Chris D'Elia

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Chris D'Elia nel 2015

Christopher William D'Elia (Montclair, New Jersey, 29 marzo 1980) è un comico e attore statunitense. È conosciuto per il ruolo di Alex Miller nella serie televisiva Whitney e per il ruolo di Danny Burton nella serie televisiva Undateable.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Nasce a Montclair nel New Jersey, figlio del direttore e produttore televisivo Bill D'Elia[1], e dalla decoratrice d'interni Ellie D'Elia. Ha un fratello minore attore e regista Matt D'Elia. A 12 anni si trasferisce a Los Angeles insieme alla famiglia.[2]

Inizia a recitare alle scuole superiori, con alcuni camei al Chicago Hope[3]. Consegue il diploma nel 1998 dall'istituto La Cañada di La Cañada Flintridge in California[4]. Frequenta la New York University, e studia recitazione, ma dopo un anno abbandona l'università[3]. Durante il periodo di inattività inizia a scrivere bozze, decidendo a 25 anni di diventare un comico, avendo compreso che era la sola cosa che aveva sempre voluto fare[5].

Considera se stesso come un «cabarettista che recita». Dice: «ogni volta che inizio a fare cabaret tutto sembra andare al proprio posto. Quando ho cominciato, mi sono sentito come se avessi trovato il mio posto nel business»[5].

Carriera[modifica | modifica wikitesto]

D'Elia fa il comico dal 2006[2]. Ha partecipato a Comedy Central's "Live at Gotham", "Comedy Central Presents", and "Showtime's Live Nude Comedy".

Si è presentato ad un pubblico più vasto nel corso della serie Glory Daze, andata in onda per una stagione sulla TBS, dove recitava la parte dell' "oracolo" William Stankowski. Era stato ingaggiato, all'inizio, solo per la puntata pilota, ma proseguì per l'intera stagione. È stato co-protagonista per due stagioni nella serie NBC Whitney.

D'Elia ha inoltre guadagnato 2 milioni di seguaci su Vine (software).

Nel marzo 2013, è stato ingaggiato per recitare la parte del protagonista in una nuova serie NBC chiamata Undateable, che ha debuttato il 29 Marzo 2014. Undateable è una sitcom multi-camera con spettatori dal vivo prodotta da Bill Lawrence e basata sul libro "Undateable" :"311 Things Guys Do That Guarantee They Won't Be Dating or Having Sex"[6] di Ellen Rakieten and Anne Coyle.

Il 6 Dicembre del 2013, il primo speciale di D'Elia, White Male Black Comic, è andato in onda su Comedy Central[7]. Ha poi avuto tre ulteriori speciali : Incorrigible (2015), Man On Fire (2017) e No Pain (2020), tutti andati in onda su Netflix. I primi due sono diretti dal padre mentre il terzo viene diretto dal fratello.[8]

Bill Lawrence ed il cast (D'Elia, Brent Morin, Ron Funches, and Rick Glassman) presero parte ad una serie di appuntamenti di cabaret per promuovere la serie.

D'Elia è stato uno dei tre ospiti di Ten Minute Podcast, con Bryan Callen e Will Sasso. Nel gennaio 2013 ha realizzato un album di parodie rap sotto il nome di "Chank Smith", chiamato Such Is Life prodotto da Mr. Green (Snoop Dogg, Malik B, Matisyahu).

D'Elia ha avuto il ruolo da protagonista nella sitcom Undateable nei panni di Danny Burton, un signore le cui amiche sono tutte in un modo o nell'altro "innaturali". Lo spettacolo è stato prodotto da Bill Lawrence ed è una sitcom multi-telecamera con un pubblico dal vivo. Lo spettacolo spesso incorporava improvvisazione. Il cast include comici che erano buoni amici prima dello spettacolo. Nel 2015, Bill Lawrence e i comici del cast (D'Elia, Brent Morin, Ron Funches e Rick Glassman) hanno partecipato a una serie di date in tour per promuovere lo spettacolo.

In Italia la serie è stata trasmessa su Joi di Mediaset Premium. La serie è stata rinnovata per una seconda stagione. La particolarità di Undateable è quella di disporre di un ricco cast di comici e cabarettisti già amici prima che la serie fosse trasmessa.

Nel 2016, D'Elia ha diretto lo spettacolo del Leafly 420 Comedy Tour a Chicago con l'ospite speciale Ron Funches.

In un episodio di aprile 2018 del suo podcast "Congratulations", D'Elia ha imitato il rapper Eminem e preso in giro i fan di mezz'età di Eminem, ammettendo che Eminem é "uno dei migliori rapper di tutti i tempi"[9]. La reazione positiva a questa imitazione ha portato D'Elia a imitare di nuovo Eminem nei video che ha pubblicato online a settembre 2018 (nella sua auto) e gennaio 2019 (nel suo garage). Nel febbraio 2019, Eminem ha pubblicato il video del garage sul suo account Twitter scrivendo "E' INCREDIBILE !!! Per un secondo pensavo davvero che FOSSI io !!"[10].

Il singolo Homicide (Logic) ,uscito a maggio 2019, di Logic (rapper) con Eminem includeva alla fine della canzone la clip audio dal video dell'auto. D'Elia ha detto che è stato un "enorme onore" essere incluso nella canzone e che non ha chiesto royalties[11]. D'Elia ha poi avuto un ruolo sostanziale nel video pubblicato a giugno 2019, in cui ogni parte del rapper è stata eseguita / sincronizzata con le labbra da qualcun altro: la parte di Logic è stata eseguita dall'attore Chauncey Leopardi (in riferimento a un Meme di internet che affermava che i due erano la stessa persona), la parte di Eminem è stata interpretata da D'Elia e la parte di D'Elia è stata eseguita da Eminem, imitando l'aspetto di D'Elia nel video dell'auto[12].

Nel marzo 2019, è stato annunciato che D'Elia era stato scelto per il ruolo ricorrente di Henderson nella seconda stagione di You (serie televisiva) visibile su Netflix[13].

Vita privata[modifica | modifica wikitesto]

D'Elia afferma di essere stato cresciuto come cattolico. Durante uno spettacolo ha però raccontato di aver recentemente assistito a una messa: attraverso una serie di scherzose battute ne ha messo in evidenza alcuni suoi aspetti, da lui definiti "raccapriccianti".

Si sposa nel 2006 con l'attrice Emily Montague dalla quale divorzia nel 2010.

A dispetto del personaggio di Alex Miller che interpretava in Whitney, D'Elia non ha mai consumato droghe o alcol.

Al momento vive nel quartiere Beachwood Canyon di Los Angeles.

D'Elia, a Febbraio 2020, ha annunciato nel suo podcast "Congratulations" la nascita del suo primogenito.[14]

Influenze[modifica | modifica wikitesto]

D'Elia ha menzionato Jim Carrey, Bryan Callen, Eddie Murphy[15][16] e Mitzi Shore[17] come influenze per la sua carriera da comico.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Tomashoff, Craig (Marzo 2013). "Like Father, Like Son". (JPG), su stephenschofield.files.wordpress.com.
  2. ^ a b (EN) Interview With Comedian Chris D'Elia, su www.sandiego.com, 19 gennaio 2011. URL consultato il 27 febbraio 2020.
  3. ^ a b SModcast | Guest Chris D’elia: “God Particle Testicle Fish”, su web.archive.org, 27 aprile 2015. URL consultato il 27 febbraio 2020 (archiviato dall'url originale il 27 aprile 2015).
  4. ^ (EN) La Cañada History: Comedian Chris D’Elia has role in LCHS production of ‘The Pajama Game’, su La Cañada Valley Sun, 23 maggio 2017. URL consultato il 27 febbraio 2020.
  5. ^ a b Exclusive Interview Chris D’Elia, Chris plays STANKOWSKI in GLORY DAZE on TBS, su lenalamoray.com. URL consultato il 27 febbraio 2020.
  6. ^ Trad. Eng. "311 cose che i ragazzi non dovrebbero fare per un appuntamento o per fare sesso".
  7. ^ (EN) Jen Ortiz, The GQ+A: Comedian Chris D'Elia on His Comedy Central Special and Getting Heckled by Drunk Girls, su GQ. URL consultato il 27 febbraio 2020.
  8. ^ Big Selly (163) | Congratulations Podcast with Chris D'Elia, su youtube.com.
  9. ^ CLIP: Eminem Locker Room Bit - Congratulations with Chris D'Elia, su youtube.com.
  10. ^ (EN) Marshall Mathers, This is INCREDIBLE!!! 4 a second I actually thought it WAS me!! @chrisdeliahttps://youtu.be/tVeV3Jz18kc, su @Eminem, 5 febbraio 2019. URL consultato il 27 febbraio 2020.
  11. ^ Chris D'Elia Interview: Talks Eminem & Logic Sampling Him On 'Homicide', su Billboard, 3 maggio 2019. URL consultato il 27 febbraio 2020.
  12. ^ (EN) Daniel Kreps, Daniel Kreps, Watch Logic, Eminem Recruit Famous Stunt Doubles for 'Homicide' Video, su Rolling Stone, 29 giugno 2019. URL consultato il 27 febbraio 2020.
  13. ^ (EN) Denise Petski, Denise Petski, ‘You’: Chris D’Elia To Recur In Series’ Second Season On Netflix, su Deadline, 5 marzo 2019. URL consultato il 27 febbraio 2020.
  14. ^ Congratulations Podcast with Chris D'Elia, episodio 161, su youtube.com.
  15. ^ (EN) Alex Borstein on 'HBO's' 'Getting it On' & Chris D'Elia talks Chank Smith, su Ora TV. URL consultato il 27 febbraio 2020.
  16. ^ (EN) r/IAmA - I am comedian Chris D'Elia (from Workaholics and other things). Ask me anything., su reddit. URL consultato il 27 febbraio 2020.
  17. ^ (EN) Brittany Martin, What Comedy Store Owner Mitzi Shore Meant to Yakov Smirnoff, Chris D'Elia, and Comedy in L.A. Los Angeles Magazine, su Los Angeles Magazine, 11 aprile 2018. URL consultato il 27 febbraio 2020.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN3387147665868160670000 · Europeana agent/base/126514 · LCCN (ENn2016051332 · WorldCat Identities (ENlccn-n2016051332