Phnom Chisor

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Phnom Chisor
La scalinata di accesso al tempio
La scalinata di accesso al tempio
Localizzazione
Stato Cambogia Cambogia
Se riscontri problemi nella visualizzazione dei caratteri, clicca qui.

Phnom Chisor (in khmer:ប្រាសាទភ្នំជីសូរ) è un antico tempio khmer situato nel distretto di Samraŏng, provincia di Takéo, circa 42 km a sud di Phnom Penh, in Cambogia.

Sorge sul margine orientale di una collina (phnom) e fu costruito nell'XI secolo dal re Suryavarman I, con aggiunte e modifiche posteriori. Il nome originale era Suryaparvata ("montagna di Surya", divinità solare indu) ed era dedicato a Shiva e Vishnu.

Dal Tonle Om, il baray del tempio, una strada di circa 1 km orientata sull'asse est-ovest conduce attraverso due porte cruciformi a una scalinata in laterite che porta al complesso principale. Lungo la strada vi sono Son Reveang, attualmente adibito a tempio buddista e, Sen Thmol, ai piedi della collina.

L'accesso al complesso, di pianta quadrata di meno di 60 m di lato, avviene attraverso il gopura orientale, che si apre nella recinzione in laterite, la quale presenta verso l'interno gallerie e sale. Il complesso è costituito da un santuario centrale in mattoni e laterite, con pilastri, frontoni e architravi scolpiti in arenaria, cinque santuari minori e due "biblioteche" in mattoni.

Gli architravi delle porte riportano perlopiù scolpito un kālá centrale a protezione del santuario. I bassorilievi riportano scene tipiche della mitologia induista: Shiva e Uma che cavalcano il toro sacro Nandi, la nascita di Brahma dall'ombelico di Vishnu disteso su un serpente sull'oceano primordiale, Shiva impegnato nella Tāndava, Indra che cavalca l'elefante a tre teste.

Il complesso è sopravvissuto a un bombardamento americano nel 1973.[1] Circa 5 km a ovest di Phnom Chisor si trova il Prasat Neang Khmau ("tempio della vergine nera").

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Andy Brouwer, Phnom Chisor Beckons. URL consultato il 24-7-2011.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]