Viktor Michajlovič Vasnecov

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Viktor Michajlovič Vasnecov in un autoritratto del 1873.

Viktor Michajlovič Vasnecov (in russo: Виктор Михайлович Васнецов?; Lop'jal, 15 maggio 1848Mosca, 23 giugno 1926) è stato un pittore russo. Noto per essere specializzato in soggetti di carattere storico e mitologico ed è considerato una figura chiave del movimento neorusso.

Biografia[modifica | modifica sorgente]

Infanzia (1848-1858)[modifica | modifica sorgente]

Viktor Vasnecov nacque nel lontano villaggio di Lop'jal, nel governatorato di Vjatka nel 1848. Suo padre Michail Vasil'evič Vasnecov, un prete di villaggio, fu un buon educatore di inclinazione filosofica interessato alle scienze naturali, astronomia e pittura. Suo nonno fu un pittore di icone. Anche suo fratello Apollinarij divenne un famoso pittore, mentre l'altro fu un insegnante.

La valle del fiume Vora vicino al villaggio di Mutovok, olio su tela, (1880).

Ricordando in una lettera indirizzata a Vladimir Stasov la sua giovinezza, Vasnecov sottolineò che "aveva vissuto con i bambini di paese e che non gli piacevano tanto quanto avere un narodkin come amico".

Vjatka (1858-1867)[modifica | modifica sorgente]

Dall'età di dieci anni, Viktor studiava nel seminario di Vjatka (oggi Kirov), si spostava con la sua famiglia ogni estate nel ricco villaggio mercantile di Rjabovo. Durante gli anni del seminario lavorò in un negozio di icone locale. In questo modo aiutò Michał Elwiro Andriolli, un artista polacco in esilio, nella realizzazione degli affreschi della cattedrale di Vjatka di Alexander Nevsky. Conclusi gli studi al seminario, Viktor decise di spostarsi a San Pietroburgo per continuare a dedicarsi allo studio dell'arte. Vendette i suoi quadri Woman Harvester e Milk-maid (entrambi del 1867) per racimolare i soldi per il viaggio nella capitale russa.

San Pietroburgo (1867-1876)[modifica | modifica sorgente]

Nell'agosto del 1867 Viktor entrò nell'Accademia Russa di Belle Arti. Tre anni dopo la corrente dei Peredvižniki formata da pittori realisti si ribellò contro l'Accademia. Vasnecov divenne amico di Ivan Nikolaevič Kramskoj, leader di questo movimento, e trovò in lui un riferimento come maestro, in questo modo divenne anche amico di Il'ja Efimovič Repin lo studente che lo seguiva. Ironicamente Viktor, il cui nome è associato a dipinti storici e mitologici, inizialmente evitava questo tipo di soggetti. Per la sua composizione Christ and Pontius Pilate Before the People, l'Accademia lo premiò con una piccola medaglia d'argento.

Snegurochka, olio su tela, 1899

Nei primi anni '70 realizzò una serie di incisioni dipinte sulla vita contemporanea. Due di esse (Provincial Bookseller del 1870 e A Boy with a Bottle of Vodka del 1872) vinsero una medaglia di bronzo all'esposizione universale del 1874 di Londra. In quel periodo cominciò così a produrre della pittura di genere, alcune opere come Peasant Singers (1873) e Moving House (1876) furono caldamente accolte dai gruppi democratici della società russa.

Parigi (1876-1877)[modifica | modifica sorgente]

Nel 1876 Repin invitò Vasnecov a unirsi alla colonia Peredvižniki a Parigi. Mentre viveva in Francia, Viktor studiò le pitture classiche e contemporanee, da quelle accademiche a quelle impressioniste. In quel periodo dipinse Acrobats (1877), realizzò stampe, ed espose alcuni dei suoi lavori al Salon. Qualcosa a Parigi lo ispirò per i suoi soggetti fantastici e iniziò a lavorare a Ivan Tsarevich Riding a Grey Wolf e The Firebird. Vasnecov fu preso a come modello per Sadko nel celebrato dipinto di Repin Sadko in the Underwater Kingdom. Nel 1877 ritornò a Mosca.

La principessa che non sorrideva

Mosca (1877-1884)[modifica | modifica sorgente]

Alla fine degli anni settanta Vasnecov si incentrò sull'illustrazione di fiabe russe e byliny, eseguite in alcune delle sue opere più famose: Knight at the Crossroads (1878), Prince Igor's Battlefield (1878), Three tsarevnas of the Underground Kingdom (1879-1881), The Magic Carpet (1880) e Alionushka (1881). Questi lavori non furono apprezzati a quel tempo e alcuni critici radicali lo accusarono di voler minare i principi di realismo propri del Peredvižniki. Anche alcuni eminenti eruditi come Pavel Michajlovič Tret'jakov rifiutarono di comprare questi lavori. Vasnecov tornò in auge negli anni 80, quando riprese a dipingere soggetti di carattere religioso e dipinse una serie di icone per la chiesa di Abramtsevo del suo patrono Savva Mamontov.

Kiev 1884-1889[modifica | modifica sorgente]

Negli anni tra il 1884 e 1889 Vasnecov dipinse degli affreschi commissionati per la Cattedrale di San Vladimir a Kiev, collaborando con Michail Nesterov. Fu un lavoro provocatorio che andava in contrasto con la tradizione dei dipinti religiosi russi ed occidentali. L'influente critico d'arte Vladimir Stasov etichettò l'opera come un gioco sacrilego nei confronti dei sentimenti della popolazione russa. Invece un altro famoso critico, Dmitrij Filosofov, giudicò questi affreschi come "il primo ponte sopra il precipizio di duecento che separe le diverse classi della società russa". Mentre viveva a Kiev, Vasnecov fece amicizia con Michail Vrubel' il quale fu così coinvolto nella realizzazione delle decorazioni della cattedrale. Mentre lavoravano assieme, al giovane artista fu data da Vasnecov una grande quantità di insegnamenti. Sempre a Kiev Vasnecov concluse Ivan Tsarevich Riding a Grey Wolf e cominciò il suo più famoso dipinto, i Bogatyr. Nel 1885 il pittore fece un viaggio in Italia. Negli stessi anni lavorò sui disegni per palcoscenico e su i costumi per l'opera The Snow Maiden di Nikolaj Rimskij-Korsakov.

Gli ultimi anni (1890-1926)[modifica | modifica sorgente]

Il Tappeto Volante, olio su tela, 1880

Le seguenti due decadi furono le più produttive tra quelle di Vasnecov, ma la maggior parte dei suoi dipinti furono percepiti come di secondaria importanza. Sempre più Vasnecov si dedicò ad altri media. Nel 1897 collaborò con suo fratello Apollinarij per il design teatrale di un'altra opera teatrale di Rimskij-Korsakov, Sadko, e negli anni '10 gli fu commissionato di realizzare una nuova uniforme per i soldati russi, e il cosiddetto bogatyrka il copricapo dell'esercito russo. Al cambio di secolo, Vasnecov elaborò il tratto distintivo in stile fiabesco per l'architettura neorussa. Il suo primo acclamato progetto fu per la chiesa di Abramcevo (1882), realizzato insieme a Vasilij Polenov. Nel 1894, progettò la sua casa di Mosca, il padiglione russo dell'esposizione universale nel 1898 e infine nel 1904 progettò la più famosa opera in stile fiabesco: la Galleria Tret'jakov. Tra il 1906 e 1911, Vasnecov lavorò al disegno del mosaico per la Cattedrale di Alexander Nevsky a Varsavia. Nel 1912 Vasnecov ricevette un titolo nobiliare dallo zar Nicola II. Appena prima della rivoluzione russa Vasnecov divenne reggente della Galleria Tret'jakov. Destinò una parte del suo guadagno al Museo storico di stato, in questo modo una buona parte della collezione del museo è stata acquistato con i soldi di Vasnecov. Dopo la rivoluzione d'ottobre difese dalla rimozione alcuni dipinti religiosi (dei quali i più noti sono di Aleksandr Ivanov) dalla chiesa per la Galleria Tret'jakov.

Curiosità[modifica | modifica sorgente]

L'asteroide 3586 Vasnetsov, scoperto dall'astronoma Lyudmila Zhuravlyova nel 1978 è stato così battezzato in onore di due fratelli Viktor e Apollinarij Vasnecov.

Galleria[modifica | modifica sorgente]

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Controllo di autorità VIAF: 302789 LCCN: n88081971