Governo del chiostro

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Se riscontri problemi nella visualizzazione dei caratteri, clicca qui.

Il governo del chiostro o sistema Insei (院政) fu una specifica forma di governo in Giappone, nella quale l'Imperatore, pur abdicando, manteneva inalterato il proprio potere.

Gli imperatori ritirati (Dajo Tenno), scegliendo di entrare in una comunità monastica buddhista diventavano «imperatori nel chiostro» (太上法皇 Dajo Hoo?), sancendo di fatto la divisione del potere effettivo tra clero buddista e grandi famiglie.

Il sistema fu introdotto dall'imperatore Shirakawa, regolarmente regnante dal 1072 al 1086, sotto l'enorme influenza del periodo da parte del potere dei monasteri buddisti. È l'epoca in cui l'impero è totalmente esautorato: gli imperatori che non si ritirano in monastero ad esercitare da lì la loro autorità (ormai solo di figuranti) andavano sotto l'influenza della famiglia Fujiwara. Il potere ed il popolo erano così divisi tra i fedeli al potere ordinario e il potere del regnante in ritiro.