Castellum Aquae

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search

Coordinate: 40°45′11.6″N 14°29′03″E / 40.753221°N 14.484167°E40.753221; 14.484167

L'esterno

Il Castellum Aquae è un edificio di epoca romana, sepolto dall'eruzione del Vesuvio del 79 e ritrovato a seguito degli scavi archeologici dell'antica Pompei: la sua funzione era quella di raccogliere l'acqua potabile e distribuirla alla rete idrica cittadina[1].

Storia e descrizione[modifica | modifica wikitesto]

L'interno

Il Castellum Aquae, situato nei pressi di Porta Vesuvio, era posto ad un'altezza di circa quarantadue metri[2]: dopo aver ricevuto l'acqua provenienti dall'acquedotto del Serino[1], sfruttando la pressione di caduta, questa veniva convogliata in tre condotti, in modo tale da raggiungere tutta la città; tuttavia un sistema di saracinesche regolava l'afflusso di acqua a seconda della disponibilità[3]. La struttura fu risistemata dopo il terremoto di Pompei del 62, in quanto fu notevolmente danneggiata, come riprodotto negli affreschi ritrovati nella casa di Lucio Cecilio Giocondo[1], ma al momento dell'eruzione, nel 79, l'intero sistema idrico, che andava ad alimentare quaranta fontane pubbliche, non era in funzione[2].

Il Castellum Aquae presenta una pianta circolare, con una volta a cupola dal diametro di sei metri ed esternamente ha una forma trapezoidale[2]. La parete est, che poggia su Porta Vesuvio e quella ovest sono in tufo e realizzate in opera reticolata, quella nord è in opera incerta e nella quale era posto il foro d'ingresso dell'acqua e quella sud, che rappresenta la facciata principale, è in opera laterizia[2], realizzata con mattoni e nella quale si aprono tre arcate cieche, separate da lesene[1] e una feritoia per dare luce agli ambienti interni[3]. All'interno, il grosso serbatoio, era diviso in tre scomparti, ognuno del quale alimentava una conduttura: una era utilizzato per le fontane, una per gli edifici pubblici, come le terme e l'altro per le case; in caso di mancanza d'acqua, l'unica fornitura erogata era quella per le fontane pubbliche[1]. La sola traccia artistica dell'edificio, sono i residui di un affresco, posto sulla parete nord, che raffigurava ninfe e divinità di fiume[3].

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c d e Regio V - Castellum Aquae, su pompeisepolta.com. URL consultato il 24-04-2012 (archiviato dall'url originale il 17 novembre 2011).
  2. ^ a b c d Il Castellum Aquae, su pompeiisites.org. URL consultato il 24-04-2012.
  3. ^ a b c Storia e descrizione del Castellum Aquae, su archeoguida.it. URL consultato il 24-04-2012 (archiviato dall'url originale il 21 aprile 2011).

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]