Srah Srang

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Curly Brackets.svg
A questa voce o sezione va aggiunto il template sinottico {{Sito archeologico}}
Per favore, aggiungi e riempi opportunamente il template e poi rimuovi questo avviso.
Per le altre pagine a cui aggiungere questo template, vedi la relativa categoria.
Se riscontri problemi nella visualizzazione dei caratteri, clicca qui.
Lo Srah Srang dalla piattaforma occidentale.

Srah Srang (in lingua khmer:ស្រះស្រង់), che significa Vasca delle Abluzioni, è uno srah presso Angkor, in Cambogia. Si trova a sud dell'Baray orientale e ad est di Banteay Kdei.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Nella sua forma iniziale fu costruito a metà del X secolo. L'iniziativa viene attribuita a Kavindrarimathana, ministro buddista di Rajendravarman II[1]. Fu poi modificato attorno all'anno 1200 da Jayavarman VII, che vi aggiunse anche l'approdo in laterite sul lato occidentale, probabilmente per ovviare al funzionamento insufficiente del baray orientale, che si stava prosciugando a causa della sedimentazione[2]. Nei suoi pressi gli scavi di spedizioni francesi hanno rinvenuto una necropoli[3].

Descrizione del sito[modifica | modifica wikitesto]

Attualmente Srah Srang misura 700 m per 350 m ed è ancora in parte allagato. Come in altri baray, forse al centro vi era un tempio su un'isola artificiale (sopravvive solo parte del basamento). L'approdo sul suo lato occidentale, di fronte all'entrata a Banteay Kdei, è un rinomato punto di osservazione dell'alba. È a forma di croce, con balaustrate costituite da naga che terminano in una testa di serpente sollevata montata da un garuda con le ali spiegate. La scalinata che conduceva all'acqua è affiancata da due leoni guardiani.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Freeman, Jacques, p.151
  2. ^ Dumarçay et.al., p.100
  3. ^ Courbin, Paul. Les fouilles du Sras Srang in Dumarçay, Jacques. Documents graphiques de la Conservation d'Angkor, 1963-1972. EFEO. 1988

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • (EN) Michael Freeman, Claude Jacques, Ancient Angkor, River Books, 2006, ISBN 974-8225-27-5.
  • (EN) Jacques Dumarçay, et al., Cambodian Architecture, Eight to Thirteenth Century, Brill, 2001, ISBN 90-04-11346-0.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]


Coordinate: 13°25′51.6″N 103°54′24.15″E / 13.431°N 103.906708°E13.431; 103.906708