Wells Fargo

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Wells Fargo
Logo
Stato Stati Uniti Stati Uniti
Tipo Public company
Borse valori
Fondazione 1852
a San Francisco (California)
Sede principale San Francisco (California)
Persone chiave John Stumpf, CEO
Settore Bancaria
Prodotti Servizi finanziari
Fatturato Green Arrow Up.svg 86,08 miliardi di USD (2012)
Risultato operativo Green Arrow Up.svg 28,47 miliardi di USD (2012)
Utile netto Green Arrow Up.svg 18,89 miliardi di USD (2012)
Dipendenti 269.200 (2012)
Slogan Together we'll go far (Insieme andremo lontano)
Sito web www.wellsfargo.com/

La Wells Fargo & Co è una compagnia di servizi finanziari operante in tutto il mondo. Wells Fargo è la quarta banca per attività e terza per capitalizzazione borsistica degli Stati Uniti.[1] Wells Fargo è la seconda più grande banca per depositi, servizi ipotecari e carte di debito. Wells Fargo è il risultato della fusione della California Wells Fargo & Co. con la Norwest Corporation nel 1998. La nuova impresa decise di mantenere il nome Wells Fargo, per capitalizzare il marchio e la riconoscibilità sul mercato. Nel 2007 è stata l'unica banca degli Stati Uniti a conservare una classificazione AAA per S&P,[2] classificazione poi ridotta a AA-[3] durante la crisi economica del 2008. Nel 2011 la Wells Fargo è stata la 23esima azienda più grande negli Stati Uniti. Wells Fargo ha sede a San Francisco, in California, ma ha importanti "hubquarters" in altre città in tutto il paese. Nel 2012, Wells Fargo ha avuto più di 9.000 filiali retail e 12.198 sportelli automatici in 39 stati e nel Distretto di Columbia. Ha più di 270.000 dipendenti e oltre 70 milioni di clienti. Wells Fargo è una delle quattro più grandi banche degli Stati Uniti insieme a Bank of America, Citigroup e JP Morgan Chase.

Curiosità[modifica | modifica sorgente]

è famosa per le sue diligenze dell'epoca del Far West

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Wells Fargo & Company - Google Finance.
  2. ^ Browser Warning
  3. ^ S&P Downgrades Wells Fargo, U.S. Bancorp, Other Banks, BusinessWeek, 29 luglio 2009.

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]