Annamaria Parente

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Annamaria Parente
Annamaria Parente datisenato 2018.jpg

Presidente della 12ª Commissione Igiene e Sanità del Senato della Repubblica
In carica
Inizio mandato 29 luglio 2020
Predecessore Stefano Collina

Senatrice della Repubblica Italiana
In carica
Inizio mandato 15 marzo 2013
Legislature XVII, XVIII
Gruppo
parlamentare
PD (2013-2019)
Italia Viva-PSI (ottobre 2019)
Circoscrizione Lazio
Sito istituzionale

Dati generali
Partito politico Italia Viva (dal 2019)
In precedenza:
PD (2007-2019)
Titolo di studio Laurea in Filosofia
Professione Dipendente Poste Italiane

Annamaria Parente (Napoli, 17 settembre 1960) è una politica italiana.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Ha studiato presso l'Università degli Studi di Napoli Federico II dove si è laureata in filosofia. Dal 1988, ha lavorato come impiegata amministrativa presso Poste italiane. Dal 2000 fino al 2007, è entrata nella segreteria regionale della Campania della Confederazione Italiana Sindacati Lavoratori[1]. È coniugata ed ha un figlio.

Attività sindacale[modifica | modifica wikitesto]

È stata nella segreteria regionale del Sindacato Lavoratori Poste della Campania, responsabile della Formazione e coordinatrice delle donne della CISL di Napoli, nonché responsabile del Coordinamento Nazionale donne della CISL Confederale. Ha rappresentato il sindacato presso la Commissione Nazionale Parità (di cui è stata nominata anche vice presidente), nel Comitato Pari Opportunità del Ministero del lavoro e delle politiche sociali e nelle organizzazioni europee ed internazionali del sindacato.

Attività politica[modifica | modifica wikitesto]

È stata Assessore alla Cultura presso il Comune di Forano in provincia Rieti. L'8 marzo del 2004 è stata nominata Ambasciatrice di Pace del Centro internazionale per la Pace tra i popoli di Assisi. Nel 2007 entra nell'esecutivo del Partito Democratico e viene scelta come Responsabile Lavoro nella Segreteria nazionale dal Segretario Walter Veltroni, ruolo confermato nel 2009 dal Segretario Pier Luigi Bersani.[2][3]

Nel 2013 viene eletta Senatrice della XVII legislatura della Repubblica Italiana nella circoscrizione Lazio per il Partito Democratico. Durante la XVII legislatura ricopre il ruolo di membro della 11ª Commissione permanente (Lavoro, previdenza sociale) dove ricopre il ruolo di capogruppo per il Partito Democratico e della Commissione di inchiesta sugli infortuni sul lavoro. durante la legislatura si è occupata di diritti delle donne, di tematiche sociali come il reddito di inclusione e la legge sul dopo di noi[4] e di lavoro, con particolare riferimento alle politiche attive ed al lavoro agile.

Nel marzo 2018 è confermata Senatrice ed ha inizio il suo secondo mandato.[5] Il 21 giugno 2018 viene eletta Vice Presidente 11ª Commissione permanente (Lavoro, previdenza sociale) del Senato. [6]

Il 5 ottobre 2019 decide di abbandonare il Partito Democratico per approdare in Italia Viva, fondata da Matteo Renzi il 18 settembre 2019.[7] La senatrice lascia il gruppo parlamentare del PD al Senato aderendo a quello di Italia Viva-PSI.[8]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Linkedin, su linkedin.com.
  2. ^ Partito Democratico, Iniziativa "Officina Politica"., su partitodemocratico.it, 13 maggio 2012.
  3. ^ Partito Democratico, Iniziativa "Finalmente Sud"., su partitodemocratico.it, 14 novembre 2012.
  4. ^ La Repubblica, Legge sul dopo di noi., su repubblica.it, 14 giugno 2016.
  5. ^ http://elezioni.interno.gov.it/senato/scrutini/20180304/scrutiniSI12100000000, 5 marzo 2018.
  6. ^ http://www.senato.it/leg/18/BGT/Schede/Commissioni/0-00011.htm, Composizione della 11ª Commissione permanente (Lavoro, previdenza sociale), 21 giugno 2018.
  7. ^ La senatrice Annamaria Parente ha lasciato il PD ed è entrata in Italia Viva, su Il Post, 5 ottobre 2019. URL consultato il 5 ottobre 2019.
  8. ^ Un'altra senatrice Pd aderisce a PSI-Italia Viva, il gruppo a Palazzo Madama ora ha 17 parlamentari, su ilfattoquotidiano.it, 5 ottobre 2019. URL consultato il 5 ottobre 2019.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]