Rossano Giampaglia

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Rossano Giampaglia
Rossano Giampaglia Samp.jpg
Dati biografici
Nazionalità Italia Italia
Altezza 177 cm
Peso 76 kg
Calcio Football pictogram.svg
Dati agonistici
Ruolo centrocampista
Carriera
Giovanili
Livorno Livorno
Squadre di club1
1963-1965 Livorno Livorno 30 (5)
1965-1967 Sampdoria Sampdoria 11 (0)
1967-1968 Spezia Spezia 33 (3)
1968-1970 Del Duca Ascoli Del Duca Ascoli 62 (?)
1970-1974 Viareggio Viareggio 129 (1+)
Carriera da allenatore
1979-1980 Livorno Livorno Vice[1]
1980-1981 Viareggio Viareggio [2]
1982-1983 Forte dei Marmi Forte dei Marmi
1984-1986 Livorno Livorno Vice
1987-1988 Livorno Livorno
1988-1989 Livorno Livorno
1993-1996 Italia Italia U-21 Vice
1996-1997 Italia Italia U-21
1 Dati relativi al solo campionato.
Il simbolo → indica un trasferimento in prestito.
 

Rossano Giampaglia (Livorno, 1º gennaio 1945Genova, 2 dicembre 2005) è stato un allenatore di calcio e calciatore italiano.

Biografia[modifica | modifica sorgente]

Si è spento il 2 dicembre 2005 all'ospedale di Genova, afflitto ancora una volta dalla leucemia.

Per ricordarlo viene organizzato annualmente il Memorial Giampaglia.[3]

Carriera[modifica | modifica sorgente]

Esordisce in Serie A nella Sampdoria (11 presenze nella stagione 1965-1966, quella della prima retrocessione in Serie B dei "genovesi"), trascorrendo la maggior parte della propria carriera fra Serie B (col Livorno) e Serie C.

Rossano Giampaglia (a destra) con Gianni Rivera prima di un'amichevole Milan-Viareggio.

Ritiratosi, nel 1989 diventa tecnico federale; allenò più a riprese il Livorno: nella 1988-1989 fu chiamato a campionato in corso per sostituire Roberto Franzon, per poi venire a sua volta rimpiazzato da Antonio Renna prima della fine del torneo[4].

Colto da leucemia nel 1995, riesce a guarirne e nel 1997 diventa commissario tecnico dell'Under-21 italiana succedendo a Cesare Maldini. Lascia la panchina nell'autunno 1997 dopo gli Europei di categoria, alla cui fase finale l'Italia non riuscì a qualificarsi. Inizia poi a lavorare al fianco di Marcello Lippi, che segue anche quando questi diventa CT della Nazionale di calcio italiana.

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Almanacco illustrato del calcio 1980, edizioni Panini, pag. 310
  2. ^ Almanacco illustrato del calcio 1981, edizioni Panini, pag. 353
  3. ^ 4° Trofeo "Città di Livorno"
  4. ^ Beltrami, 1989, op. cit., p. 318

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

  • Arrigo Beltrami (a cura di). Almanacco illustrato del calcio 1990. Modena, Panini, 1989.

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]