Leopoldo, duca di Albany

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Leopoldo di Sassonia-Coburgo-Gotha
Prince Leopold (edited).jpg
Duca d'Albany, Conte di Clarence e Barone Arklow
Stemma
In carica 24 maggio 1881 –
28 marzo 1884
Predecessore Federico Augusto di Hannover
Come duca di York e Albany
Successore Carlo Edoardo di Sassonia-Coburgo-Gotha
Trattamento Sua Altezza Reale
Altri titoli Principe di Gran Bretagna e d'Irlanda, Duca di Sassonia, Principe di Sassonia-Coburgo e Gotha
Nascita Buckingham Palace Londra, 7 aprile 1853
Morte Cannes, 28 marzo 1884
Dinastia Sassonia-Coburgo-Gotha
Padre Alberto di Sassonia-Coburgo-Gotha
Madre Vittoria del Regno Unito
Consorte Elena di Waldeck e Pyrmont
Figli Alice Maria di Sassonia-Coburgo-Gotha
Carlo Edoardo di Sassonia-Coburgo-Gotha
Religione Anglicana

Leopoldo di Sassonia-Coburgo-Gotha, nome completo Leopoldo Giorgio Duncan Alberto (7 aprile 185328 marzo 1884), Principe del Regno Unito, era l'ottavo figlio della regina Vittoria del Regno Unito e del principe consorte Alberto di Sassonia-Coburgo-Gotha. Leopoldo fu in seguito creato Duca di Albany, Conte di Clarence e Barone Arklow.

Infanzia[modifica | modifica wikitesto]

Leopoldo nacque il 7 aprile 1853 a Buckingham Palace, Londra. Durante il travaglio, alla regina venne somministrato cloroformio per alleviare i dolori del parto. Il bambino nacque malato: perdeva peso, non assimilava il latte, non cresceva e piangeva disperato.

Fu battezzato nella Cappella Privata di Buckingham Palace il 28 giugno 1853 da John Bird Sumner, Arcivescovo di Canterbury e i suoi padrini furono il Re di Hannover, la Principessa Augusta di Prussia, la Principessa Maria Adelaide di Hannover e il Principe di Hohenlohe-Langenburg.

Quando crebbe, il bambino aveva i gomiti gonfi, gli arti lividi e spesso urinava sangue. Vittoria pensò che la causa fosse stato l'anestetico.

In realtà il piccolo aveva l'emofilia, malattia che avrebbe colpito molti discendenti maschi di Vittoria. Per la mancanza di coagulazione del sangue, anche la più piccola ferita poteva risultare mortale. Venne quindi tenuto sempre sotto stretta sorveglianza e non fu libero di correre e giocare come gli altri fratelli. Ciò costò molto al vivace Leopoldo, le cui spiccate doti intellettive risultarono represse. Tutti erano dell'opinione che assomigliasse molto al padre Alberto.

Ancora più gravi risultavano essere le emorragie interne che talvolta lo colpivano all'improvviso senza una causa apparente e lo costringevano per lunghi periodi a letto.

Età adulta[modifica | modifica wikitesto]

Nonostante il parere dei medici, riuscì miracolosamente a raggiungere l'età adulta. Si interessava molto alla politica e aveva studiato a Oxford, nonostante i numerosi intervalli dovuti alla malattia. Lasciò l'università con un dottorato onorario in Giurisprudenza nel 1876.

Il Principe Leopoldo viaggiò in Europa e visse nel 1880 in Canada e negli Stati Uniti insieme alla sorella, principessa Luisa, il cui marito John Campbell, Marchese di Lorne, era il Governatore Generale del Canada.

A 25 anni era diventato il segretario della madre. Aveva comunque un carattere alquanto difficile a causa delle tante frustrazioni. Ormai sfinito dalle tante attenzioni che madre e medici gli rivolgevano, decise di non prestarvi più attenzione facendo l'esatto contrario. Ciò provocò indignazione e risentimento alla regina, che si lamentava con tutti dell'ingratitudine del figlio.

Matrimonio[modifica | modifica wikitesto]

Il Principe Leopoldo, trattenuto dal desiderio della madre di tenerlo a casa, vedeva nel matrimonio l'unica speranza di indipendenza. A causa della sua emofilia, ebbe difficoltà a trovare una moglie. L'ereditiera Daisy Maynard fu una delle donne che considerò come possibile sposa. È stato suggerito che egli considerò Alice Liddell, la figlia del Vice-Cancelliere di Oxford per la quale Lewis Carroll scrisse Alice nel Paese delle Meraviglie mentre altri suggeriscono che egli preferisse la sorella Edith. Leopoldo divenne padrino del secondo figlio di Alice, che venne chiamato col suo nome.

Leopoldo considerò anche sua cugina di secondo grado, la principessa Federica di Hannover; essi invece divennero amici e confidenti per lungo tempo. Altre spose che prese in considerazione furono Vittoria di Baden e Carolina Matilde di Schleswig-Holstein-Sonderburg-Augustenburg.

Dopo il rifiuto di queste donne, la madre di Leopoldo intervenne per prevenire quelle che le sembravano possibilità non idonee. Insistendo che un figlio di monarchi britannici dovesse sposarsi all'interno di un'altra famiglia regnante protestante, Vittoria suggerì un incontro con la principessa Elena Federica (17 febbraio 1861 - 1º settembre 1922), figlia di Giorgio Vittorio, principe di Waldeck e Pyrmont. Il 27 aprile 1882 Leopoldo ed Elena si sposarono nella Saint George's Chapel nel Castello di Windsor. Leopoldo ed Elena ebbero un felice (seppur breve) matrimonio, che diede due figli:

Massoneria[modifica | modifica wikitesto]

Leopoldo fu un massone attivo, fu iniziato nell'"Apollo University Lodge" di Oxford (Gran Loggia unita d'Inghilterra) quando studiava a Christ Church. Fu iniziato da suo fratello, Albert Edward, Principe di Galles[1] che in quel tempo era il Maestro venerabile della loggia[2], congiuntamente con Robert Hawthorne Collins, suo tutore e amico, che in seguito divenne controllore dei conti della sua casata.[3] Leopoldo divenne poi Maestro venerabile della loggia nel 1876-1877, e in seguito fu Gran Maestro della Gran Loggia provinciale dell'Oxfordshire, ed era ancora in carica al momento della sua morte.[4]

Morte[modifica | modifica wikitesto]

Il Principe Leopoldo andò a Cannes su ordine del dottore nel febbraio del 1884; il dolore alle giunture è un sintomo comune dell'emofilia e il clima invernale dell'Inghilterra era spesso difficile per lui. Sua moglie, incinta a quel tempo, rimase a casa ma lo esortò ad andare. Il 27 marzo scivolò e cadde nello Yacht Club nella Villa Nevada, a Cannes, in Francia, ferendosi il ginocchio e morì nelle prime ore del giorno seguente, apparentemente per gli effetti della morfina che gli era stata data e del chiaretto che gli era stato servito con la zuppa.

Morì proprio il giorno dell'anniversario della morte di John Brown, l'adorato scudiero di Vittoria.

Fu sepolto nella Albert Memorial Chapel a Windsor. Suo figlio, Carlo, gli successe come secondo Duca di Albany dalla nascita. Nel 1900, Carlo Edoardo successe allo zio Alfredo come Duca di Sassonia-Coburgo-Gotha.

Tramite Carlo Edoardo, Leopoldo è il bisnonno di Carlo XVI Gustavo di Svezia, l'attuale Re di Svezia.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ "Apollo University Lodge No 357, History 1819 - 1969", 1969, p. 19.
  2. ^ "Apollo University Lodge No 357, History 1819 - 1969", 1969, appendix p. i.
  3. ^ "Apollo University Lodge No 357, History 1819 - 1969", 1969, p. 20.
  4. ^ The Oxfordshire Masonic Year Book, 2011-2012, 154th, privately published, 2011, p. 54.

Antenati[modifica | modifica wikitesto]

Leopoldo di Sassonia-Coburgo-Gotha Padre:
Alberto di Sassonia-Coburgo-Gotha
Nonno paterno:
Ernesto I di Sassonia-Coburgo-Gotha
Bisnonno paterno:
Francesco Federico di Sassonia-Coburgo-Saalfeld
Trisnonno paterno:
Ernesto Federico di Sassonia-Coburgo-Saalfeld
Trisnonna paterna:
Sofia Antonia di Brunswick-Wolfenbüttel
Bisnonna paterna:
Augusta di Reuss-Ebersdorf
Trisnonno paterno:
Enrico XXIV di Reuss-Ebersdorf
Trisnonna paterna:
Carolina Ernestina di Erbach-Schönberg
Nonna paterna:
Luisa di Sassonia-Gotha-Altenburg
Bisnonno paterno:
Augusto di Sassonia-Gotha-Altenburg
Trisnonno paterno:
Ernesto II di Sassonia-Gotha-Altenburg
Trisnonna paterna:
Carlotta di Sassonia-Meiningen
Bisnonna paterna:
Luisa Carlotta di Meclemburgo-Schwerin
Trisnonno paterno:
Federico Francesco I di Meclemburgo-Schwerin
Trisnonna paterna:
Luisa di Sassonia-Gotha-Altenburg
Madre:
Vittoria del Regno Unito
Nonno materno:
Edoardo Augusto di Hannover
Bisnonno materno:
Giorgio III del Regno Unito
Trisnonno materno:
Federico di Hannover
Trisnonna materna:
Augusta di Sassonia-Gotha-Altenburg
Bisnonna materna:
Carlotta di Meclemburgo-Strelitz
Trisnonno materno:
Carlo Ludovico Federico di Meclemburgo-Strelitz
Trisnonna materna:
Elisabetta Albertina di Sassonia-Hildburghausen
Nonna materna:
Vittoria di Sassonia-Coburgo-Saalfeld
Bisnonno materno:
Francesco Federico di Sassonia-Coburgo-Saalfeld
Trisnonno materno:
Ernesto Federico di Sassonia-Coburgo-Saalfeld
Trisnonna materna:
Sofia Antonia di Brunswick-Wolfenbüttel
Bisnonna materna:
Augusta di Reuss-Ebersdorf
Trisnonno materno:
Enrico XXIV di Reuss-Ebersdorf
Trisnonna materna:
Carolina Ernestina di Erbach-Schönberg

Onorificenze[modifica | modifica wikitesto]

Onorificenze britanniche[modifica | modifica wikitesto]

Reale Cavaliere compagno (soprannumerario) del Nobilissimo Ordine della Giarrettiera (KG) - nastrino per uniforme ordinaria Reale Cavaliere compagno (soprannumerario) del Nobilissimo Ordine della Giarrettiera (KG)
— 29 maggio 1869 [1]
Cavaliere extranumero dell'Antichissimo e Nobilissimo Ordine del Cardo (KT) - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere extranumero dell'Antichissimo e Nobilissimo Ordine del Cardo (KT)
— 24 maggio 1871 [2]
Cavaliere Gran Comandante extranumero dell'Esaltatissimo Ordine della Stella d'India (GCSI) - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere Gran Comandante extranumero dell'Esaltatissimo Ordine della Stella d'India (GCSI)
— 25 gennaio 1877 [3]
Cavaliere Gran Croce extranumero del Distintissimo Ordine di San Michele e San Giorgio (GCMG) - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere Gran Croce extranumero del Distintissimo Ordine di San Michele e San Giorgio (GCMG)
— 28 maggio 1880 [4]

Onorificenze straniere[modifica | modifica wikitesto]

Cavaliere di Gran Croce dell'Ordine dinastico ducale della Casata Ernestina di Sassonia (Ducati sassoni) - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere di Gran Croce dell'Ordine dinastico ducale della Casata Ernestina di Sassonia (Ducati sassoni)
— 7 aprile 1853
Gran Croce dell'Ordine imperiale della Croce (Impero del Brasile) - nastrino per uniforme ordinaria Gran Croce dell'Ordine imperiale della Croce (Impero del Brasile)
— 11 luglio 1871
Cavaliere dell'Ordine di San Giorgio (Regno di Hannover) - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere dell'Ordine di San Giorgio (Regno di Hannover)
— 23 giugno 1878
Cavaliere Gran Croce dell'Ordine Reale Guelfo (GCH, Regno di Hannover) - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere Gran Croce dell'Ordine Reale Guelfo (GCH, Regno di Hannover)
— 23 giugno 1878
Cavaliere dell'Ordine supremo dell'Aquila Nera (Regno di Prussia) - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere dell'Ordine supremo dell'Aquila Nera (Regno di Prussia)
— 31 marzo 1879
Cavaliere di I classe dell'Ordine dell'Aquila rossa (Regno di Prussia) - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere di I classe dell'Ordine dell'Aquila rossa (Regno di Prussia)
— 31 marzo 1879
Cavaliere di Gran Croce con gemme dell'Ordine della Corona Wendica (Meclemburgo) - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere di Gran Croce con gemme dell'Ordine della Corona Wendica (Meclemburgo)
— 1º agosto 1881
Cavaliere del Reale Ordine dei Serafini (Svezia) - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere del Reale Ordine dei Serafini (Svezia)
— 24 maggio 1881
Cavaliere di Gran Croce dell'Ordine della Corona del Württemberg (Regno di Württemberg) - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere di Gran Croce dell'Ordine della Corona del Württemberg (Regno di Württemberg)
— 27 aprile 1882
Cavaliere di Gran Croce dell'Ordine del Leone dei Paesi Bassi (Paesi Bassi) - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere di Gran Croce dell'Ordine del Leone dei Paesi Bassi (Paesi Bassi)
— 24 novembre 1882

Incarichi amministrativi[modifica | modifica wikitesto]

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN64869950 · ISNI (EN0000 0000 3915 9327 · LCCN (ENn98083203 · GND (DE121701409 · BNF (FRcb13612939t (data) · WorldCat Identities (ENn98-083203