Bandiera dello Stato della Città del Vaticano

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Vexillum Vaticanum
Vexillum Vaticanum
Proporzioni 1:1
Simbolo FIAV Bandiera nazionale
Uso Bandiera civile e di stato
Tipologia nazionale
Adozione 7 giugno 1929
Nazione Città del Vaticano
Fotografia
Bandiera vaticana Modugno.JPG
Bandiera vaticana issata sulla Parrocchia Immacolata di Modugno

La bandiera dello Stato della Città del Vaticano consiste di due bande verticali: quella sul lato dell'asta è gialla, mentre l'altra è bianca. Al centro della parte bianca si trovano le chiavi di san Pietro incrociate e la tiara papale.

Il vessillo della Città del Vaticano è, assieme alla bandiera svizzera, una delle due sole bandiere nazionali di forma quadrata.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Exquisite-kfind.png Lo stesso argomento in dettaglio: Stato Pontificio § Bandiere dello Stato Pontificio.

La bandiera del Vaticano fu innalzata per la prima volta l'8 giugno 1929, in seguito ai Patti Lateranensi tra la Santa Sede e l'Italia; per la legislazione italiana è considerata bandiera di uno Stato estero, ed è tutelata dall'art. 299 del Codice penale.[1]

Significato[modifica | modifica wikitesto]

Exquisite-kfind.png Lo stesso argomento in dettaglio: Stemma della Città del Vaticano.

In araldica, giallo e bianco normalmente rappresentano due metalli, oro e argento, che non vengono mai accostati. Una speciale eccezione è fatta in questo caso, perché rappresentano anche le chiavi di san Pietro. Queste chiavi hanno le scanalature del meccanismo a forma di croce. La tiara papale, detta anche «triregno» (in quanto costituita da una struttura quasi conica, sulla quale sono fissate tre corone, una sopra l'altra) è caratterizzata dalla presenza, come in ogni mitra vescovile, delle infule, due strisce di stoffa che, nell'uso, scendono sulle spalle del pontefice.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Storia della Bandiera dello Stato della Città del Vaticano

Nella realtà, dentro la Città del Vaticano le bandiere dello Stato esposte non sono quasi mai di forma quadrata, come dal disegno esplicativo, allegato alla Legge Fondamentale. Appaiono di forma rettangolare, probabilmente per un errore della ditta che ha preparato, all'inizio della vita del piccolo Stato, i vessilli vaticani, necessari per le varie circostanze.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Vessillologia Portale Vessillologia: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di vessillologia