The Fray

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
The Fray
Fotografia di The Fray
Paese d'origine Stati Uniti Stati Uniti
Genere Alternative rock
Pop rock
Soft rock
Periodo di attività 2002 – in attività
Etichetta Epic Records
Album pubblicati 6
Studio 3
Live 3
Sito web

I The Fray sono un gruppo musicale statunitense nato a Denver in Colorado. Hanno debuttato con l'album How to Save a Life, di cui il secondo singolo estratto, omonimo, ha scalato le classifiche di Canada, Australia, Nuova Zelanda, Stati Uniti e buona parte dell'Europa.

La band è formata da Isaac Slade (piano e voce), Joe King (voce secondaria e chitarra), Dave Welsh (chitarra) e Ben Wysocki (batteria) si forma nel 2002. La critica tende a comparare i The Fray ai Coldplay, mentre sono evidenti le influenze da parte degli U2, Better Than Ezra e i Counting Crows.

Storia del gruppo[modifica | modifica sorgente]

Fondazione e primi EP (2002 - 2005)[modifica | modifica sorgente]

Nella primavera del 2002, gli studenti Isaac Slade e Joe King si incontrano in un negozio di chitarre locale. Presto cominciano a incontrarsi regolarmente cominciando a scrivere canzoni. Poco dopo si aggiungono Zach Johnson e il fratello di Isaac Slade, Caleb. Johnson lascia la band per entrare in una scuola d'arte a New York. Wysocki diventa così il batterista della band. L'unione fraterna diventò l'ispirazione per How to Save a Life, che uscirà anni dopo. Successivamente Caleb abbandonerà la band e si unirà Welsh.

La band scelse il nome "The Fray" in seguito a un evento accaduto durante la festa di diploma di Caleb Slade. Il nome, dicevano, si addiceva alla band perché litigavano sempre (Fray in inglese significa disputa) durante la composizione delle loro canzoni.

Nel 2002 la band pubblica Movement EP, una collezione di quattro canzoni. Furono prodotte davvero pochissime copie e l'album è tuttora non disponibile per l'acquisto. Da quest'ultimo non venne estratto nessun singolo. L'anno dopo, rilasciano Reason, raccogliendo diversi pareri positivi dalle critiche locali. Nonostante queste critiche positive, trovarono difficile riuscire a lanciare un singolo. La radio di Denver rifiutò ben otto delle loro canzoni, prima che presentassero Over My Head (Cable Car). La canzone raccolse un buon successo e la stazione radiofonica di Denver divenne molto famosa.

Il successo (2006 - 2010)[modifica | modifica sorgente]

Nel settembre del 2006 pubblicano il loro album di debutto, How to Save a Life, da cui sarà estratto il singolo omonimo. Questo è il disco di debutto planetario della band, poiché i primi due EP uscirono solo negli Stati Uniti. Il gruppo è diventato molto noto grazie alla canzone How to Save a Life, utilizzata come colonna sonora da alcune serie televisive di successo. Il primo singolo estratto è stato in realtà Over My Head (Cable Car), entrato nella Billboard Hot 100 nel febbraio 2006. La "title-track" è entrata nella classifica statunitense nell'aprile 2006 ed ha raggiunto la posizione #3. Il terzo singolo estratto dall'album è stato Look After You. Per promuovere l'album in studio, il gruppo ha pubblicato anche un album live intitolato Live at the Electric Factory: Bootleg No. 1 (luglio 2006). Si tratta della registrazione di un concerto tenuto il 21 maggio precedente a Philadelphia.

Nel settembre 2007 è stato pubblicato un altro album live, Acoustic in Nashville: Bootleg No. 2, registrato alla fine del 2006. Nell'ottobre 2007 è stato ripubblicato l'EP del 2003 Reason. Inoltre, quale singolo natalizio, è stata diffusa la cover del brano di John Lennon e Yoko Ono Happy Xmas (War Is Over), i cui proventi sono stati destinati al progetto no-profit Reverb.

Nel luglio 2008 la band ha finito di registrare il disco The Fray pubblicato nel febbraio 2009. L'album, prodotto da Aaron Johnson e Mike Flynn e registrato da Warren Huart (come il precedente disco d'esordio), è stato associato ad un documentario diretto da Rod Blackhurst e intitolato Fair Fight. Il singolo di lancio You Found Me ha debuttato nel dicembre 2009 e rappresenta il primo brano del gruppo a raggiungere la vetta della classifica in Australia. Con il successo del singolo (oltre due milioni di download), il disco si è posizionato direttamente al primo posto della classifica Billboard 200.

Nel 2009 sono stati pubblicati anche i brani Be the One (scritto in occasione di San Valentino) e Heartless (cover di Kanye West) incluse nell'edizione deluxe dell'album The Fray e anche nel live The Fray: Live from SoHo, pubblicate nel novembre 2009. Il secondo singolo estratto da The Fray è stato Never Say Never, seguito da Syndacate (gennaio 2010). Questi brani non hanno replicato il successo del singolo di lancio.

Il gruppo ha collaborato con Timbaland per il suo album Shock Value II, in particolare nella canzone Undertow, pubblicato nel dicembre 2009. Nel novembre dello stesso anno (2009) è stato rilasciato l'EP Christmas in download gratuito sul sito ufficiale del gruppo. L'EP contiene cinque tracce acustiche, tutte cover di pezzi natalizi registrati a Nashville (Tennessee).

Anni 2010[modifica | modifica sorgente]

Il successivo e terzo album in studio del gruppo, Scars & Stories viene prodotto da Brendan O'Brien (già con Pearl Jam, Bruce Springsteen e Rage Against the Machine). Il titolo del disco è stato annunciato nel settembre 2011, insieme alla presentazione del singolo Heartbeat. Nel frattempo il gruppo ha partecipato alla compilation-tributo a Buddy Holly Listen to Me: Buddy Holly rilasciata nel settembre 2011. Poco prima della pubblicazione di un altro singolo (Run for Your Life, marzo 2012), il disco Scars & Stories viene rilasciato nel febbraio 2012. L'album ha raggiunto la quarta posizione della Billboard 200.

Nell'ottobre 2013 viene pubblicato il singolo Love Don't Die, che anticipa l'uscita dell'album Helios prevista per il febbraio 2014.

Discografia[modifica | modifica sorgente]

Album in studio[modifica | modifica sorgente]

Album live[modifica | modifica sorgente]

  • 2006 - Live at the Electric Factory: Bootleg No. 1
  • 2007 - Acoustic in Nashville: Bootleg No. 2
  • 2009 - Live from the 9:30 Club: Bootleg No. 3

EP[modifica | modifica sorgente]

Singoli[modifica | modifica sorgente]

Curiosità[modifica | modifica sorgente]

  • Dopo che il gruppo viene citato nell'episodio 11 della sesta stagione di Scrubs - Medici ai primi ferri da J.D., inizia la canzone She Is, dopo qualche nota di How to Save a Life.
  • Sempre in Scrubs, nella ventesima puntata della quinta stagione, verso la fine dell'episodio si sente in sottofondo How to save a life.
  • Nell'episodio 1 della prima stagione di The Vampire Diaries è utilizzato il brano Never Say Never.
  • Nell'episodio 20 della terza stagione di The Vampire Diaries è utilizzato il brano Be Still.
  • Nell'episodio 2 della quarta stagione di The Vampire Diaries è utilizzato il brano Ungodly Hour.
  • How to save a life è stata utilizzata in alcuni episodi della famosissima Serie TV Grey's Anatomy: 2x21 "Se un soldino troverai..." e nell'episodio musicale 7x18 "Una canzone per Rinascere" che viene cantata dal tutto il cast mentre Callie viene operata.
  • Nell'episodio 100 di The Vampire Diaries è utilizzato il brano Love Don't Die

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

Rock Portale Rock: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Rock