Sigurd I di Norvegia

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Curly Brackets.svg
A questa voce o sezione va aggiunto il template sinottico {{Monarca}}
Per favore, aggiungi e riempi opportunamente il template e poi rimuovi questo avviso.
Per le altre pagine a cui aggiungere questo template, vedi la relativa categoria.
Sigurd entra a Costantinopoli

Sigurd I di Norvegia (109026 marzo 1130) fu re di Norvegia dal 1103 al 1130.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Era conosciuto anche con il nome di Sigurd il Crociato (norreno: Sigurðr Jórsalafari) (norvegese Sigurd Jorsalfarer).

Fu uno dei tre figli di Magnus III di Norvegia e nacque dalla relazione tra il re e la concubina Thora. Suoi fratelli erano Øystein e Olav. Magnus III ebbe tutti figli illegittimi da amanti diverse ma ebbero tutti eguale diritto al trono; per evitare faide o guerre i tre fratelli co-governarono il regno dal 1103.

Inizialmente condivise il trono con i fratelli Øystein e Olav, ma governò da solo dal 1123, quando Øystein morì. Prima di essere proclamato re di Norvegia, venne anche designato Re di Mann e nelle isole Orcadi e conte di Orkney. Molti storici hanno considerato il regno di Sigurd come un periodo d'oro dell'età medievale della Norvegia. Il paese prosperò sia in termini di ricchezza sia in termini di espansione, ottenendo il riconoscimento internazionale e prestigio grazie alla partecipazione di Sigurd alle crociate.

La maggior parte delle informazioni raccolte su Sigurd provengono dal Heimskringla, scritto da Snorri Sturluson intorno a 1225, la cui accuratezza è ancora dibattuto dagli studiosi.

La spedizione con Magnus III[modifica | modifica wikitesto]

Nel 1098 Sigurd accompagnò suo padre, re Magnus III, nella sua spedizione alle Isole Orcadi, Ebridi e nel Mare d'Irlanda. Fu nominato Conte di Orkney nello stesso anno, dopo la rimozione rapida dei Conti in carica delle Orcadi, Paul e Erlend Thorfinnsson. Era anche, a quanto pare, re di Mann e delle isole in quello stesso anno, in seguito al rovesciamento del loro re ad opera di Magnus.

Anche se Magnus non era direttamente responsabile della morte del precedente re dell'Isola di Man e delle altre Isole, fu il sovrano del regno vicino, molto probabilmente a causa della sua conquista delle isole. Questa fu la prima volta che il regno stette sotto il controllo diretto di un re norvegese.

Non è certo se Sigurd tornò a casa con suo padre in Norvegia dopo la spedizione del 1098, tuttavia, è noto che egli era a Orkney quando Magnus tornò verso ovest nel 1102 per la sua prossima spedizione. Mentre era lì, un'alleanza matrimoniale venne è negoziata tra Magnus e Muircheartach Ua Briain, che fu re supremo d'Irlanda.

L'intento di Sigurd era quello di sposare la figlia di Muirchertach Blathmin O'Brien, una giovane principessa irlandese. Tuttavia, quando Magnus cadde in un'imboscata e venne ucciso a Ulaid per mano irlandese nel 1103, Sigurd tornò in Norvegia insieme al resto dell'esercito norvegese, lasciando la sua sposa-bambina, e divenne re insieme ai fratelli Øystein e Olav.

Appena arrivato a casa in Norvegia, lui e i suoi due fratelli vennero proclamati re di Norvegia con l'accordo di co-governare il regno insieme per qualche tempo. Le spedizioni condotte da Magnus furono in qualche modo vantaggiose per il Regno di Norvegia, in quanto avrebbero fornito la ricchezza, le difese e la manodopera. Sigurd avrebbe governato sulle isole fino alla morte.

Re Sigurd e la crociata norvegese[modifica | modifica wikitesto]

Re Sigurd e re Baldovino attraversano il fiume Giordano

Nel 1107 Sigurd condusse una crociata norvegese in sostegno alla nuova crociata del Regno di Gerusalemme, che era stato fondato dopo la Prima Crociata. In un primo momento fu oggetto di contestazione tra i due re, Øystein e Sigurd, su chi avrebbe dovuto guidare il contingente e chi invece sarebbe dovuto restare a casa a governare il regno.

Sigurd fu infine scelto, forse perché era un viaggiatore più esperto.

Sulla strada per Gerusalemme (norreno: "Jorsalaland") visitò re Ruggero II di Sicilia nel suo castello di Palermo. Giunto in Terra Santa è stato accolto da Baldovino I, re di Gerusalemme. Ricevette un caloroso benvenuto e trascorse molto tempo con il re lì; i due re, anche cavalcando fino alla fiume Giordano, dove Sigurd voleva essere battezzato.

Dopo il loro viaggio verso il fiume, re Baldovino chiese a Sigurds aiuto per conquistare la città costiera di Sidone, che era stata ri-fortificata dai Fatimidi nel 1098. L'assedio rappresentò un grande successo per le forze dei crociati, e la città venne presa il 5 dicembre 1110.

Con ordinanza di Baldwin e del Patriarca di Gerusalemme, Ghibbelin di Arles, una scheggia venne presa dalla Santa Croce e data a Sigurd dopo l'assedio, in segno di amicizia e come una reliquia per la sua partecipazione eroica nelle crociate.

In seguito, il re Sigurd ritornò alla sua nave e lasciò la Terra Santa. Navigò verso nord fino all'isola di Cipro dove sarebbe rimasto per qualche tempo. Si recò anche a Costantinopoli (norreno: "Miklagard") e entrò a cavallo in città attraverso la porta detta Torre d'Oro.

Ritorno in Norvegia[modifica | modifica wikitesto]

Prima di lasciare Costantinopoli, Sigurd diede a tutti le sue navi e i tesori all'imperatore bizantino. In cambio l'imperatore gli diede molti cavalli forti.

Sigurd programmava di far ritorno in Norvegia via terra. Alcuni dei suoi uomini progettarono di ritornare con lui, molti invece volevano rimanere nella grande città per prendere servizio presso l'imperatore.

Il viaggio di ritorno, presumibilmente, richiese tre anni. Il re e il suo seguito toccarono la Bulgaria (Bolgaraland) e attraverso l'Ungheria (Ungararíki), la Pannonia, Schwabia e Baviera, dove incontrò Lotario III del Sacro Romano Impero.

Più tardi arrivò in Danimarca, dove venne accolto dal re Niels che gli diede una nave per raggiungere la Norvegia.

Dopo il ritorno in Norvegia nel 1111, Sigfrido tornò in un regno fiorente e prospero. Re Øystein si era impegnato molto per creare un paese forte e stabile, e la chiesa, in particolare, aveva guadagnato in questo.

Sigfrido fece la sua capitale Kungälv (nell'attuale Svezia) e si fece costruire un castello fortificato in cui vivere.

Nel 1123 Sigurd tornò ancora una volta a combattere in nome della chiesa, questa volta per Småland, in Svezia, dove gli abitanti avevano rinunciato alla loro fede cristiana ed erano tornati ad adorare i loro dèi pagani.

Durante il regno di Sigurd, venne introdotta in Norvegia la decima (una tassa del 10% a beneficio della chiesa), che rafforzò notevolmente la chiesa del paese. Sigurd fondò anche la diocesi di Stavanger, perché gli era stato negato il divorzio dal vescovo di Bergen.

La morte di Sigurd[modifica | modifica wikitesto]

Sigurd morì nel 1130 e fu sepolto nella Hallvardskirken (in italiano: "chiesa di Hallvards") a Oslo.

Sigurd e la sua regina Malmfred, figlia del Gran Principe Mstislav I di Kiev e nipote del re Ingold I di Svezia, ebbero una figlia, Kristin Sigurddatter, ma non ebbe figli maschi legittimi. Questo portò ad una lotta di potere tra vari figli illegittimi e altri pretendenti reali che si trasformò in una guerra civile lunga e devastante.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • (EN) Byron J. Nordstrom Dictionary of Scandinavian History, Londres 1986 ISBN 0-313-22887-6 p.536-537.
  • Heimskringla di Snorri Sturluson
  • (EN) Sagas of the Norse Kings Publié par Read Books, 2008 ISBN 1-4437-3824-7. Livre XIII « The sons of Magnus » p. 276-319.
  • Jean-Charles Volkmann Généalogie des rois et des princes Edit. Jean-Paul Gisserot (1998)

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Predecessore Re di Norvegia Successore
Magnus III 1103-1130
con Olav & Øystein I
Magnus IV
Harald IV

Controllo di autorità VIAF: 5855098 LCCN: n85228570