Alois Stadlober

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Alois Stadlober
20161216 FIS WC NK Ramsau 6854.jpg
Nazionalità Austria Austria
Altezza 183 cm
Peso 73 kg
Sci di fondo Cross country skiing pictogram.svg
Squadra SC Radstadt
Ritirato 2009
Palmarès
Mondiali 1 1 0
Per maggiori dettagli vedi qui
 

Alois Stadlober (Judenburg, 11 aprile 1962) è un ex fondista austriaco.

È marito della sciatrice alpina Roswitha Steiner e padre della fondista Teresa, a loro volta sciatrici di alto livello[1].

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

In Coppa del Mondo ottenne il primo risultato di rilievo il 19 dicembre 1987 a Davos (11°) e il primo podio il 12 dicembre 1998 a Dobbiaco (3°).

In carriera prese parte a cinque edizioni dei Giochi olimpici invernali, Sarajevo 1984 (25° nella 15 km, 24° nella 50 km, 11° nella staffetta), Calgary 1988 (36° nella 15 km, 33° nella 30 km, non conclude la 50 km, 10° nella staffetta), Albertville 1992 (8° nella 10 km, 19° nella 30 km, 10° nell'inseguimento, 9° nella staffetta), Lillehammer 1994 (10° nella 10 km, 15° nella 50 km, 11° nell'inseguimento) e Nagano 1998 (12° nella 10 km, 12° nella 50 km, 14° nell'inseguimento, 9° nella staffetta), e a quattro dei Campionati mondiali, vincendo due medaglie.

Palmarès[modifica | modifica wikitesto]

Mondiali[modifica | modifica wikitesto]

Coppa del Mondo[modifica | modifica wikitesto]

  • Miglior piazzamento in classifica generale: 11º nel 1999
  • 2 podi (1 individuale, 1 a squadre[3])[4]:
    • 2 terzi posti (1 individuale, 1 a squadre)

Campionati austriaci[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Profilo Sports-reference.com, su sports-reference.com. URL consultato il 17 settembre 2012.
  2. ^ a b Gara valida anche ai fini della Coppa del Mondo.
  3. ^ Fino al 2000 dati parziali per le prove a squadre.
  4. ^ Oltre a quelli ottenuti in sede iridata e validi anche ai fini della Coppa del Mondo.
  5. ^ ÖSV-Siegertafel, su oesv.at. URL consultato il 17 settembre 2012 (archiviato dall'url originale il 5 marzo 2016).

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN23002116 · ISNI (EN0000 0000 1590 7132 · GND (DE121612546