Atletica leggera ai Giochi della XXVII Olimpiade - Salto in lungo femminile

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Bandiera olimpica Athletics pictogram.svg
Salto in lungo femminile
Sydney 2000
Informazioni generali
Luogo Stadio Olimpico di Sydney
Periodo 29 settembre 2000
Partecipanti
Podio
Medaglia d'oro Heike Drechsler Germania Germania
Medaglia d'argento Fiona May Italia Italia
Medaglia di bronzo Tatiana Kotova Russia Russia
Edizione precedente e successiva
Atlanta 1996 Atene 2004
Atletica leggera ai
Giochi olimpici di
Sydney 2000
Athletics pictogram.svg
Corse piane
100 m piani   uomini   donne
200 m piani uomini donne
400 m piani uomini donne
800 m piani uomini donne
1500 m piani uomini donne
5000 m piani uomini donne
10000 m piani uomini donne
Corse ad ostacoli
110 / 100 m hs uomini donne
400 m hs uomini donne
3000 m siepi uomini
Prove su strada
Maratona uomini donne
Marcia 20 km uomini donne
Marcia 50 km uomini
Salti
Salto in alto uomini donne
Salto con l'asta uomini donne
Salto in lungo uomini donne
Salto triplo uomini donne
Lanci
Getto del peso uomini donne
Lancio del disco uomini donne
Lancio del martello uomini donne
Lancio del giavellotto uomini donne
Prove multiple
Decathlon uomini
Eptathlon donne
Staffette
Staffetta 4×100 m uomini donne
Staffetta 4×400 m uomini donne

Il salto in lungo ha fatto parte del programma di atletica leggera femminile ai Giochi della XXVII Olimpiade. La competizione si è svolta il 29 settembre 2000 allo Stadio Olimpico di Sydney.

L'eccellenza mondiale[modifica | modifica wikitesto]

Camp.ssa olimpica 1996 7,12 Nigeria Chioma Ajunwa Rit. 1999
Camp.ssa europea 1998 7,16 Germania Heike Drechsler Presente
Camp.ssa mondiale 1999 7,06 Spagna Niurka Montalvo Assente[E 1]
Primatista stagionale 7,09[E 2] Italia Fiona May Presente
  1. ^ L'atleta, nata cubana, era diventata da poco cittadina spagnola. Secondo le regole del CIO, devono passare cinque anni prima che possa partecipare alle Olimpiadi con la maglia della nuova nazionale.
  2. ^ Stabilito il 14 maggio.

La gara[modifica | modifica wikitesto]

Nella fase di qualificazione il miglior salto è di Heike Drechsler con 6,84.

La finale comincia bene per Fiona May, che infila un salto iniziale di 6,76. La sua è una gara in crescendo: 6,82 alla seconda e 6,92 alla terza prova. Ma il terzo turno giova anche alla veterana Heike Drechsler, capace di porre una zampata a 6,99. Il tre porta fortuna anche a Marion Jones: 6,92 per lei come per Fiona. Al quarto posto si porta Tatiana Kotova con 6,83.

La gara si è scaldata: ora si attendono i fuochi di artificio. Invece non succede più nulla fino alla fine della competizione. Fiona May fa tre salti identici a 6,72/6,73: sembra che abbia le polveri bagnate. La Kotova litiga con la pedana e fa due nulli e un 6,73; la Jones fa ancora peggio, con tre nulli. Gioisce Heike Drechsler che, sebbene rimanga lontana dal suo personale, si porta a casa il suo secondo oro olimpico, a otto anni di distanza dal primo. Fiona May è d'argento in virtù del secondo miglior salto: 6,82 contro 6,68 della Jones.

Nel dicembre 2009 il CIO revoca per doping la medaglia di bronzo a Marion Jones e l'assegna all'atleta originariamente quarta classificata, la russa Tatiana Kotova[1].

Risultati[modifica | modifica wikitesto]

Turno eliminatorio[modifica | modifica wikitesto]

Qualificazione
6,70 m

Solo 5 atlete si qualificano direttamente. Ad esse vengono aggiunti i 7 migliori salti.

Finale[modifica | modifica wikitesto]

Stadio Olimpico, venerdì 29 settembre, ore 19:20.

Pos Paese e Atleta 1° salto 2° salto 3° salto 4° salto 5° salto 6° salto Miglior
Misura
Note
Oro Germania Heike Drechsler 6,48 X 6,99 6,79 X X 6,99
Argento Italia Fiona May 6,76 6,82 6,92 6,72 6,73 6,72 6,92
Bronzo Russia Tatiana Kotova[2] X 6,76 6,83 X X 6,73 6,83
4 Russia Olga Rubleva X 6,79 X 6,79 X X 6,79
5 Germania Susen Tiedtke X 6,52 6,74 X 4,94 X 6,74
6 Bahamas Jackie Edwards 6,59 6,52 6,51 6,31 6,35 6,42 6,59
7 Ungheria Tünde Vaszi 6,32 X 6,59 X X X 6,59
8 Russia Ludmila Galkina 6,42 6,56 6,05 6,56
9 Giamaica Elva Goulbourne X 6,43 6,20 6,43
10 Stati Uniti Dawn Burrell X X 6,38 6,38
11 Ucraina Olena Shekhotsova X X 6,37 6,37
Squal. Stati Uniti Marion Jones

All'età di 35 anni suonati, Heike Drechsler è di gran lunga la più matura vincitrice dell'oro olimpico nel salto in lungo. 17 anni separano l'atleta tedesca dal suo primo alloro iridato, il titolo mondiale del 1983, quando si chiamava ancora Heike Daute. È la massima distanza riscontrata nell'atletica leggera.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (EN) IOC reallocates Marion Jones’ medals, olympic.org.
  2. ^ La medaglia di bronzo è stata tolta all'atleta terza classificata, Marion Jones ed è stata assegnata alla quarta classificata.