Sistema di numerazione arabo

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Numeri sans-serif

I numeri arabi, prima conosciuti come numeri indo-arabici, o anche come numeri indiani, numeri indù, numeri arabi occidentali, numeri europei, o numeri occidentali, sono la rappresentazione simbolica delle entità numeriche più comune al mondo. Sono considerati una pietra miliare nello sviluppo della matematica.

Si può distinguere tra il sistema posizionale utilizzato, conosciuto anche come sistema numerico indo-arabo, ed il preciso glifo utilizzato. I glifi più comunemente usati in associazione all'alfabeto latino sin dai tempi dell'era moderna sono 0 1 2 3 4 5 6 7 8 9.

I numeri nacquero in India tra il 400 a.C. ed il 400 d.C.[1][2] Furono trasmessi prima nell'Asia occidentale, dove trovano menzione nel IX secolo, ed in seguito in Europa nel X secolo.[1] Poiché la conoscenza di tali numeri raggiunse l'Europa attraverso il lavoro di matematici ed astronomi arabi, i numeri vennero chiamati "numeri arabi".
In arabo, i numeri arabi orientali sono chiamati "numeri indiani", أرقام هندية (arqām hindiyya), e viene utilizzato lo stesso sistema, con glifi di forma un po' diversa (٠١٢٣٤٥٦٧٨٩). Da notare che, al contrario della scrittura, che procede da destra a sinistra, in senso inverso rispetto al senso dell'alfabeto latino, le cifre si scrivono invece allo stesso modo, con la posizione a destra per le unità di ordine minore e a sinistra quelle di ordine superiore.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Origini[modifica | modifica wikitesto]

I simboli da 1 a 9 nel sistema numerico indo-arabico si evolsero dai numeri (brahmi). Le iscrizioni buddiste intorno al 300 a.C. utilizzano i simboli che poi divennero 1, 4 e 6. Un secolo più tardi, fu registrato l'utilizzo dei simboli che poi divennero 2, 7 e 9.

L'iscrizione universalmente accettata come la prima contenente il glifo 0 è stata registrata per la prima volta nel IX secolo, a Gwalior risalente all'870. In ogni caso, prima di questa data, l'uso del glifo aveva già raggiunto la Persia, ed è menzionato nelle descrizioni di al-Khwarizmi sui numeri indiani. Documenti indiani su piatti di rame, con lo stesso simbolo per zero in essi, risalgono indietro fino al VI secolo d.C., in grande quantità.[3]

Numeri brahmi indiani del I secolo d.C.
Tastiera telefonica araba moderna con numeri indo arabici e i corrispondenti numeri in lingua araba

Del sistema numerico venne a conoscenza contemporaneamente il matematico persiano Al-Khwarizmi (cui si deve il libro Sul calcolo con i numeri indù, scritto intorno all'825) ed il matematico arabo Al-Kindi, che scrisse quattro volumi, "Sull'utilizzo dei numeri indiani" (Kitāb fī istiʿmāl al-ʿadad al-hindī) intorno all'830. Questi scritti sono i principali responsabili della diffusione del sistema indiano di numerazione nel Medio Oriente e nei Paesi Occidentali.[2]

Nel X secolo, matematici Mediorientali estesero il sistema numerico decimale ad includere frazioni, così come registrato dal trattato del matematico Abu l-Hasan al-Uqlidisi nel 952-953.

Nel mondo arabo - fino ai tempi moderni - il sistema numerico arabo era utilizzato solo dai matematici. Scienziati musulmani utilizzavano il sistema di numerazione babilonese, e i mercanti utilizzavano i numeri Abjad. Fu solo con il matematico italiano Fibonacci che il sistema numerico arabo fu utilizzato da larghi strati della popolazione.

Una variante distintiva "arabica occidentale" dei simboli incominciò ad emergere intorno al X secolo nel Maghreb e in Al-Andalus, chiamata i numeri ghubar ("tavola di sabbia" o "tavola di polvere").

Le prime menzioni dei numeri nei paesi occidentali sono trovate nel Codex Vigilanus del 976.[4] Nel decennio del 980, Gerberto di Aurillac (più tardi noto come Papa Silvestro II) iniziò a diffondere la conoscenza dei numeri in Europa. Gerberto aveva studiato nella sua giovinezza a Barcellona, ed è conosciuto per aver richiesto trattati matematici riguardanti l'utilizzo dell'astrolabio da Lupito di Barcellona dopo che ritornò in Francia.

Adozione in Europa[modifica | modifica wikitesto]

Un manoscritto in lingua tedesca che istruisce sull'utilizzo dei numeri arabi (Talhoffer Thott, 1459). In questo periodo i numeri erano ampiamente percepiti come esoterici, e Talhoffer li insegna assieme all'alfabeto ebreo e l'astrologia.
Incisione su legno che mostra l'orologio astronomico risalente al XVI secolo della cattedrale di Uppsala, con due quadranti, uno in numeri arabi e l'altro in numeri romani.
Rivoluzionario orologio francese del tardo XVIII secolo con quadrante "decimale"

Al-Khwārizmī, uno scienziato persiano della Transoxiana, scrisse nell'825 il trattato Sul calcolo con i numeri hindi, che fu tradotto in latino nel XII secolo, così come pure Algoritmi de numero Indorum, il cui titolo tradotto significherebbe "Algoritmi sui numeri degli indiani", dove "Algoritmi" era la versione tradotta del nome dell'autore; ma i lettori per sbaglio intesero Algoritmi come il plurale latino dell'ipotetico termine Algoritmo e questo portò a coniare il termine algoritmo (dal latino algorithmus) che venne ad acquisire il significato di "metodo di calcolo".

Leonardo Fibonacci, un matematico italiano che aveva studiato a Bijaya, in Algeria, promosse il sistema numerico arabo in Europa con il suo testo Liber Abaci, che fu scritto nel 1202, che ancora descriveva i numeri come "indiani" anziché "arabi":

« Quando mio padre, che era stato nominato dal suo paese pubblico notaio nelle dogane di Bugia facendo gli interessi dei mercanti pisani che andavano là, ivi vi lavorava, mi mandò a chiamare mentre ero ancora un fanciullo, e tenendo d'occhio l'utilità e la futura convenienza, espresse il desiderio di farmi restare e ricevere un'istruzione alla scuola di ragioneria. Là, dove fui introdotto all'arte dei nove simboli indiani attraverso un insegnamento ragguardevole, la conoscenza dell'arte ben presto mi piacque sopra ogni altra cosa ed io ebbi modo di comprenderla... »

I numeri sono disposti con il loro più basso valore a destra, con le posizioni di valore più alte a sinistra. Questa disposizione fu adottata allo stesso modo anche dai numeri utilizzati in Europa. L'alfabeto latino scorrendo da sinistra verso destra, a differenza dell'alfabeto arabo, portò ad una disposizione invertita dei relativi piazzamenti di valore relativa alla direzione di lettura.

L'accettazione europea dei numeri fu accelerata dall'invenzione della stampa a caratteri mobili, e divennero comuni durante il XV secolo. Fra le prime attestazioni in Inghilterra si annoverano: un'iscrizione risalente al 1445 sulla torre della Chiesa di Heathfield, Sussex, un'iscrizione del 1448 su di un cancello in legno della Chiesa di Bray Church, Berkshire, un'iscrizione del 1470 su di una tomba del primo Conte di Huntly nella Cattedrale di Elgin e un'iscrizione del 1487 sulla porta campanaria della Chiesa di Piddletrenthide, nel Dorset. Nella metà del XVI secolo, erano comunemente usati nella maggior parte dell'Europa.[5]

I numeri romani rimasero in uso principalmente per la notazione degli anni dopo Cristo, e per i numeri dei quadranti di orologio. Alle volte, i numeri romani sono utilizzati per la numerazione di liste (come alternativa ad una numerazione alfabetica), in Italia per indicare la posizione ordinale (specialmente i secoli e i pontefici) e nella numerazione delle pagine delle prefazione dei libri. Il numero XV è altresì usato per indicare le nazionali di rugby (15 come i giocatori schierati in campo).

Evoluzione dei simboli[modifica | modifica wikitesto]

Il sistema numerico arabo è una notazione decimale posizionale. Vari gruppi di simboli sono utilizzati per rappresentare i numeri del sistema numerico arabo e tutti sono evoluti dai numeri brahmi. I simboli utilizzati per rappresentare il sistema si sono divisi in varie varianti tipografiche sin dal Medio Evo:

  • i "numeri arabi" ampiamente utilizzati nell'alfabeto latino, nella tavola che segue denominati "europei", discendono dai "Numeri arabi occidentali" che si sono sviluppati in al-Andalus e nel Maghreb (Vi sono due stili tipografici per rendere i numeri europei, conosciuti come figure allineate e testuali);
  • i "numeri indo-arabi" o "numeri arabi orientali", usati nell'alfabeto arabo, si svilupparono in origine nell'attuale Iraq. Una loro variante è presente nell'alfabeto persiano ed urdu.
  • I "numeri Devanagari", usati nel Devanagari, denominati anche come numeri indiani.
Tavola di comparazione tra i diversi tipi di numeri arabi

Qui di seguito viene invece mostrata l'evoluzione della scrittura dei numeri arabi in Europa su una tabella redatta dallo studioso francese J. E. Montucla nella sua opera Histoire de la Mathématique (Storia della matematica), pubblicata nel 1758:

EuropeanFormOfArabianDigits.png

Apices du moyen-âge.PNG

I numeri arabi sono codificati in ASCII (e in Unicode) nelle posizioni comprese tra 48 e 57:

Binary Dec Hex Glyph
0011 0000 48 30 0
0011 0001 49 31 1
0011 0010 50 32 2
0011 0011 51 33 3
0011 0100 52 34 4
0011 0101 53 35 5
0011 0110 54 36 6
0011 0111 55 37 7
0011 1000 56 38 8
0011 1001 57 39 9

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b Ifrah, Georges. 1999. The Universal History of Numbers: From Prehistory to the Invention of the Computer, Wiley. ISBN 0-471-37568-3.
  2. ^ a b O'Connor, J.J. and Robertson, E.F. 2000. 'Indian Numerals', MacTutor History of Mathematics Archive, School of Mathematics and Statistics, University of St. Andrews, Scotland.
  3. ^ Kaplan, Robert. (2000). The Nothing That Is: A Natural History of Zero. Oxford: Oxford University Press.
  4. ^ Mathorigins.com
  5. ^ The Math Forum

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Matematica Portale Matematica: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Matematica