Richard Réti

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Richard Réti

Richard Réti (Pezinok, 28 maggio 1889Praga, 6 giugno 1929) è stato uno scacchista cecoslovacco.

La vita[modifica | modifica wikitesto]

Richard Réti nacque a Pezinok, una cittadina vicina a Bratislava, che a quel tempo era parte del Regno d'Ungheria. Dopo la Prima guerra mondiale la regione fu inclusa nella Cecoslovacchia e attualmente è parte della Repubblica Slovacca.

Rèti quindi fu prima suddito dell'Impero Austro-Ungarico e poi cittadino cecoslovacco. Di famiglia è benestante e di origini ebree, frequentò le scuole medie a Pezinok e, terminati gli studi ginnasiali, andò a Vienna ove studiò lingue, scienza, letteratura, pittura e soprattutto matematica materia alla quale si appassionò particolarmente

Divenne quindi uno scacchista professionista (giocò per la squadra ceca e si spostava spesso in Sud America).

Colto, ottimo conversatore e diffusore di cultura scacchistica, oltre che giocatore di scacchi, fu autore di due trattati sull'argomento e compositore di studi. Un suo studio di soli pedoni è molto famoso e fa parte integrante della teoria dei finali.

Suo fratello maggiore Rudolph era un noto compositore di musica e suonatore di pianoforte. Egli è il bisnonno del pittore tedesco Elias Maria Reti.

L'innovatore[modifica | modifica wikitesto]

Richard Réti è ritenuto tra i migliori giocatori al mondo nel periodo a cavallo della prima guerra mondiale. Nella prima parte della sua carriera predilesse lo stile romantico, giocando di preferenza il Gambetto di Re (1. e4 e5 2. f4). Nel dopoguerra invece il suo stile mutò radicalmente ed egli divenne uno dei principali fautori ed esponenti del "gioco ipermoderno" assieme ad Aaron Nimzowitsch, Savielly Tartakower e Gyula Breyer.

Réti pubblicò nel 1922 il libro "Le nuove idee negli scacchi" (Trascrizione Completa), Nimzowitsch nel 1924 diede alle stampe il suo famoso libro "Il mio sistema", e sempre nel 1924 Tartakower pubblicò "La partita ipermoderna". Questi trattati possono considerarsi come il manifesto della scuola ipermoderna.

Il maestro[modifica | modifica wikitesto]

A Richard Réti si deve l'introduzione ad alto livello dell'apertura (1. Cf3 d5 2. c4) che da lui prese il nome e con la quale riuscì a sconfiggere José Raúl Capablanca nel torneo di New York 1924. Questa partita divenne famosa anche perché era la prima sconfitta dopo otto anni che il grande cubano subiva, ed anche la prima come campione del mondo. Nello stesso torneo vinse anche il 1º premio di bellezza per la sua partita contro Efim Bogoljubov.

Nel 1918 vinse il torneo di Kaschau, davanti a Milan Vidmar e Gyula Breyer, e nello stesso anno fu = 1º a Budapest. Nel 1919 vinse il torneo di Rotterdam. Nel 1920 vinse tre tornei: ad Amsterdam davanti a Maroczy, Tartakower e Euwe; a Vienna davanti a Breyer, Grünfeld e Tartakower; a Göteborg dove erano presenti i migliori giocatori d' Europa con l'eccezione di Alekhine.

Nel 1922 fu = 1º nel grande torneo di Teplitz-Schönau, nel 1923 fu secondo dietro a Emanuel Lasker al torneo di Moravska Ostrava e secondo a Vienna.

Nel 1925 Réti riuscì a giocare a San Paolo in simultanea alla cieca ben 29 partite (col risultato di +21 –2 =6), detenendo per un certo periodo il primato mondiale nella specialità; nello stesso anno fu campione cecoslovacco.

Nel 1927 partecipò con la squadra della Cecoslovacchia alle olimpiadi di Londra, ottenendo la medaglia di bronzo in prima scacchiera col risultato di (+8 – 1 =5).

Nel 1928 vinse i tornei di Vienna e di Giessen, fu = 1º a Brno e 2º a Dortmund.
Giocò il suo ultimo torneo a Stoccolma alla fine del 1928, vincendo davanti a Eric Lundin, Gösta Stoltz e Gideon Stahlberg.

Morì nel 1929 a Praga di scarlattina. L'anno successivo uscì postumo il suo secondo libro, "I maestri della scacchiera".

Due partite memorabili[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: 59205504 LCCN: n87834154