Sistema di numerazione indiano

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Se riscontri problemi nella visualizzazione dei caratteri, clicca qui.

Il sistema di numerazione indiano, usato in India, Pakistan, Bangladesh, Sri Lanka e Myanmar (Birmania), si basa sul raggruppamento a due cifre decimali, anziché a tre come accade in Occidente (in Cina e Giappone, ad esempio, il raggruppamento è a 4 cifre).

Tabella di conversione per la numerazione indiana:

Numeraz. indiana Trascr. indiana Trascr. italiana Numeraz. occidentale
1 Lakh (लाख) 1,00,000.00 100 000,00 100 migliaia
10 Lakhs 10,00,000.00 1 000 000,00 1 milione
1 Crore (करोड़) 1,00,00,000.00 10 000 000,00 10 milioni
10 Crores 10,00,00,000.00 100 000 000,00 100 milioni
100 Crores 100,00,00,000.00 1 000 000 000,00 1 miliardo

India[modifica | modifica wikitesto]

In India, oltre al lakh e al crore, è usato anche l'arab, che equivale a 100 crores (cioè un miliardo). A Mumbai (Bombay), nel gergo della malavita khokha indica un crore e peti un lakh.

Bangladesh[modifica | modifica wikitesto]

In bengali, il crore è chiamato koti o kuti.

Swahili[modifica | modifica wikitesto]

A motivo dell'influenza dell'hindi sulle popolazioni dell'Africa Orientale, il termine lakh è entrato nell'uso comune in swahili come lakhi.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]