Branco di Mileto

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Branco
Nome orig.Βράγχος
SessoMaschio
Luogo di nascitaMileto
ProfessioneProfeta

Branco (in greco antico: Βράγχος, Bránchos) è un personaggio della mitologia greca. I suoi discendenti, i Branchidi, furono un influente clan di profeti[1].

Mitologia[modifica | modifica wikitesto]

Figlio di Apollo (oppure figlio di Smicro ed amante di Apollo), nacque da una donna di Mileto che, già incinta, disse di aver sognato che il sole le entrava dalla gola e le usciva dal ventre ed una volta divenuto grande il fanciullo avrebbe incontrato il padre che, dopo averlo abbracciato, gli avrebbe dato uno scettro e una corona[2][3].

Un'altra leggenda vuole che Branco fosse soltanto un pastore di cui Apollo si era invaghito e a cui aveva dato il dono di profetizzare. In seguito il giovane mortale eresse ad Apollo un tempio a Didimo[4] e un santuario a Mileto[5].

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Plinio il Vecchio, Naturalis historia, V, 112.
  2. ^ Giovanni Pozzoli, Dizionario storico-mitologico di tutti i popoli del mondo, Livorno, Tipografia Vignozzi, 1829.
  3. ^ Giovanni Boccaccio, Genealogie Deorum Gentilium De Montibus, Silvis, Fontibus, Lacubus, Fluminibus, Stagnis Seu Paludibus, De Diversis Nominibus Maris[collegamento interrotto].
  4. ^ Conone, 33.
  5. ^ Stazio, Tebaide, note 16 (In inglese).
Mitologia greca Portale Mitologia greca: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di mitologia greca