Bruno Morassutti

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search

Bruno Morassutti (Padova, 8 dicembre 1920Belluno, 4 settembre 2008) è stato un architetto italiano.[1]

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

La "Casa a tre cilindri" fotografata da Paolo Monti nel 1970
Scorcio dell’interno della "Casa a tre cilindri". Foto di Paolo Monti.

Nato a Padova nel 1920, frequenta il ginnasio a Belluno dal 1932 al 1937 e il liceo classico a Padova dal 1937 al 1940.[1] Si iscrive all'Istituto Universitario di Architettura di Venezia e segue gli insegnamenti di Giuseppe Samonà, Egle Renata Trincanato e Carlo Scarpa in anni di forte rinnovamento per la scuola. Tra i suoi compagni di corso figurano Angelo Masieri, Marcello D'Olivo, Gianni Avon ed Edoardo Gellner.[1]

Dopo la laurea conseguita nel 1946 collabora per due anni, dal 1947 al 1948, nello studio del fratello Giovanni, ingegnere formatosi a Vienna. Partecipa all'VIII Triennale, nella sezione curata da Scarpa, con alcuni progetti di design e cura l'allestimento per l'esposizione E48 al Caffè Pedrocchi di Padova.[1]

Affascinato dal maestro Frank Lloyd Wright, Bruno Morassutti nel 1949 parte per frequentare il Taliesin Fellowship, soggiornando alla comunità studio di Frank Lloyd Wright a Taliesin in Wisconsin e poi a Taliesin West in Arizona. Prima di rientrare in Italia compie un itinerario attraverso l'America per visitare le opere di Ludwig Mies van der Rohe, Richard Neutra e dello stesso Wright raccogliendo una nutrita documentazione fotografica che utilizzerà per lezioni e conferenze. Di ritorno da Taliesin in più occasioni Illustra l'esperienza nella comunità e, invitato da Gio Ponti, presenta sulle pagine del periodico Domus due progetti di Wright: il Johnson Wax Building e la Research Tower.[1]

Nel 1954 realizza a Jesolo la casa di vacanza per la propria famiglia e, dopo una breve collaborazione con Carlo Scarpa per il completamento di villa Romanelli a Udine (1954-1956), si trasferisce a Milano e si associa ad Angelo Mangiarotti. Lo studio, con cui collabora per i progetti più complessi l'ingegnere Aldo Favini, si dedica in particolar modo alla sperimentazione di soluzioni innovative per l'industrializzazione delle costruzioni.[2] Realizzazioni significative per l'utilizzo di moduli e componenti edilizi prefabbricati sono gli edifici industriali a Padova (1959) e Longarone (Belluno, 1965), l'unità residenziale Le Fontanelle a San Martino di Castrozza (Trento) (1964) e i sistemi di prefabbricazione progettati tra gli anni settanta e ottanta. Altre opere, emblematiche della ricerca di un connubio tra forma e costruzione ispirata alle architetture americane di Wright e Mies, sono il progetto di grattacielo a Genova (1955), la chiesa di Baranzate (Milano) (1956-58) e gli edifici residenziali di via Gavirate (1959-1962) - tra cui la "Casa a tre cilindri" - e di via Quadronno (1960-1962) a Milano, la Villa von Saurma (1962-1964) a Termini di Sorrento (Napoli).[2]

Il sodalizio con Mangiarotti si interrompe all'inizio degli anni sessanta. Nel 1969 Morassutti crea lo studio Morassutti & Associati Architetti, con Maria Gabriella Benevento, Giovanna Gussoni, Mario Memoli e Aldo Favini. Risalgono a questo periodo il Centro istruzione IBM a Novedrate (Como, 1970-1974), casa Carlevaro a Segrate (Milano, 1969-1970) e una serie di progetti per la prefabbricazione residenziale. Negli ultimi due decenni di attività, l'interesse di Bruno Morassutti si è rivolto soprattutto ai temi dell'architettura religiosa e dello spazio pubblico.[2]

Muore a Belluno nel 2008.[2]

Archivio[modifica | modifica wikitesto]

Il Fondo Bruno Morassutti, conservato presso l'Archivio progetti dell'Università IUAV di Venezia, contiene documentazione dal 1952 al 2005[3] L’archivio è stato conservato nello studio di via Quadronno a Milano fino al 2008 quando è stato ceduto in comodato d’uso all'Archivio Progetti su iniziativa dello stesso architetto.

Opere[modifica | modifica wikitesto]

Angelo Mangiarotti e Bruno Morassutti, Secticon C-1 e C-2, 1960, orologi da tavolo, per l'azienda Le Porte-Échappement Universel S.A. Foto di Paolo Monti, 1961

Progetti principali.[2]

  • 1953-1956 Casa Perissinotto, Padova
  • 1953-1956 Completamento di villa Romanelli, Udine
  • 1954 Negozio Morassutti, Milano
  • 1955 Progetto di grattacielo a Genova
  • 1956 Villa Morassutti, San Martino di Castrozza (TN)
  • 1956-1958 Chiesa Mater Misericordiae, Baranzate di Bollate (MI)
  • 1957-1960 Casa per vacanze, San Martino di Castrozza (TN)
  • 1959 Edificio industriale Morassutti, Padova
  • 1959-1962 Casa a tre cilindri ed altri edifici residenziali di via Gavirate, Milano
  • 1960-1962 Edificio residenziale in via Quadronno, Milano
  • 1962-1964 Villa von Saurma, Termini di Sorrento (NA)
  • 1963 Progetto per il concorso In/Arch "Domosic"
  • 1964 Unità residenziale Le Fontanelle a San Martino di Castrozza (TN)
  • 1965 Edificio industriale, Longarone (BL)
  • 1969-1970 Villa Carlevaro, Segrate (MI)
  • 1970-1974 Centro istruzione IBM, Novedrate (CO)
  • 1971 Progetto di concorso per il centro residenziale dell'Università di Padova
  • 1974 Sedia e tavolo per Bernini
  • 1978 Mensa per l'Università di Padova
  • 1980-1981 Quartiere residenziale, Castelnuovo di Conza (SA)
  • 1984-1985 Campanile della chiesa Mater Misericordiae, Baranzate di Bollate (MI)
  • 1988 Progetto del complesso parrocchiale dei Santi Giovanni e Giacomo, Milano
  • 1990 Progetto di concorso Una porta per Venezia
  • 1991 Progetto di concorso per il polo direzionale Garibaldi-Repubblica a Milano
  • 1994-1999 Progetto di sistemazione, recupero e ampliamento della chiesa Mater Misericordiae, Baranzate di Bollate (MI)
  • 2004 Progetto di concorso per la riqualificazione della Darsena a Milano

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c d e Morassutti Bruno, su SIUSA Sistema Informativo Unificato per le Soprintendenze Archivistiche. URL consultato il 7 marzo 2018.
  2. ^ a b c d e Morassutti Bruno, su SAN Portale degli archivi degli architetti. URL consultato il 7 marzo 2018.
  3. ^ Fondo Bruno Morassutti, su SIUSA Sistema Informativo Unificato per le Soprintendenze Archivistiche. URL consultato il 7 marzo 2018.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Bruno Morassutti. 1920-2008 opere e progetti, a cura di G. Barazzetta e R. Dulio, Milano, 2009.
  • Morassutti Bruno, su SAN Portale degli archivi degli architetti.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN96141056 · ISNI (EN0000 0000 7866 8191 · LCCN (ENn00029735 · WorldCat Identities (ENlccn-n00029735