Alveolo polmonare

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Avvertenza
Le informazioni qui riportate non sono consigli medici e potrebbero non essere accurate. Questa voce ha solo scopo illustrativo e non sostituisce il parere di un medico: leggi le avvertenze.
Alveoli polmonari di tre lobuli

L'alveolo polmonare è una componente del parenchima polmonare[1]. Nell'albero respiratorio si trova in posizione terminale, dopo i bronchioli polmonari, coi quali costituisce l'elemento base dell'architettura del polmone, il lobulo polmonare[2].

Alveoli e bronchioli[modifica | modifica sorgente]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Bronchiolo.
Alveoli polmonari e bronchioli

I bronchioli sono sottilissimi rami, di calibro inferiore al millimetro, che terminano con un "grappolo" detto infundibolo[1]; questo grappolo è costituito da un gruppo di alveoli polmonari, paragonabili a dei sacchetti che hanno una sottilissima parete fibro-muscolare[1]. Gli alveoli sono privi di cartilagine, infatti sono ricoperti solo da un unico strato di epitelio sottile che possano permettere scambi gassosi[2]. Nei polmoni vi sono migliaia di infundiboli, e questo permette di avere un'enorme superficie di scambio anidride carbonica/ossigeno (quasi 200m²) in uno spazio contenuto come la cavità toracica.

Circolazione sanguigna[modifica | modifica sorgente]

Intorno agli alveoli vi sono dei sottilissimi capillari sanguigni, che si immergono per metà nell'alveolo; questi vasi trasportano sangue venoso (ricco di anidride carbonica)[3]. All'interno dell'alveolo il sangue è separato dall'aria inspirata solo da un sottile strato di endotelio; le cellule che formano questa sottilissima membrana vengono facilmente aggirate dal sangue, che così raggiunge l'ossigeno che abbiamo introdotto nell'alveolo con l'inspirazione[4]. Il sangue abbandona l'anidride carbonica ed il vapore acqueo e si lega all'ossigeno: questo scambio si chiama ematosi. I capillari, che prima trasportavano sangue venoso, adesso trasportano sangue arterioso e vanno a raccogliersi nelle vene polmonari, che sfociano nell'atrio sinistro del cuore[5]. Il cuore distribuirà poi il sangue ossigenato a tutto l'organismo.

Struttura[modifica | modifica sorgente]

Sezione di polmone che mostra la struttura di due bronchioli e della sottilissima parete di svariati alveoli

Ogni alveolo polmonare ha la parete costituita da un epitelio pavimentoso semplice e da uno strato connettivale ricco di capillari[6].

Epitelio[modifica | modifica sorgente]

L'epitelio alveolare è costituito, oltre che da macrofagi, da due particolari tipi di cellule: i pneumociti di I e di II tipo[6].

Pneumociti di I tipo[modifica | modifica sorgente]

I pneumociti di primo tipo sono cellule molto appiattite con una parte centrale rilevata contenente il nucleo ed esili lamine citoplasmatiche che rivestono tratti estesi della superficie alveolare[6]. Sono cellule molto estese e, seppure in numero minore rispetto a quelle di II tipo, ricoprono circa il 90% della superficie alveolare[6].

Pneumociti di II tipo[modifica | modifica sorgente]

I pneumociti di secondo tipo sono cellule di forma rotondeggiante e sporgenti dalla superficie alveolare. Più numerosi ma più piccoli dei pneumociti del I tipo, presentano una membrana apicale sollevata in microvilli che possono essere libri o in parte ricoperti da espansioni dei pneumociti del I tipo[6]. Hanno i caratteri tipici degli elementi secernenti: un reticolo endoplasmatico ruvido ben sviluppato, numero ribosomi e con grosse vescicole citoplasmatiche che contengono sistemi di lamelle parallele o concentriche, i corpi multilamellari che si formano a partire da corpi multivescicolari, una parte del sistema lisosomiale di queste cellule[6][7]. Tali strutture si trovano vicino alla membrana con la quale si fondono per riversare all'interno dell'alveolo il loro secreto, il surfattante, una sostanza tensioattiva che impedisce l'eccessiva distensione dell'alveolo nell'inspirazione e il suo collasso nell'espirazione[7].

Macrofagi alveolari[modifica | modifica sorgente]

I macrofagi alveolari (detti anche cellule della polvere o spazzini dell'alveolo polmonare[4]) hanno un aspetto rotondeggiante e possono trovarsi sia nei setti interalveolari sia nell'epitelio sia nel lume dell'alveolo stesso. Fagocitano particelle carboniose del pulviscolo atmosferico che arriva negli alveoli con l'aria inspirata e lo depositano nei setti interlobulari[4].

Connettivo e fibre[modifica | modifica sorgente]

L'epitelio alveolare è sostenuto da una trama reticolare fibroelastica, nella quale è presente una fitta rete capillare derivante dall'arteria polmonare. La componente fibroelastica forma una rete a maglie larghe frammiste a piccoli fasci muscolari lisci che si dispone intorno al colletto alveolare ed è responsabile delle proprietà elastiche del polmone, importanti sia nell'inspirazione che nell'espirazione.

Nei setti interalveolari di due alveoli contigui possono essere presenti dei pori che ne permettono la comunicazione: i pori di Kohn. Possono esserci da 2 a 7 pori per ogni alveolo e hanno un diametro di 2-10 μm[4]. Sembra che il loro ruolo sia di permettere il passaggio di aria tra gli alveoli nel caso i condotti alveolari si ostruiscano[4].

Barriera sangue-aria[modifica | modifica sorgente]

L'endotelio dei capillari e l'epitelio alveolare (che formano la parete alveolare) stabiliscono, per tratti estesi, un intimo rapporto attraverso le rispettive membrane basali e costituiscono la barriera aria-sangue. La superficie di un capillare è a contatto con più alveoli, anche di acini diversi[8]. Questa barriera permette, senza consumo di energia, gli scambi gassosi tramite i quali l'aria inspirata cede ossigeno al sangue, che da venoso diventa arterioso, mentre l'anidride carbonica fuoriesce dal sangue e passa nell'alveolo dal quale, con l'espirazione, viene eliminata nell'ambiente esterno.

La barriera varia da uno spessore di 0,2 μm a 2 μm in quanto è formata da:

  • l'epitelio alveolare con uno spessore minimo di 0,05 μm;
  • la lamina basale dell'epitelio alveolare e dell'endotelio capillare (spesso fuse in un'unica lamina) con uno spessore minimo di 0,1 μm;
  • l'endotelio capillare con uno spessore minimo di 0,05 μm.

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ a b c Da Trattato di Anatomia Umana, volume II, op. cit., p. 282
  2. ^ a b Da Trattato di Anatomia Umana, volume II, op. cit., p. 281
  3. ^ Da Trattato di Anatomia Umana, volume II, op. cit., p. 272
  4. ^ a b c d e Da Trattato di Anatomia Umana, volume II, op. cit., p. 287
  5. ^ Da Trattato di Anatomia Umana, volume II, op. cit., p. 273
  6. ^ a b c d e f Da Trattato di Anatomia Umana, volume II, op. cit., p. 285
  7. ^ a b Da Trattato di Anatomia Umana, volume II, op. cit., p. 286
  8. ^ Da Trattato di Anatomia Umana, volume II, op. cit., p. 288

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

  • Anastasi et al., Trattato di Anatomia Umana, volume II, Milano, Edi.Ermes, 2012, ISBN 978-88-7051-286-1
  • Junqueira, Carneiro, Compendio di Istologia, Padova, Piccin, 5ª edizione, 2006, ISBN 88-299-1817-2

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]