Calaide

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Calaide
Phineus Boreads Louvre G364.jpg
Calaide e Zete aiutano Fineo, cratere a colonne, c. 460 a.C., Louvre
Nome orig.Κάλαϊς
SessoMaschio

Calaide (in greco antico Κάλαϊς) è un personaggio della mitologia greca, è il fratello gemello di Zete ed è figlio di Borea e Orizia.

Mitologia[modifica | modifica wikitesto]

Ai due fratelli, ai quali era stato predetto che sarebbero morti allorché non avessero raggiunto chi inseguivano, quando divennero adulti spuntarono le ali e furono scelti da Giasone per partecipare alla missione del recupero del vello d'oro.

Le avventure degli argonauti[modifica | modifica wikitesto]

L'abbandono di Eracle[modifica | modifica wikitesto]

Quando Giasone decise di abbandonare Eracle con Polifemo, molti degli Argonauti non appoggiarono tale decisione. Una volta in mare tentarono anche di convincere il timoniere Tifi a tornare indietro a riprenderlo, ma proprio Calaide e Zete negarono tale possibilità. Per questo motivo Eracle non li perdonò.

Fineo e le arpie[modifica | modifica wikitesto]

Approdati a Salmidesso, Giasone chiese a re Fineo, figlio di Agenore informazioni sul vello d'oro e lui disse che avrebbe risposto se lo avessero liberato dalle Arpie che lo tormentavano da tempo. Grazie alle loro ali Calaide e Zete riuscirono a inseguire le orride creature, e si fermarono solo dopo aver ricevuto da Iride, messaggera di Era la garanzia che esse avrebbero smesso di tormentare Fineo.

In seguito furono loro a liberare i figli di Fineo e Cleopatra imprigionati per colpa di Idea.

Altri pareri[modifica | modifica wikitesto]

Calaide ebbe a quanto pare una relazione omoerotica con Orfeo. Il rapporto tra i due sarebbe già nato ai tempi della spedizione degli Argonauti, per rinsaldarsi dopo la tragica fine di Euridice, moglie di Orfeo.

La morte[modifica | modifica wikitesto]

I due fratelli vinsero ai giochi funebri di Pelia due gare: Zete quella della corsa podistica più breve e Calaide quella più lunga. Mentre facevano rientro alla loro terra furono assaliti da Eracle, che non aveva mai perdonato loro il rifiuto di cambiare rotta quando lo abbandonarono. Ma dopo averli abbattuti a colpi di clava, Eracle si pentì di ciò che aveva fatto, e seppellì personalmente i cadaveri dei due giovani erigendo in loro memoria una stele funeraria.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Fonti[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Mitologia greca Portale Mitologia greca: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di mitologia greca