Augusta Sofia di Hannover

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Augusta Sofia di Hannover
Augusta Sophia of the United Kingdom.jpg
Principessa del Regno Unito
Stemma
Trattamento Sua altezza reale
Nascita Buckingham Palace, Londra, 8 novembre 1768
Morte Clarence House, Londra, 22 settembre 1840
Dinastia Hannover
Padre Giorgio III di Gran Bretagna
Madre Carlotta di Meclemburgo-Strelitz
Religione Anglicanesimo
Regno di Gran Bretagna
Casato di Hannover
Royal Arms of the Kingdom of Hanover.svg

Giorgio I (1714-1727)
Giorgio II (1727–1760)
Giorgio III (1760–1820)
Giorgio IV (1820–1830)
Guglielmo IV (1830–1837)
Vittoria (1837–1901)

Augusta Sofia di Hannover (Buckingham Palace, 8 novembre 1768Clarence House, 22 settembre 1840) fu un membro della famiglia reale britannica, seconda figlia di re Giorgio III del Regno Unito e di sua moglie, la regina Carlotta. Fu una principessa del Regno Unito e principessa di Hannover.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Infanzia e gioventù[modifica | modifica wikitesto]

La principessa Augusta Sofia nacque a Buckingham Palace, a St. James's Park, a Londra, come sesta figlia (e seconda femmina) di re Giorgio III (1738-1820) e della moglie, nata principessa Carlotta di Meclemburgo Strelitz. Sua madre tendeva a riparare le figlie dal mondo esterno, così Augusta Sofia fu costretta a diventare una compagna della madre, che morì un mese prima del cinquantesimo compleanno della Principessa; per questa ragione essa non si sposò mai e non ebbe discendenza.

Vita matura[modifica | modifica wikitesto]

Secondo un volantino conservato presso i V&A Archives, la principessa Augusta Sofia fu una dei patroni del circo delle pulci di L. Bertolotto.

Ella morì il 22 settembre 1840 a Clarence House ed il 2 ottobre venne sepolta nella cappella di San Giorgio, nel castello di Windsor, dopo essere rimasta esposta a Frogmore.[1]

Titoli nobiliari e stemma[modifica | modifica wikitesto]

Il monogramma personale della principessa Augusta Sofia.

Titoli[modifica | modifica wikitesto]

Stemma[modifica | modifica wikitesto]

A partire dal 1789, in quanto figlia del sovrano, Augusta Sofia poté fregiarsi dello stemma del regno, differenziato mediante un nastro d'argento a tre punte, la centrale con una rosa rossa e le due esterne recanti un ermellino.[2]

Onorificenze[modifica | modifica wikitesto]

Dama dell'Ordine familiare di Giorgio IV - nastrino per uniforme ordinaria Dama dell'Ordine familiare di Giorgio IV

Antenati[modifica | modifica wikitesto]

Augusta Sofia di Hannover Padre:
Giorgio III d'Inghilterra
Nonno paterno:
Federico di Hannover
Bisnonno paterno:
Giorgio II d'Inghilterra
Trisnonno paterno:
Giorgio I d'Inghilterra
Trisnonna paterna:
Sofia Dorotea di Celle
Bisnonna paterna:
Carolina di Brandeburgo-Ansbach
Trisnonno paterno:
Giovanni Federico di Brandeburgo-Ansbach
Trisnonna paterna:
Eleonora Erdmuthe di Sassonia-Eisenach
Nonna paterna:
Augusta di Sassonia-Gotha-Altenburg
Bisnonno paterno:
Federico II di Sassonia-Gotha-Altenburg
Trisnonno paterno:
Federico I di Sassonia-Gotha-Altenburg
Trisnonna paterna:
Maddalena Sibilla di Sassonia-Weissenfels
Bisnonna paterna:
Maddalena Augusta di Anhalt-Zerbst
Trisnonno paterno:
Carlo Guglielmo di Anhalt-Zerbst
Trisnonna paterna:
Sofia di Sassonia-Weissenfels
Madre:
Carlotta di Meclemburgo-Strelitz
Nonno materno:
Carlo Ludovico Federico di Meclemburgo-Strelitz
Bisnonno materno:
Adolfo Federico II di Meclemburgo-Strelitz
Trisnonno materno:
Adolfo Federico I di Meclemburgo-Schwerin
Trisnonna materna:
Maria Caterina di Brunswick-Wolfenbüttel
Bisnonna materna:
Cristiana Emilia di Schwarzburg-Sondershausen
Trisnonno materno:
Cristiano di Schwarzburg-Sondershausen
Trisnonna materna:
Antonia Sibilla di Barby-Muhlingen
Nonna materna:
Elisabetta Albertina di Sassonia-Hildburghausen
Bisnonno materno:
Ernesto Federico I di Sassonia-Hildburghausen
Trisnonno materno:
Ernesto di Sassonia-Hildburghausen
Trisnonna materna:
Sofia Enrichetta di Waldeck
Bisnonna materna:
Sofia Albertina di Erbach-Erbach
Trisnonno materno:
Giorgio I di Erbach-Erbach
Trisnonna materna:
Amalia Caterina di Waldeck-Eisenberg

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ London Gazette: no. 19902, pp. 2–3, 1840, Consultato il 31 luglio 2008
  2. ^ Marks of Cadency in the British Royal Family

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: (EN3353815 · LCCN: (ENn2005047985 · GND: (DE122426746