Zete

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Fineo con i Boreadi, di Sebastiano Ricci

Zete è una figura della mitologia greca, figlio di Borea e di Orizia.

Il mito[modifica | modifica wikitesto]

Fu uno degli Argonauti, e partecipò con Giasone alla ricerca del vello d'oro. Insieme con il fratello Calaide, Zete scacciò le Arpie dalla tavola di Fineo. Entrambi avevano ali ai piedi e una lunga capigliatura.

Anni dopo la spedizione i due giovani vennero sorpresi in un agguato da Eracle, che li bastonò a morte con la sua clava volendo vendicarsi per il loro rifiuto di proseguire le ricerche sulla scomparsa di Ila: ma il figlio di Zeus si pentì subito di ciò che aveva fatto e seppellì personalmente i corpi dei due giovani, erigendo in loro onore una stele funeraria.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]