torpedoboote Ausland ed andarono perdute[1].

Piuttosto curiosa la sorte toccata alle torpediniere Fionda e Balestra, ribattezzate TA 46 e TA 47. Le due navi incomplete erano ancora in costruzione a Fiume quando vennero pesantemente danneggiate durante un bombardamento aereo della città il 20 febbraio 1945. Recuperate dagli jugoslavi nel 1947, la TA 46, ribattezzata in un primo momento Velebit, venne demolita e cannibalizzata per il completamento, avvenuto tra il 1948 e il 1949, della TA 47, che entrò a far parte della Marina Jugoslava con il nome Učka, prestando servizio fino al 1967.

Alabarda

La torpediniera Alabarda fu catturata dai tedeschi sullo scalo nel settembre 1943, completata e denominata TA 42, venne affondata in porto a Venezia il 21 marzo 1945 in seguito a bombardamento aereo.[2]

Artuto

La torpediniera Arturo fu catturata dai tedeschi il 9 settembre 1943 in avanzato stato d’allestimento, completata e denominata TA 24 venne perduta in combattimento contro unità britanniche nel golfo di Genova, il 18 marzo 1945.[2]

Auriga

La torpediniera Auriga venne catturata dai tedeschi il 9 settembre 1943 in avanzato stato d’allestimento, completata e denominata TA 27, venne affondata a Portoferraio il 9 giugno 1944 in seguito a un bombardamento aereo alleato.[2]

Balestra

La torpediniera Balestra, catturata dai tedeschi sullo scalo nel settembre 1943, denominata TA 47 e gravemente danneggiata il 20 febbraio 1945 da bombe di aerei alleati su Fiume, rivendicata come preda bellica jugoslava, venne ultimata, ribattezzata Ucka ed incorporata nella Marina jugoslava nel 1950 come torpediniera di scorta, andando in disarmo nel 1967.

Daga

La torpediniera Daga, catturata dai tedeschi nel settembre 1943 mentre era in stato d’allestimento, completata e denominata TA 39, venne autoaffondata a Salonicco nell’ottobre 1944 dopo aver riportato i gravi danni subiti dopo avere urtato contro una mina il 16 ottobre 1944.[2]

Dragone

La torpediniera Dragone, catturata dai tedeschi il 9 settembre 1943 in stato d’allestimento, completata e denominata TA 30, venne affondata presso La Spezia il 15 giugno 1944 da motosiluranti britanniche.[2]

Eridano

La torpediniera Eridano, catturata dai tedeschi il 9 settembre 1943 in stato d’allestimento, completata e denominata TA 29, andò perduta il 18 marzo 1945 nel golfo di Genova, in combattimento contro unità britanniche.[2]

Fionda

La torpediniera Fionda, catturata dai tedeschi, completata e denominata TA 46, venne affondata il 20 febbraio 1945, durante un bombardamento alleato su Fiume; preda bellica jugoslava fu riportata in superficie nell’agosto 1947 ma non entrò a far parte della Marina jugoslava essendo stata demolita e cannibalizzata per il completamento di una unità gemella anche questa preda bellica jugoslava.[2]

Gladio

La torpediniera Gladio, catturata dai tedeschi nel settembre 1943 in stato d’allestimento, completata e denominata TA 37, venne affondata in combattimento dai cacciatorpediniere inglesi Termagant e Tuscan presso Salonicco, il 7 ottobre 1944.[2]

Lancia

La torpediniera Lancia, catturata dai tedeschi sullo scalo nel settembre 1943, completata e denominata TA 41, andò distrutta il 17 febbraio 1945 a Trieste in seguito a bombardamento aereo alleato.[2]

Pugnale

La torpediniera Pugnale, catturata dai tedeschi nel settembre 1943 in stato d’allestimento, completata e denominata TA 40, venne fu autoaffondata in porto a Monfalcone il 4 maggio 1945, dopo che era stata gravemente danneggiata da un attacco aereo a Trieste il 20 febbraio 1945.[2]

Rigel

La torpediniera Rigel, catturata dai tedeschi il 9 settembre 1943 in stato d’allestimento, completata e denominata TA 28, andò distrutta in bacino a Genova il 4 settembre 1944 in seguito a bombardamento aereo.[2]

Spada

La torpediniera Spada, catturata dai tedeschi nel settembre 1943 in stato d’allestimento, completata e denominata TA 38, venne autoaffondata presso Volo il 13 ottobre 1944, dopo aver subito gravi danni in seguito a un bombardamento aereo.[2]

Spica

La torpediniera Spica, catturata dai tedeschi nel settembre 1943 in stato d’allestimento, completata e denominata TA 45 venne affondata il 13 aprile 1945 da motosiluranti britanniche nel canale della Morlacca.[2]

Stella Polare

La torpediniera Stella Polare, catturata dai tedeschi in allestimento molto avanzato, dopo sabotaggio venne riparata, ultimata e denominata TA 36, affondando il 18 marzo 1944 in alto Adriatico dopo avere urtato contro una mina.[2]

Unità[modifica | modifica wikitesto]

Flag of Italy (1861-1946) crowned.svg Regia Marina - Classe Ariete
Nome Sigla italiana Sigla tedesca Cantiere Impostazione Varo Completamento Radiazione Destino finale
Alabarda n/a TA 42 CRDA Trieste 24 marzo1943 7 maggio 1944 27 settembre 1944 1947 affondata il 21 marzo 1945
Ariete AE n/a Ansaldo Genova 15 agosto 1942 6 marzo 1943 5 agosto 1943 1949 alla Jugoslavia Jugoslavia nel 1949
Arturo AO TA 24 Ansaldo Genova 15 luglio 1942 27 marzo 1943 4 ottobre 1943 1947 affondata 18 marzo 1945
Auriga AG TA 27 Ansaldo Genova 15 luglio 1942 1 aprile 1943 28 dicembre 1943 1947 affondata a Portoferraio il 9 giugno 1944
Balestra n/a TA 47 Quarnaro Fiume 9 maggio 1942 nd nd 1947 Completata dagli jugoslavi nel 1949
Daga n/a TA 39 CRDA Trieste 15 luglio 1943 1947 affondato 16 ottobre 1944
Dragone DR TA 30 Ansaldo Genova 14 agosto 1943 1947 affondata 15 giugno 1944
Eridano ED TA 29 Ansaldo Genova 12 luglio 1943 1947 affondata 18 marzo 1945
Fionda n/a TA 46 Quarnaro Fiume 27 luglio 1942 1947 demolita nel 1947
Gladio n/a TA 37 CRDA Trieste 15 giugno 1943 1947 affondata il 7 ottobre 1944
Lancia n/a TA 41 CRDA Trieste 7 maggio 1944 1947 affondata il 17 febbraio 1945
Pugnale n/a TA 40 CRDA Trieste 1º agosto 1944 1947 autoaffondata il 4 maggio 1945
Rigel RG TA 28 Ansaldo Genova 22 maggio 1943 1947 affondata il 9 giugno 1944
Spada n/a TA 38 CRDA Trieste 1º luglio 1943 1947 affondata il 13 ottobre 1944
Spica n/a TA 45 Quarnaro Fiume 30 gennaio 1944 1947 affondato 13 aprile 1945
Stella Polare SR TA 36 Quarnaro Fiume 11 luglio 1943 1947 affondato 18 marzo 1944


Note[modifica | modifica wikitesto]

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Marina Portale Marina: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di marina