Cicno (figlio di Apollo)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search

Cicno era un bellissimo e crudele giovane, figlio di Apollo e Tiria o Irie.

A causa del suo carattere, tutti i suoi pretendenti lo abbandonarono, tranne Filio, al quale Cicno chiese di eseguire delle prove per dimostrare il suo attaccamento.

Superate le prime due prove, per la terza Filio chiese l'aiuto di Eracle, che gli consigliò di ribellarsi alle angherie di Cicno.

Filio allora si rifiutò di consegnare a Cicno il dono promesso e questi per la delusione si gettò in un lago, seguito dalla madre. Apollo allora lo trasformò in un cigno.

Il mito e la fonte principale della storia è narrata da Ovidio nelle Metamorfosi[1]:

(LA)

«Inde lacus Hyries videt et Cycneïa Tempe,
quae subitus celebravit olor: nam Phyllius illic
imperio pueri volucresque ferumque leonem
tradiderat domitos; taurum quoque vincere issus,
vicerat, et spreto totiens iratus amore,
praemia poscenti taurum suprema negabat;
ille indignatus "Cupies dare" dixit et alto
desiluit saxo. Cuncti cecidisse putabant:
factus olot niveis pendebat in aëre pennis.
At genetrix Hyrie, servari nescia, flendo
delicuit stagnumque suo de nomine feci.»

(IT)

«Vide quindi il lago di Irie e la vallata di Cicno,dove improvvisamente venne ad abitare un cigno: lì infatti un certo Fíllio, per accontentare Cicno, capriccioso fanciullo, aveva ammaestrato degli uccelli e un feroce leone e glieli aveva regalati; e pregato di domare anche un toro, lo aveva domato, ma poi, adirato al veder disprezzato tante volte il suo amore, si rifiutò di darglielo.
E Cicno impermalito disse "Rimpiangerai di non avermelo dato" e saltò giù da un'alta rupe. Tutti credevano che fosse caduto: divenuto cigno, stava sospeso in aria su ali color di neve. Ma Irie, la madre, non sapendo che si fosse salvato, a furia di piangere si strusse, e fece un lago che porta il suo nome.»

(Ovidio, Le metamorfosi (VII, 371-381))

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ P.B. Marzolla, p. 267.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • P.B.Marzolla, Metamorfosi di Ovidio, Einaudi, 1979, p. 161.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Fonti[modifica | modifica wikitesto]