Atletica leggera ai Giochi della XXVII Olimpiade - Salto in alto maschile

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Bandiera olimpica Athletics pictogram.svg
Salto in alto maschile
Sydney 2000
Informazioni generali
Luogo Stadio Olimpico di Sydney
Periodo 22-24 settembre 2000
Partecipanti 36
Podio
Medaglia d'oro Sergej Kljugin Russia Russia
Medaglia d'argento Javier Sotomayor Cuba Cuba
Medaglia di bronzo Abderrahmane Hammad Algeria Algeria
Edizione precedente e successiva
Atlanta 1996 Atene 2004
Atletica leggera ai
Giochi di Sydney 2000
Athletics pictogram.svg
Corse piane
100 metri   uomini   donne
200 metri uomini donne
400 metri uomini donne
800 metri uomini donne
1500 metri uomini donne
5000 metri uomini donne
10000 metri uomini donne
3000 m siepi uomini
Corse ad ostacoli
110/100 m ostacoli uomini donne
400 m ostacoli uomini donne
Staffette
Staffetta 4×100 m uomini donne
Staffetta 4×400 m uomini donne
Prove su strada
Maratona uomini donne
Marcia 20 km uomini donne
Marcia 50 km uomini
Concorsi
Salto in alto uomini donne
Salto con l'asta uomini donne
Salto in lungo uomini donne
Salto triplo uomini donne
Getto del peso uomini donne
Lancio del disco uomini donne
Lancio del martello uomini donne
Lancio del giavellotto uomini donne
Prove multiple
Decathlon uomini
Eptathlon donne

Il Salto in alto ha fatto parte del programma di atletica leggera maschile ai Giochi della XXVII Olimpiade. La competizione si è svolta nei giorni 22-24 settembre 2000 allo Stadio Olimpico di Sydney.

L'eccellenza mondiale[modifica | modifica wikitesto]

Primatista mondiale 2,45[E 1] Cuba Javier Sotomayor Presente
Campione olimpico 1996 2,39 Stati Uniti Charles Austin Presente
Campione europeo 1998 2,34 Polonia Artur Partyka Assente
Campione mondiale 1999 2,37 Russia Vjacheslav Voronin[E 2] Presente
  1. ^ Record stabilito nel 1993.
  2. ^ Voronin è anche primatista stagionale con 2,40 (Londra, 5 agosto).

La gara[modifica | modifica wikitesto]

Il grande favorito è il campione mondiale Vyacheslav Voronin. C'è anche il grande Javier Sotomayor, ma non ha fatto grandi cose durante la stagione.
A 2,29 Voronin ha gravi incertezze e supera la misura solo al terzo tentativo. 2,32 sono per il russo una misura fatale. Eliminato il favorito, la gara vede al comando proprio Sotomayor, che finora ha saltato solo due volte, passando la misura alla prima prova. Ma a 2,35 anche il cubano sbaglia tre volte ed esce di gara.
Spunta Sergej Kljugin, unico a superare la quota. L'oro è suo.

Risultati[modifica | modifica wikitesto]

Turno eliminatorio[modifica | modifica wikitesto]

Qualificazione
2,30 m

I 12 atleti finalisti sono selezionati a 2,27.
Il campione in carica Charles Austin si ferma a 2,20 e non si qualifica.

Finale[modifica | modifica wikitesto]

Stadio Olimpico, domenica 24 settembre, ore 18:10.

Pos Atleta Paese 2,20 2,25 2,29 2,32 2,35 Misura Note
Gold medal.svg Sergej Kljugin Russia Russia O - O XO O 2,35
Silver medal.svg Javier Sotomayor Cuba Cuba - O - O XXX 2,32
Bronze medal.svg Abderrahmane Hammad Algeria Algeria O O XO O XXX 2,32
4 Stefan Holm Svezia Svezia O O XXO O XXX 2,32
5 Konstantin Matoussevic Israele Israele O O O XXO XXX 2,32
6 Mark Boswell Canada Canada XO O - XXO XXX 2,32
6 ex aequo Staffan Strand Svezia Svezia - XO O XXO XXX 2,32
8 Wolfgang Kreissig Germania Germania O O O XXX 2,29
9 Serhiy Dymchenko Ucraina Ucraina O XO O XXX 2,29
10 Vjacheslav Voronin Russia Russia O O XXO XXX 2,29
11 Nathan Leeper Stati Uniti Stati Uniti O O XXX 2,25
12 Kwaku Boateng Canada Canada XO XO XXX 2,25
13 Kenny Evans Stati Uniti Stati Uniti XO XXX 2,20

Abderahmane Hammad è il primo atleta africano maschio a vincere una medaglia in un concorso alle Olimpiadi.
Gli Stati Uniti sono fuori dai primi quattro posti nella specialità per la prima volta nella storia dei Giochi.

Legenda: O = Salto valido; X = Salto nullo; – = Misura passata; RN = Record nazionale; RM = Record mondiale; RP = Record personale.