Balaklava

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Nota disambigua.svg Disambiguazione – Se stai cercando altri significati, vedi Balaklava (disambigua).
Nota disambigua.svg Disambiguazione – "Balaclava" rimanda qui. Se stai cercando altri significati, vedi Balaclava (disambigua).
Balaklava
parte di Sebastopoli
Балаклава
Balaklava – Stemma Balaklava – Bandiera
Balaklava – Veduta
Localizzazione
StatoRussia Russia
Ucraina Ucraina[1]
Circondario federaleMeridionale
Soggetto federaleFlag of Sevastopol.svg Sebastopoli
Territorio
Coordinate44°30′19.24″N 33°35′52.63″E / 44.505344°N 33.597952°E44.505344; 33.597952 (Balaklava)
Altitudine10 m s.l.m.
Abitanti30 000
Altre informazioni
LingueRusso
Cod. postale99xxx
Prefisso+380-692
Fuso orario
Cartografia
Balaklava – Localizzazione
Sito istituzionale

Balaklava o Balaclava[2] (in russo: Балаклава?; in ucraino: Балаклава?), è una frazione di Sebastopoli, in Russia, e antica città della penisola di Crimea, territorio disputato tra Russia e Ucraina.

Geografia[modifica | modifica wikitesto]

La cittadina si estende lungo l'entroterra collegato all'omonima baia che caratterizza il porto circondato da dei monti.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Una vecchia foto del campo della battaglia di Balaklava

Fu un porto medioevale genovese, con il nome di Cembalo. Per questa ragione sono ancora visibili i resti delle fortificazioni genovesi tra le colline a sud est. È nota anche per essere stata il teatro nel 1854 della battaglia di Balaklava, combattuta durante la guerra di Crimea.

È stata una città a sé stante fino al 1957, quando fu incorporata nel territorio comunale di Sebastopoli dal governo sovietico. È anche un centro amministrativo del Raion Balaklava che è stato parte dell'Oblast' di Crimea (1945-1991). Nel corso della guerra fredda venne installata una base sottomarina sovietica oggi sede di un museo.

Divenuta parte dell'Ucraina dopo lo scioglimento dell'URSS, dall'annessione della Crimea da parte della Federazione Russa nel 2014, non riconosciuta a livello internazionale, Balaklava, insieme al resto della Crimea, è amministrata dalla Russia.

Il 12 novembre 2017 è avvenuto lo strano fenomeno di un'invasione anomala di meduse, che hanno coperto totalmente la superficie acquea della baia di Balaklava.[3] Nel 2019 le autorità russe hanno concesso a Balaklava lo status di città, all'interno di Sebastopoli.

Attrazioni turistiche[modifica | modifica wikitesto]

La fortezza Cembalo

La cittadina è un luogo tranquillo dove trascorrere alcuni giorni in serenità. I turisti che vi sostano sono attratti dal museo dei sottomarini e dalla fortezza genovese Cembalo nonché dalla possibilità di vedere il vicino campo della battaglia di Balaklava.

Infrastrutture e trasporti[modifica | modifica wikitesto]

La città è collegata solo con Sebastopoli tramite un servizio bus.

Economia[modifica | modifica wikitesto]

La cittadina possedeva un tempo un'economia che si sussisteva grazie all'ingombrante presenza della base militare sovietica dei sottomarini. Al termine della guerra fredda e con lo smantellamento della base la città si è man mano trasformata in un porto da pesca per piccole imbarcazioni e di un turismo trainato dalla presenza delle vicine spiagge e dai monumenti.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Questo luogo si trova in Crimea, territorio de iure, secondo la risoluzione 68/262 dell'Assemblea generale delle Nazioni Unite, parte integrale dell'Ucraina; de facto, secondo il trattato di adesione della Crimea alla Russia (non riconosciuto dalla grande maggioranza della comunità internazionale), parte della Russia.
  2. ^ Cfr. "Balaclava" nell'enciclopedia Sapere.
  3. ^ Mistero in Crimea: milioni di meduse invadono il porto di Balaklava, su Repubblica Tv - la Repubblica.it, 12 novembre 2017. URL consultato il 12 novembre 2017 (archiviato dall'url originale il 13 novembre 2017).

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN123054105 · LCCN (ENn92070222 · BNF (FRcb12224837q (data) · J9U (ENHE987007530958305171