Sacramentario

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

ll Sacramentario è un libro liturgico; è il libro del celebrante, vescovo o presbitero, e contiene le formule eucologiche per l'eucaristia ed i sacramenti.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Sacramentario gelasiano[modifica | modifica wikitesto]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Sacramentario gelasiano.

Il più antico libro liturgico della Chiesa romana giunto fino a noi è il cosiddetto Sacramentarium gelasianum vetus. Ci è pervenuto nel codice vaticano reginense latino 316, un manoscritto del VII-VIII secolo e fu pubblicato nel 1680 dal cardinal Tomasi.

Sacramentario gregoriano[modifica | modifica wikitesto]

Altro sacramentario celebre è il "gregoriano",[1] che è pervenuto attraverso molti manoscritti. È opinione condivisa da molti che deriverebbero tutti da una medesima fonte, attribuita a papa Gregorio Magno (590-604), ma redatta sotto Onorio I (625-638). In genere la struttura gregoriana differisce da quella gelasiana per tre aspetti:

  • il gregoriano non è diviso in libri,[2]
  • ha solo un'orazione prima dell'orazione sulle offerte;
  • indica la "stazione", ossia il luogo dove il papa celebrava in un determinato giorno.

Il Gregoriano è in genere un libro più semplice e meno ricco del Gelasiano[3]

I due tipi principali del gregoriano sono:

  • l'"Adriano"
  • il "Paduense" (scritto intorno al 680-685, quindi 80 anni dopo papa Gregorio)

Il primo è così chiamato perché deriva da una copia dell'autentico gregoriano che papa Adriano I (772-795) mandò a Carlo Magno che gliene aveva fatto richiesta, e da questi conservato ad Aquisgrana. Infatti, verso la fine del secolo VIII, Carlo Magno volle unificare il suo impero e pensò di adottare il rito romano quale unica liturgia comune a tutti i territori conquistati. Chiese quindi a papa Adriano un Sacramentario che rispecchiasse la liturgia della sede di Pietro. Si vide recapitare un Sacramentario Gregoriano così come esisteva al tempo di papa Adriano. Questo Sacramentario, già ritoccato rispetto agli antichi Gregoriani, fu ulteriormente adattato alle esigenze del costume dei Franchi. Tale adattamento fu operato dal liturgista palatino Alcuino il quale aggiunse una serie di adattamenti come appendice al Sacramentario inviato da Roma.

Fu tanta la fortuna incontrata dal Supplemento di Alcuino che, a partire dal IX secolo, molte formule dell'Appendice passarono nel testo vero e proprio fino a dar vita ad un nuovo Sacramentario, fusione completa del testo primitivo e dell'Appendice (secolo X). L'altro tipo di Gregoriano è quello di Padova[4], redatto a Liegi verso la metà del IX secolo e poi portato a Verona, con aggiunte nei secoli X e XI.

Sacramentari gelasiani dell'VIII secolo[modifica | modifica wikitesto]

Una terza serie di sacramentari è costituita da quelli che una volta si chiamavano Missalia regis Pipini. Ebbero origine dal fatto che il Gelasiano, come altri Sacramentari, fu ben presto portato oltralpe e trascritto abbondantemente con aggiunte varie a seconda delle Chiese che lo adottavano. Da queste fusioni sono derivati i cosiddetti sacramentari Gelasiani dell'VIII secolo:

Questa serie di sacramentari ci è pervenuta in molte varianti. L'uso dei Sacramentari comincia a decadere con il X secolo, quando sorgono i primi Messali plenari, benché si continuano a scrivere Sacramentari anche nei secoli XIII e XIV.

Sacramentario di San Gereone[modifica | modifica wikitesto]

Fu realizzato per la Chiesa di San Gereone, a Colonia tra il 996 e il 1002 ed è ora conservato a Parigi nella Bibliothèque nationale de France. Le parti relative alle festività più importanti dell'anno liturgico sono illuminate.

Il libro è opera di due diversi artisti, uno dei quali ha realizzato l'Annunciazione, la Natività, la Maiestas Domini e la Pentecoste. Prezioso il simbolismo delle raffigurazioni: l'Annunciazione è inserita in una cornice con quattro sfere agli angoli e la Vergine Maria si trova all'interno di uno spazio di colore verde, la cui forma è simile alla valva delle ostriche. Tale simbolismo veniva usato per sottolineare la verginità della madre di Dio, in quanto la perla era ritenuta, secondo i naturalisti antichi, prodotta dalla conchiglia senza bisogno della fecondazione maschile.

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Sacramentario di San Gereone.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ il cui titolo completo è Liber Sacramentorum de circulo anni expositus, a santo Gregorio papa Romano editus.
  2. ^ Nel Gregoriano il santorale è misto con il temporale, anzi talvolta le domeniche prendono la denominazione da un santo celebrato precedentemente (ad esempio gli apostoli Pietro e Paolo, Lorenzo)
  3. ^ È infatti molto ridotto il numero dei prefazi, non ci sono più le benedizioni sul popolo, se non in Quaresima).
  4. ^ Identificato come bibl. capitolare D 47

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Alfio Massimo Martelli, Sacramentario Gelasiano, Cod.Vat.Reg.Lat.316: Primo testimone completo dell'esperimento della Liturgia Romana nella Gallia Precarolingia, Vita Trentina Editrice, Trento 2003
  • Crispino Valenzano, Nascita e sviluppo del libro liturgico, in Giuseppe Costa (cur.), Editoria, media e religione, Libreria Editrice Vaticana, Roma, 2009

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

cattolicesimo Portale Cattolicesimo: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di cattolicesimo