Tamamo-no-Mae

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Tamamo-no-Mae secondo l'artista Yoshitoshi.

Tamamo-no-Mae (玉藻前/玉藻の前/玉藻御前? lett. la "signora Gioiello luminoso")[1][2], è una figura leggendaria della mitologia giapponese. Nell'otogizōshi, una raccolta di racconti giapponesi scritta durante il periodo Muromachi, Tamamo-no-Mae era la donna preferita del padre dell'imperatore giapponese Konoe (che regnò dal 1142 al 1155). Bella ed intelligente, ella incantò la corte con la sua presenza, fino a quando l'"imperatore ritirato" ed il figlio Konoe si ammalarono misteriosamente. Ma l'astrologo ed esorcista di corte, l'abile Abe no Yasuchika, comprese che i mali veniva da Tamamo no Mae, che in realtà era una perfida volpe a nove code (九尾の狐 Kyūbi no Kitsune?). Dopo essere stata uccisa da uno dei due valorosi uomini al suo inseguimento, dal suo corpo nacque una pietra magica, Sessho-seki (殺生石?), mortale per chiunque la toccasse.


Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Traduzione conforme con ciò che si rincontra nella letteratura anglosassone sull'argomento, ma tuttavia la traduzione è ancora variabile: 玉 ( in cinese) indica la giada, pietra imperiale che simboleggia la potenza, e 藻 (zǎo) indica le alghe; a questo proposito Michael Bathgate dice che il termine tamano è utilizzato qui in modo metaforico, con riferimento a tama, il gioiello, la giada. È la luce che ella emana le valgono questo soprannome.
  2. ^ Michael Bathgate, 2004, p. 4

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]