Acquedotto romano del Serino

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Gli archi dei Ponti Rossi a Napoli

L'acquedotto romano del Serino (in latino: Aqua Augusta Campaniæ - chiamato anche "acquedotto augusteo") è un'importante opera idrica di età augustea, costruito fra il 33 ed il 12 a.C. per risolvere il problema dell'approvvigionamento idrico del porto di Puteoli e della flotta stanziata a Miseno, rifornendo lungo il suo tragitto le città di Neapolis e Cumae.

Storia e caratteristiche[modifica | modifica wikitesto]

L'acquedotto del Serino è una delle più grandi opere architettoniche dell'intero Impero Romano[1]. Il percorso della grandiosa opera partiva dalla sorgente del Serino, la Fontis Augustei a 376 m s.l.m. sull'altopiano carsico irpino nei pressi del monte Terminio, per giungere fino alla Piscina mirabilis, a Miseno, dopo 96 chilometri. Era una vera e propria rete regionale, che riforniva otto città e svariate villae: su dieci diramazioni, sette rifornivano i nuclei urbani importanti (Nola, Pompeii, Acerra, Herculaneum, Atella, Pausillipon, Nisida, Puteoli, Cumae e Baiae)[2] e tre portavano l'acqua alle villae. Comprese le diramazioni, la lunghezza totale dell'acquedotto era di circa 145 km[2], il che lo rende il più lungo acquedotto romano costruito fino al V secolo d.C.

Un'opera così imponente richiedeva una costante manutenzione, per cui importanti interventi si ebbero in età flavia (I secolo d.C.), con la sostituzione di tratti con altri paralleli. All'imperatore Costantino si deve un imponente restauro agli inizi del IV sec. d.C. documentato in una nota iscrizione rinvenuta a Serino (Av) e datata al 324 d.C. ( AE 1939, 151 ). In essa sono indicate le località servite dall'acquedotto:

In realtà, anche le città di Pompei ed Ercolano erano rifornite dall'acquedotto augusteo ma essendo state distrutte e coperte dall'eruzione del Vesuvio del 79 d.C. non possono comparire, ovviamente, in questo elenco.

Per gran parte del percorso l'acquedotto non correva in galleria ma all'aperto attraverso arcate in laterizio, delle quali resta traccia a Napoli nella zona dei Ponti Rossi, che dalle stesse arcate prende il nome. Tale struttura costituiva l'accesso settentrionale della condotta alla città.

Era chiamato anche col nome di Fontis Augustei Aquaeductum.

Citazioni letterarie[modifica | modifica wikitesto]

L'acquedotto ha un ruolo di primo piano nel romanzo Pompeii di Robert Harris, il cui protagonista è un ingegnere inviato da Roma come responsabile dell'acquedotto nel 79 d.C., proprio nei giorni che precedono l'eruzione del Vesuvio.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ De Feo, pp. 131-132.
  2. ^ a b De Feo, p. 134.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]