Uwan

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Un Uwan rappresentato da Sūshi Sawaki nello Hyakkai Zukan
Uwan (う ハ ん) di Bakemono no e (化 物 之 繪, 1700 ca.), Harry F. Bruning Collection di libri e manoscritti giapponesi, L. Tom Perry Special Collections, Harold B. Lee Library, Brigham Young University.

Una Uwan (うわん?) è una voce senza corpo che abita nei vecchi templi o nelle case abbandonate. Secondo le antiche leggende che circolano nella Prefettura di Aomori, quando una persona entra in uno di questi edifici, sente il grido « Uwan! ». Solo le persone all'interno dell'edificio sentono queste voci, chi è all'esterno non sente niente. Dato che Uwan non ha corpo, non è una minaccia fisica.

Certe leggende giapponesi dicono che un'Uwan sia composto da suono, luce ed altri elementi naturali. Tuttavia, durante il periodo Edo (1601-1868), gli artisti, come Sūshi Sawaki nella sua opera, rappresentarono questi demoni con un corpo fisico.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]