Ashinaga-Tenaga

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Tavola raffigurante un Ashinaga ed un Tenaga, apparsa sull'enciclopedia illustrata del XVIII secolo Wakan Sansai Zue

Gli Ashinaga (足長? lett. lungo piede) e i Tenaga (手 長? lett. lunga mano) sono creature leggendarie della mitologia giapponese. Fanno parte di due tribù che vivono tra loro a stretto contatto. Gli Ashinaga sono dotati di gambe dalla lunghezza che arriva anche a sette o otto metri, mentre i Tenaga hanno le braccia smisuratamente lunghe.

Collaborazione fra i due popoli[modifica | modifica wikitesto]

Secondo la leggenda, gli Ashinaga e i Tenaga condividono lo stesso habitat e collaborano nel catturare i pesci sfruttando le rispettive caratteristiche fisiche complementari. I Tenaga, con le braccia smisuratamente lunghe, si mettono sulle spalle degli Ashinaga, i quali entrano in mare e grazie alle loro lunghe gambe riescono a raggiungere punti molto adatti alla pesca distanti dalla riva, ove i Tenaga possono immergere le braccia e prendere grandi quantità di pesce a grande profondità.

Costituiscono così un'armoniosa macchina da pesca necessaria per sfamare ambedue i popoli.

Un dipinto ottocentesco giapponese nishiki-e di Kuniyoshi Utagawa, raffigurante i Tenaga-Ashinaga. Biblioteca Nazionale della Dieta del Giappone

Storia della leggenda[modifica | modifica wikitesto]

Questa leggenda arrivò in Giappone dalla Cina, dove gli esseri vengono chiamati Chángbìmín 長臂民 (lunghi gomiti) e Chánggŭmín 長股民 (lunghe cosce) e vivono nelle zone costiere della Cina del Nord. Comparvero in un libro geografico mitologico cinese chiamato Shan Hai Jing (山海經)[1]

Nella trasposizione giapponese, la leggenda di questi "mostri" ebbe fortuna e si diffuse anche negli ambienti della corte imperiale; un pannello della porta della seiryōden (清涼殿? lett. la sala per rinfrescarsi) del palazzo del sovrano a Kyoto fu allestito con un'immagine di un Tenaga ed un Ashinaga impegnati nella pesca.[1] Il racconto folkloristico fu tramandato nel tempo e comparve, corredato da un'illustrazione, anche sull'enciclopedia sino-giapponese Wakan Sansai Zue, pubblicata in Giappone nel 1712.

Altre versioni del binomio Tenaga-Ashinaga[modifica | modifica wikitesto]

Il nome Tenaga-Ashinaga, viene attribuito in Giappone anche a dei giganti diversi tra loro che, secondo i racconti delle diverse regioni centro-settentrionali dell'isola di Honshu, appaiono in forme diverse.[1]

  • Nel nord-ovest di Honshu. Nei racconti delle prefetture di Akita e di Yamagata, il gigante vive sul monte Chōkai (鳥海山), e scende nei villaggi per fare razzie e attaccare le barche. Uno spirito incarnato in un corvo a tre zampe viene inviato dal kami della montagna per dare l'allarme ai cittadini, gridando "Uya" quando il gigante arriva e "Muya" quando se ne va. Tre promontori alla base del monte chiamati Uyamuya-no-seki prendono il nome da questa leggenda
  • Nella prefettura di Fukushima. Un diverso Tenaga-Ashinaga vive sul monte Bandai
  • Nella prefettura di Nagano, un Tenaga-Ashinaga viene venerato come servitore della divinità a cui è consacrato un antico tempio shinto locale.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c (EN) Tenaga e Ashinaga su obakemono.com

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Christian Filagrossi, "Il Libro delle Creature Fantastiche", Armenia, 2006

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]