Cartilagini aritenoidi

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Cartilagini aritenoidi
Gray950.png
Cartilagini della laringe
Anatomia del Gray (EN) Pagina 1075
Nome latino Cartilagines arytaenoideae
Sistema respiratorio
Sviluppo embriologico 4º e 6º arco branchiale
Identificatori
MeSH Arytenoid+Cartilage
A02.165.507.083
TA A06.2.04.001
FMA 55109

La cartilagini aritenoidi o cartilagini aritenoidee[1] sono strutture cartilaginee facenti parte delle cartilagini principali della laringe[1].

Disposizione e rapporti[modifica | modifica wikitesto]

Le cartilagini aritenoidi sono poste nella parte posterosuperiore della laringe[2], sopra la cartilagine cricoide e dietro la cartilagine tiroidea. Vi si distinguono una base, tre facce e un apice[3].

La base, che si articola con la cartilagine cricoide nell'articolazione crioaritenoidea, presenta due processi: il processo muscolare diretto in dietro e in fuori (su cui si fissano i muscoli cricoaritenoidei posteriore e laterale) e il processo vocale (su cui si fissa il legamento vocale)[3].

La faccia mediale in basso è piana, mentre in alto si riduce ad un margine.
La faccia anterolaterale è divisa dalla cresta arcuata in due fosse: la fossa triangolare in alto e la fossa oblunga in basso.
La faccia posteriore è concava ed è coperta dal muscolo aritenoideo trasverso.

L'apice è incurvato in dentro e in dietro e si articola con le cartilagini corniculate tramite l'articolazione aricorniculata[3].

Danno, inoltre, inserzione ai muscoli cricoaritenoideo posteriore, cricoaritenoideo laterale, tiroaritenoideo, aritenoideo obliquo, aritenoideo trasverso e ariepiglottico.

Articolazione cricoaritenoidea[modifica | modifica wikitesto]

Le articolazioni cricoaritenoidee sono due e si instaurano fra la faccetta articolare della base delle aritenoidi e le faccette articolari aritenoidee presenti sul margine superiore della lamina cricoidea[4].

Tale articolazione, rinforzata dai legamenti cricoaritenoidei, permette alle aritenoidi movimenti di inclinazione in avanti, in dietro, lateralmente e movimenti di rotazione intorno al proprio asse verticale: tali movimenti sono fondamentali nella fonazione in quanto i muscoli fissati ai processi vocale o muscolare possono tendersi o rilassarsi proprio grazie a questa mobilità[4].

Struttura[modifica | modifica wikitesto]

Di forma piramidale, sono formate da cartilagine ialina ad eccezione dell'apice e del processo vocale che sono formati da cartilagine elastica[3].

Note[modifica | modifica wikitesto]

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]