Santino Spinelli

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
« Chi è costretto a vivere nel disagio e nella frustrazione, privato dei diritti minimi e indispensabili, è ovvio che aspiri a qualcosa di meglio. Eppure si deve sentir dire che non c'è modo di cambiare le cose, perché in fondo sono gli stessi zingari a voler vivere così, senza costrizioni. Ma è un'atroce falsità. I rom non sono apolidi senza casa e perennemente squattrinati. Ma sono obbligati ad esserlo »
(Santino Spinelli[1])

Santino Spinelli (Pietrasanta, 21 luglio 1964) è un musicista, compositore e insegnante italiano.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Santino, in arte Alexian, è l'ultimo di sei figli, di cui cinque sorelle. Nasce a Pietrasanta, in provincia di Lucca, il 21 luglio1964, figlio di Gennaro e Giulia Spinelli, ma è a Lanciano, in provincia di Chieti, che compirà i suoi primi studi. Frequenta l'Istituto di Stato per il Commercio "P. De Giorgio", dove si diploma col massimo dei voti 60/60. Ha conseguito due lauree presso l'Università degli Studi di Bologna, la prima in Lingue e Letterature Straniere con una tesi su George Borrow (1998) e la seconda, nel 2006, in Musicologia.

È sposato con Daniela De Rentiis, dalla quale ha avuto tre figli: Gennaro, Giulia ed Evedise tutti musicisti professionali con cui tiene numerosi concerti in Italia e all'estero.

È fondatore e presidente dell'associazione culturale Thèm Romanò (mondo romanò). Nel 2001 viene eletto, quale unico rappresentante per l'Italia, al parlamento della International Romani Union (IRU), organizzazione non governativa con sede a Praga, attiva nel campo dei diritti dei popoli rom, alla quale è stato garantito lo status consultivo presso alcuni organi delle Nazioni Unite. 2002 Spinelli è stato docente di Lingua e Cultura Romanì presso l'Università degli Studi di Trieste,presso il Politecnico di Torino. Docente di Lingua e Cultura Romanì-Lingue e processi interculturali- presso l'Università degli studi di Chieti dal 2008. Ha tenuto un corso seminariale all'Università di Teramo nell'anno accademico 2013/1014. Nel 2003 viene nominato vicepresidente del parlamento dell'IRU e ambasciatore dell'arte e della cultura romani nel mondo per l'IRU e nel 2007 vicepresidente dell'IRU. È presidente nazionale della federazione FederArteRom.

Nel 2010 ha pubblicato per la Ut Orpheus editore di Bologna i volumi "Carovana Romanì" per Fisarmonica, Ensamble e Orchestra. Le raccolte contengono partiture composte da Alexian Santino Spinelli che sono state eseguite al Palazzo de Consiglio d'Europa a Strasburgo (07/10/2010) ed al Consiglio d'Europa a Bruxelles (17/01/2013) dall'Orchestra Europea per la Pace con cui tiene numerosi concerti in tutta Europa.  Alexian Santino Spinelli è compositore ed esecutore delle sue musiche.

Il 2 giugno 2012 ha cantato il Murdevele (Padre Nostro -in lingua romanì) per Papa Benedetto XVI a Bresso (Milano) in occasione della Giornata Mondiale della Famiglia davanti a 800 mila persone e in mondovisione. Il 10 maggio 2014 ha eseguito 3 sue composizioni per Papa Francesco sul sagrato di San Pietro davanti a 300 mila persone e in diretta su Rai 1.

La sua poesia "Auschwitz" orna a Berlino, nei pressi del parlamento, il monumento dedicato alla memoria dello sterminio di Sinti e Rom durante il nazismo, inaugurato il 24 ottobre 2012 alla presenza del capo di Stato tedesco e di Angela Merkel.

Premi[modifica | modifica wikitesto]

  • XXI Premio Flaiano (1994) per l'opera "Duj Furatte Mulo - Due volte Morto"
  • Premio"Mecenate della Cultura" per la sua fervida attività culturale conferitogli nell'edizione del Premio Histonium 1996
  • Premio della Critica quale miglior gruppo al Festival Khamoro 2001 (Praga - Rep. Ceca).
  • il 9 febbraio 2002 è stato insignito dall'Associazione onlus Microcosmo di Rho (Milano) del "Microcosmo d'Oro"
  • Premio “Ethnoworld Award 2003” presso l’ Università Bocconi di Milano nell’ambito del Festival EtnoBocconi (17/11/03)
  • il “Premio Pigro 2003” -omaggio ad Ivan Graziani, riconoscimento conferitogli “Alla carriera” (21/11/03).
  • Premio Exposcuola 2006 per la Cultura
  • "Histonium d'Oro", Premio Histonium 2007
  • Premio Maratea 2012
  • Premio Nazionale Pratola 2012
  • Premio DOSTA 2013, conferito dall'UNAR -Ministero per le Pari Opportunità.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Letteratura[modifica | modifica wikitesto]

  • Prin©karang - Conosciamoci, incontro con la tradizione dei Rom Abruzzesi (Editrice Italica, Pescara 1994);
  • Baxtaló Divès (Collezione Interface, Centro di Ricerche zingare dell'Università di Parigi, Consiglio d'Europa, 2002);
  • Baro Romano Drom - la Lunga strada dei Rom, Sinti, Kalé, Manouches e Romanichals (Meltemi editore, Roma 2003).
  • Carovana Romanì (Partiture per Fisarmonica sola) (Ut orpheus, Bologna, 2010)
  • Carovana Romanì (Partiture per Ensamble) (Ut orpheus, Bologna, 2010)
  • Carovana Romanì (Partiture per Orchestra) (Ut orpheus, Bologna, 2010)
  • " Rom, Genti Libere" con prefazione di Moni Ovadia (Dalai Editore, Milano, 2012).

Poesie[modifica | modifica wikitesto]

  • Gilì Romanì (Canto Rom), Lacio Drom (Roma 1988);
  • Romanipé (Identità romanì), Solfanelli (Chieti 1993);
  • ' O Romano Gi! (l'Anima Rom), Edizioni Romanì, Roma 2011;

Discografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Iperfisa (City Record, Milano 1986);
  • Jilò Romanò/Speranza (City Record, Milano 1988);
  • Soft Jazz Fisa (City Record, Milano 1990);
  • Gilì Romanì (City Record, Milano 1991);
  • Gijem Gijem (Al Sur Mediaset, Francia 1996) (in allegato un libretto in italiano, inglese, francese, romaní su storia, musica e tradizioni del popolo Rom);
  • L'orizzonte e la memoria (Santarcangelo dei Teatri, 1999);
  • Putraddipé (Regione Abruzzo, Pescara 2000);
  • Tsigane (SonoDisc, 2000);
  • Dromos (Associazione Dromos, 2001);
  • Romano Drom - Carovana romaní (Ethnoworld, Milano 2002);
  • Mille Papaveri Rossi (Editrice A, 2003);
  • Khamoro (Studio Production SAGA);
  • Parovibbé/Metamorfosi (Ethnoworld, 2004);
  • So me sinom / Ciò che sono (Ethnoworld, 2004);
  • Tribù Italiche: Abruzzo (Edizioni EDT, World Music);
  • Sulla Memoria (Audiocoop);
  • Uno specchio per Alice (Colonna sonora, 2006)
  • Andrè mirò Romano Gi, viaggio nella mia anima Rom (Ass. Thèm Romanó e Provincia dell'Aquila);
  • Romano Thèm - Orizzonti Rom (CNI - Compagnia Nuove Indie, 2007)
  • Me pase ko Murdevele -Io ac-Canto a Dio" (CNI - Compagnia Nuove Indie, 2008)
  • CD Porrajmos, parole in musica di F. Parente, M. Parisini, L. Ricciardi ([2010)

Filmografia[modifica | modifica wikitesto]

  • La guerra degli Antò di Riccardo Milani (Cecchi Gori Film, 1999)
  • Storie Romane / Giravolte di Carola Spadoni (Boccoa Film, 2000)
  • Fiori di Campo, di Carlo Rota (2002),
  • Baro Romanò Drom, di Gioia Meloni (Rai 2003),
  • Uno specchio per Alice di Gianni Di Claudio (2006)
  • Il Giudizio Universale di Luca Kerstic (2006)
  • Il Diavolo inventò la vanga di Gianni Di Claudio (2007)
  • Porrajmos, parole in musica di F. Parente, M. Parisini, L. Ricciardi (2010)

Teatro[modifica | modifica wikitesto]

  • Duj Furàt Mulò (Due volte morto), dramma teatrale (Drammateatro, Popoli 1995);
  • Diversamente…Orgia di Pier Paolo Pasolini, a cura di Sivio Sarta (2005).

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Elemosina, cerimonie, riti quotidiani. E per sopravvivere negano di essere zingari - di Antonio Castaldo, Corriere Della Sera

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: 5128193 · LCCN: n2004143439 · BNF: cb13999199b (data)