Waking the Fallen

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Waking the Fallen
Artista Avenged Sevenfold
Tipo album Studio
Pubblicazione 26 agosto 2003
Durata 68:33
Dischi 1
Tracce 12
Genere Alternative metal[1]
Post-hardcore[1]
Emo[1]
Indie rock[1]
Etichetta Hopeless
Produttore Mudrok, Fred Archambault
Registrazione 2003, Third Stone Studios, Houston (Texas), Mates, North Hollywood (California)
Formati CD, 2CD, 2LP, 4LP, download digitale
Certificazioni
Dischi d'argento Regno Unito Regno Unito[2]
(vendite: 60 000+)
Dischi d'oro Stati Uniti Stati Uniti[3]
(vendite: 500 000+)
Avenged Sevenfold - cronologia
Album successivo
(2005)
Singoli
  1. Unholy Confessions
    Pubblicato: 17 aprile 2010

Waking the Fallen è il secondo album in studio del gruppo musicale statunitense Avenged Sevenfold, pubblicato il 26 agosto 2003 dalla Hopeless Records.

Il disco[modifica | modifica wikitesto]

Si tratta del primo album inciso dal gruppo insieme al bassista Johnny Christ, il quale ha completato la formazione principale del gruppo, rimasta intatta fino alla scomparsa del batterista The Rev avvenuta nel 2009. La canzone Chapter Four è la colonna sonora dei videogiochi NHL 2004, Madden 2004 e NASCAR Thunder 2004. L'album è stato certificato disco d'oro il 15 luglio del 2009.

Riedizione[modifica | modifica wikitesto]

Nel mese di marzo 2014, il cantante M. Shadows ha annunciato che il gruppo è intenzionato a ripubblicare Waking the Fallen, in occasione del decimo anniversario dello stesso:[4]

« Abbiamo intenzione di mettere qualcosa insieme per il decimo anniversario di Waking the Fallen, il quale ha 11 o 12 anni adesso. Abbiamo provato a pensare a qualcosa che potessimo mettere insieme e abbiamo trovato alcune vecchie demo realizzate con Teppei [Teranishi] dei Thrice prima che incidessimo tale pubblicazione... Abbiamo inoltre trovato alcuni vecchi filmati con Jimmy al The Henry Fonda Theater a Los Angeles e al Ventura Theater. Metteremo insieme un interessante DVD e qualche traccia demo e ripubblicheremo Waking the Fallen per i nuovi fan del gruppo che non lo possiedono ancora o che non sanno molto riguardo alla storia del gruppo. »

Nel mese di giugno dello stesso anno il gruppo ha rivelato la data di pubblicazione della riedizione, denominata Waking the Fallen - Resurrected, fissata al 26 agosto.[5]

Tracce[modifica | modifica wikitesto]

Testi e musiche di Avenged Sevenfold, eccetto dove indicato.

  1. Waking the Fallen – 1:42 (Avenged Sevenfold, Scott Gilman)
  2. Unholy Confessions – 4:43
  3. Chapter Four – 5:42
  4. Remenissions – 6:06
  5. Desecrate Through Reverence – 5:38
  6. Eternal Rest – 5:12
  7. Second Heartbeat – 7:00
  8. Radiant Eclipse – 6:09
  9. I Won't See You Tonight Part 1 – 8:58
  10. I Won't See You Tonight Part 2 – 4:44
  11. Clairvoyant Disease – 4:59
  12. And All Things Will End – 7:40
Contenuti bonus in Waking the Fallen - Resurrected[6]
  • Waking the Fallen Disc 2
  1. Waking the Fallen: Resurrected – 2:50
  2. Second Heartbeat (Alternate Version) – 6:19
  3. Chapter Four (Demo) – 6:23
  4. Remenissions (Demo) – 6:06
  5. I Won't See You Tonight Part 1 (Demo) – 6:07
  6. I Won't See You Tonight Part 2 (Demo) – 5:28
  7. Intro/Chapter Four (Live in Ventura) – 7:10
  8. Desecrate Through Reverence (Live in Pomona) – 5:44
  9. Eternal Rest (Live in Pomona) – 5:16
  10. Unholy Confessions (Live in Ventura) – 5:15
  11. Second Heartbeat (Live in Ventura) – 7:07
  12. I Won't See You Tonight Part 1 (Live in Ventura) – 8:38 – presente nella versione giapponese[7]
  13. I Won't See You Tonight Part 2 (Live in Ventura) – 7:30 – presente nella versione giapponese[7]
  • Waking the Fallen Resurrected DVD
  1. Waking the Fallen: Resurrected Documentary
  2. Chapter Four (Live Footage Video)
  3. Unholy Confessions (Official Music Video)
  4. Unholy Confessions (Original First Cut Music Video)

Formazione[modifica | modifica wikitesto]

Altri musicisti
  • Scott Gilman – arrangiamenti orchestrali

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c d (EN) Waking the Fallen in Allmusic, All Media Network. URL consultato il 3 marzo 2014.
  2. ^ (EN) Certified Awards, British Phonographic Industry. URL consultato il 20 dicembre 2014.
  3. ^ (EN) Searchable Database, Recording Industry Association of America. URL consultato il 20 dicembre 2014.
  4. ^ (EN) Chad Childers, Avenged Sevefold Plan 'Waking the Fallen' Reissue, New DVD, Loudwire, 27 marzo 2014. URL consultato il 15 dicembre 2014.
  5. ^ Avenged Sevenfold: ad agosto “Waking The Fallen: Resurrected”, Metallus.it, 25 giugno 2014. URL consultato il 15 dicembre 2014.
  6. ^ (EN) Avenged Sevenfold ‎– Waking The Fallen Resurrected in Discogs, Zink Media, Inc. URL consultato il 15 dicembre 2014.
  7. ^ a b (EN) Avenged Sevenfold ‎– Waking The Fallen Resurrected (Japan) in Discogs, Zink Media, Inc. URL consultato il 15 dicembre 2014.
metal Portale Metal: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di metal