Villa Imperiale (Pompei)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Il colonnato

La villa Imperiale è una villa suburbana di carattere residenziale di epoca romana, ubicata appena fuori le mura di Pompei, a cui è addossata, in prossimità di porta Marina, nella parte occidentale degli scavi archeologici, al di sotto del tempio di Venere[1].

Storia[modifica | modifica wikitesto]

La Villa Imperiale, anche se non è provato che si trattasse realmente di un edificio di proprietà dell'impero[2], fu costruita nell'ultimo decennio del I secolo a.C. abusivamente[3] e fu notevolmente danneggiata a seguito del terremoto di Pompei del 62; fu poi completamente ristrutturata, ma poco dopo, probabilmente tra il 73 o il 74, venne riacquistata dal demanio ed in parte distrutta per far posto a dei granai[3] ed utilizzata anche come magazzino per i materiali di lavoro della città[2]. La villa, esplorata già in epoca borbonica e poi nuovamente sepolta, fu scoperta nel 1943 a seguito dei bombardamenti dell'antiquarium che sorgeva proprio sopra la costruzione e scavata nuovamente nel 1947 da Amedeo Maiuri[4].

Descrizione[modifica | modifica wikitesto]

Parete del peristilio

Di grandi dimensioni, la Villa Imperiale custodisce uno dei maggiori esempi di pittura pompeiana sia in terzo stile, che gli artisti mantennero durante i lavori di restauro, sia in quarto stile[3]; originariamente su due piani[4], oggi ne rimane il portico, il triclinio, una diaeta, un oecus e parte del peristilio. L'oecus è di forma rettangolare, alto otto metri, lungo sette e largo sei[1] ed è largamente decorato in terzo stile, mentre la parte alta e la volta sono affrescate in quarto stile, segno di possibile crollo a seguito del terremoto del 62[3]; il pavimento, asportato durante il XVIII secolo, era probabilmente realizzato in marmo ed aveva una forma esagonale, così come dimostrato dalle impronte rimaste sul piano di calpestio[2]. Le pareti sono decorate con uno zoccolo rosso porfido, seguito da una breve striscia in nero e poi un'ampia zona centrale che presenta al centro un affresco a tema mitologico, diviso dal resto della parete da colonne, alla cui base è decorato con fregi con putti e psichi; le scene mitologiche delle edicole centrali raffigurano rispettivamente Dedalo ed Icaro, il più bello ritrovato a Pompei, che ritrae Icaro al suolo aiutato da una ninfa e Dedalo in volo, Teseo ed il Minotauro, con il mostro battuto e l'eroe circondato da fanciulli, con due ninfe che assistono alla scena, e Teseo che abbandona Arianna a Nasso, l'unico a non essersi perfettamente conservato[3]. La parte superiore invece è in quarto stile, a fondo nero, con raffigurazioni dionisiache. A completare le decorazioni sei pinakes che raffigurano poeti, tra cui Saffo e Alceo[2].

La diaeta invece presenta una zoccolo decorato con forme geometriche, seguito poi da un pannello bianco, nel quale sono raffigurati elementi architettonici come pyrgotoi e thymiateria; la parte superiore infine, sempre in bianco, è ornata con candelabri e colonne[5]. Il triclinio, illuminato da una finestra a tre fori che si affaccia sul giardino[2], presenta dei pannelli in rosso, con al centro un'edicola decorata, di cui solo quella del lato ovest è rimasta parzialmente conservata: si tratta della raffigurazione di un satiro e di una menade, in un santuario dedicato a Pan; la parte superiore, costruita dopo il terremoto del 62, è colorata in giallo[5]. Il peristilio è decorato con uno zoccolo nero e con pareti in rosso con bande bianche, nel quale sono raffigurati quadri del ciclo tebano, adornati con cariatidi e festoni[5], ma anche da medaglioni e tavolette asportate durante l'esplorazione borbonica[2]. Il portico è formato dai resti di quarantatré colonne[4], realizzate in mattoni e ricoperte da stucco bianco, in modo tale da creare le scanalature, le quali circondano un giardino che prima dell'eruzione aveva una vista sul mare[4].

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b Le dimensioni della Villa Imperiale, su pompeisepolta.com. URL consultato il 27-01-2012 (archiviato dall'url originale il 6 agosto 2009).
  2. ^ a b c d e f Pompei, Villa Imperiale [collegamento interrotto], su archeoguida.it. URL consultato il 27-01-2012.
  3. ^ a b c d e L'oecus della Villa Imperiale, su unisob.na.it. URL consultato il 27-01-2012 (archiviato dall'url originale il 15 aprile 2008).
  4. ^ a b c d Pompei e la Villa Imperiale, su romanoimpero.com. URL consultato il 27-01-2012.
  5. ^ a b c Storia e descrizione della Villa Imperiale di Pompei, su guide.supereva.it. URL consultato il 27-01-2012.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]