Yata no Kagami

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Se riscontri problemi nella visualizzazione dei caratteri, clicca qui.

Lo Yata no Kagami (八咫鏡?) o Specchio Sacro è uno specchio di bronzo, uno dei tre sacri tesori che costituiscono le insegne imperiali del Giappone. Si dice che sia conservato nel tempio di Ise, nella prefettura di Mie, in Giappone, ma il divieto di accesso al pubblico rende difficile verificarlo. Si tratta presumibilmente di un manufatto risalente all'età del bronzo, proveniente dalla Cina o dalla Corea. Lo Yata no Kagami rappresenterebbe simbolicamente la saggezza o l'onestà.

Secondo una leggenda shintoista, questo oggetto venne appeso ad un albero insieme alla gemma Yasakani no Magatama dalla dea Ama-no-Uzume per stanare Amaterasu, la dea del Sole, che si era nascosta in una grotta per sfuggire al fratello Susanoo e aveva così gettato il mondo nell'oscurità. Amaterasu vide la sua immagine riflessa nello specchio e ne rimase così stupita che gli altri dei poterono portarla fuori dalla caverna. Lo specchio e la gemma furono poi regalati, insieme alla spada Kusanagi, al nipote di Amaterasu, Ninigi-no-Mikoto, quando questi partì per pacificare il Giappone. Da allora il tesoro passò nelle mani della casa imperiale del Giappone.

Dal 690 d.C., durante la cerimonia di insediamento sul trono imperiale, i sacerdoti del tempio presentano questi tre oggetti all'imperatore. Questa cerimonia non è pubblica e gli oggetti, per tradizione, sono visti solo dall'imperatore e da determinati sacerdoti. Per questo non ne esistono fotografie o disegni conosciuti.

Un'altra leggenda vuole che sia stato tenuto in mano da Izanagi (una delle due divinità creatrici del Giappone, insieme ad Izanami), da cui nacque Amaterasu.