A 30 secondi dalla fine

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
(Reindirizzamento da A trenta secondi dalla fine)
A 30 secondi dalla fine
A 30 secondi dalla fine (film).png
Oscar "Manny" Mannheimer (Jon Voight) in una scena del film
Titolo originaleRunaway Train
Lingua originaleinglese
Paese di produzioneUSA, Israele
Anno1985
Durata111 min
Rapporto1.85:1
Genereazione, drammatico
RegiaAndrej Končalovskij
SoggettoAkira Kurosawa
SceneggiaturaEdward Bunker, Ryuzo Kikushima, Djordje Milicevic, Hideo Oguni, Paul Zindel.
ProduttoreYoram Globus, Menahem Golan
Produttore esecutivoRobert A. Goloston
Casa di produzioneNorthworth Films, Golan-Globus Production, Cannon Films
Distribuzione (Italia)Italian International Films
FotografiaAlan Hume
MontaggioHenry Richardson
Effetti specialiRick Josephsen
MusicheTrevor Jones
Interpreti e personaggi
Doppiatori italiani

A 30 secondi dalla fine (Runaway Train) è un film del 1985 diretto da Andrej Končalovskij, regista sovietico alla sua nona opera. La sceneggiatura è in parte opera anche dello scrittore e attore Edward Bunker, che recita nel film.

Fu presentato in concorso al Festival di Cannes 1986.[1]

Trama[modifica | modifica wikitesto]

Nel carcere di massima sicurezza di Stonehaven, in Alaska, Oscar Mannheimer, detto Manny, detenuto ritenuto dall'intera comunità un eroe e un simbolo, progetta la sua evasione dopo essere uscito da tre anni di cella di isolamento. Alla fuga si unisce anche il giovane Buck, che lo aiuta ad evadere. Per i due comincia una difficile fuga tra i ghiacci e il freddo insopportabile. Ranken, lo spietato direttore del carcere che ha un particolare rancore nei confronti di Manny ed è noto per maltrattare i suoi detenuti, si mette sulle loro tracce. I due evasi riescono a raggiungere la ferrovia e salire a bordo di un convoglio in partenza formato da quattro potenti locomotori: durante la veloce corsa del treno sognano di rifarsi una vita.

Essi però sono ignari del fatto che il macchinista è morto per un attacco di cuore e il treno, ormai senza controllo, non può più essere fermato. La folle corsa - alla quale si aggiunge Sara, giovane operaia che era rimasta a dormire su una delle locomotive - si sviluppa in una serie di eventi tra scontri, ponti pericolanti e deragliamenti mancati per un soffio, fino a quando, dopo un feroce corpo a corpo con Ranken che si è calato sul treno da un elicottero, Manny stacca le tre locomotive di coda: in questo modo salva la vita a Buck e Sara, ma si avvia verso l'inevitabile disastro assieme a Ranken, da lui ammanettato al locomotore.

Produzione[modifica | modifica wikitesto]

Prima apparizione cinematografica dell'attore Danny Trejo, che diede lezioni di boxe a Eric Roberts[senza fonte] e comparve come pugile durante un incontro all'interno del carcere proprio contro Roberts.

Riconoscimenti[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (EN) Official Selection 1986, festival-cannes.fr. URL consultato il 24 giugno 2011.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Cinema Portale Cinema: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di cinema