Ta Nei

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Curly Brackets.svg
A questa voce o sezione va aggiunto il template sinottico {{Sito archeologico}}
Per favore, aggiungi e riempi opportunamente il template e poi rimuovi questo avviso.
Per le altre pagine a cui aggiungere questo template, vedi la relativa categoria.

Coordinate: 13°27′08″N 103°53′07″E / 13.452222°N 103.885278°E13.452222; 103.885278

Se riscontri problemi nella visualizzazione dei caratteri, clicca qui.
Ta Nei

Ta Nei (in khmer: ប្រាសាទតានៃ) è un tempio minore di Angkor, in Cambogia. Costruito a partire dal tardo XII secolo, durante il regno di Jayavarman VII, con aggiunte del successore Indravarman II, si trova a nord del tempio Ta Keo,[1] a circa 200 m dall'angolo nord-occidentale del Baray orientale. Il tempio era dedicato a Buddha, che come Lokesvara è raffigurato sul basamento del gopura centrale orientale.[2]

Le dimensioni originali dovevano essere di 35 m per 26, ma poi fu esteso fino a misurare 55 m per 47.[1] Il recinto più interno in laterite, a galleria con torri angolari cruciformi in arenaria, racchiude il santuario centrale (anche'esso in arenaria). La torre centrale, dalla pianta a croce, presenta un portico verso le quattro direzioni cardinali sopra un basamento a due strati. I suoi muri sono ornati dalle caratteristiche devatas racchiuse in nicchie e da finestre balaustrate. A sud-est giacciono le rovine di una biblioteca in arenaria e mattoni. L'entrata principale è costituita dal triplice gopura orientale, che è parte del recinto mediano, che nelle altre tre direzioni presenta tre gopura singoli minori, aggiunti da Indravarman II.[2] Il recinto più esterno in laterite, probabilmente a delimitare l'area in cui sorgevano le costruzioni di servizio e abitative, probabilmente non fu mai terminato, come per il Ta Prohm. Ne restano solo, isolati, i gopura orientale ed occidentale (quello dal quale si raggiunge il tempio al giorno d'oggi), collegati al recinto mediano da una strada sopraelevata lunga una cinquantina di metri. A sud e a nord vi sono i resti di due bacini idrici paralleli lunghi 123 metri.

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ a b Freeman e Jacques, 2006, op. cit., pp.131-132
  2. ^ a b Rooney, 2005, op. cit., p.311

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

  • (EN) (EN) Michael Freeman, Jacques, Claude, Ancient Angkor, River Books, 2006, ISBN 9748225275.
  • (EN)

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Dawn F. Rooney, Angkor: Cambodia's wondrous khmer temples, 5a, Odissey, 2005, ISBN 978-962-217-727-7.